Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 04 Dicembre 2021

Adoc: protesta dei forconi non deve andare contro i siciliani

“La protesta dei forconi è efficace, ma per mettere i siciliani in difficoltà.” Questa è il commento di Claudio Melchiorre, presidente di Adoc Catania. “Noi vogliamo una Sicilia che sia ricca e protagonista. Per questo, pur essendo assolutamente d’accordo sulla necessità di alzare la testa, non capiamo come questo gesto possa essere compatibile con i disagi e i danni procurati a tutti i siciliani.”
L’Adoc ha quindi convocato i propri organismi presso la sede di Sicilia Consumatori dove, l’associazione gemellata con Adoc, inaugurerà una nuova sede.
“Non sappiamo se possiamo condividere la piattaforma di coloro che protestano. Ma poiché loro dichiarano di voler rappresentare l’intera Sicilia, forse è doveroso partecipare per far sì che questa protesta sia meglio diretta, allenti la morsa sulle nostre vite e soprattutto lotti contro le speculazioni di queste ore con rialzi dei prezzi dovuti a mancanza di merce nei negozi. Fatto questo, proviamo a dirigerci contro i veri nemici dello sviluppo siciliano.”
Melchiorre ha quindi preannunciato che l’associazione domani cercherà di entrare in contatto con i leaders della protesta per capire se sia possibile una collaborazione.
Fino ad allora, però, l’auspicio dell’Adoc è che le forse di pubblica sicurezza reprimano le speculazioni. “Rialzi della benzina e dei generi alimentari sono assolutamente illegittimi. Invitiamo i cittadini a chiamare immediatamente vigili urbani, Guardia di Finanza, Polizia o Carabinieri in tutti i casi in cui constatino un aumento inspiegabile dei prezzi.”
Adoc chiama quindi il governo locale e le Istituzioni a prendersi cura dell’ordine pubblico e della regolarità di funzionamento del mercato. “Costa Crociere ha immediatamente accettato, nell’emergenza che si crei un contatto diretto con i consumatori, eventualmente con un comitato di crisi. Perché questo non rientra nelle idee delle nostre istituzioni? I mercati siciliani stanno conoscendo un momento buio, in questi giorni. Noi faremo la nostra parte per sostenere le giuste proteste-ha concluso Melchiorre-, ma che la regolarità, la legge e la legalità siano rispettate.”

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI