Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 03 Dicembre 2021

Le donne che hanno fatto l'Italia

GIUSEPPINA DI BARCELLONA (Peppa la cannoniera), litografia del disegnatore Riccio, seconda metà XIX sec, LGT

 

In occasione delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, il Museo Civico “Castello Ursino” di Catania ospita dal 3 febbraio all’8 marzo 2012 la mostra “Le donne che hanno fatto l’Italia” nella quale, attraverso dipinti, foto, filmati, documenti, abiti, giornali, cimeli, viene ricostruito un percorso che attesta come le donne abbiano fortemente contribuito al processo di unificazione, ai cambiamenti e alla crescita del Paese.

La mostra, promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Unità Tecnica di Missione, dal Comitato dei Garanti per le Celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia, dal Comune e dalla Prefettura di Catania in collaborazione con l’Istituto per la storia del Risorgimento italiano, sarà presentata ai giornalisti nel corso di una conferenza stampa che si svolgerà lunedì 30 gennaio 2012, ore 11, nella Sala Giunta di Palazzo degli Elefanti.

Ospiti del Sindaco Raffaele Stancanelli, saranno il Prefetto di Catania Francesca Cannizzo e Alessandro Nicosia, coordinatore dell’evento e presidente di Comunicare Organizzando, la società che lo ha realizzato.

In occasione della conferenza stampa saranno esposte due litografie di Peppa la Cannoniera, al secolo Giuseppina Bolognari (o Bolognara) eroina del Risorgimento che, originaria di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), si rese protagonista dell’insurrezione contro i Borboni nel maggio del 1860, a Catania. Le due litografie, che fanno parte della mostra, provengono dal Museo Centrale del Risorgimento di Roma.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI