Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 01 Dicembre 2020

Adoc: i saldi battono la fiacca, un negozio su due bara

A Catania la crisi colpisce più che altrove e I saldi non hanno l'effetto risolutivo atteso dai commercianti. A questa realtà, Adoc aggiunge i risultati di un'analisi condotta su più provincie italiane, secondo le quali non meno del 50% dei negozi commette irregolarità amministrative rispetto alle norme che presidiano le vendite a saldo.
“Secondo I dati preliminari di un'indagine nazionale che Adoc ha realizzato, non meno del 50% degli esercizi commerciali non rispetta l'indicazione della percentuale di sconto, aumenta il prezzo del cartellino o non espone il prezzo dei capi in vetrina, avverte i propri clienti che la merce acquistata non può essere cambiata, non accetta carte di credito come mezzo di pagamento, vende merce non di stagione o acquistata ad hoc per questo periodo commerciale.” A dichiararlo è Claudio Melchiorre, presidente Adoc che lamenta gli scarsi controlli da parte dei vigili urbani e delle forze dell'ordine su queste violazioni gravi.
“In un momento di crisi, bisogna essere trasparenti e far sentire coccolato il cliente che decide di spendere il poco che ha. Al contrario, I comportamenti commerciali scorretti, sono molti e riguardano una vasta platea di negozi.”
Tra I fatti che non hanno fatto parte dell'indagine ma che sono stati rilevati dagli agenti in incognito dell'associazione, c'è la pratica scorretta di confondere la merce in saldo con quella a prezzo pieno, per mezzo di cartelli vaghi e aree non delimitate per l'effettuazione dei saldi. “Non è in questo modo che si rilancia l'economia o si può invitare I consumatori a fidare nel futuro. Senza contare che il mancato uso delle carte di credito per molte transazioni crea, con le attuali regole, la perdita netta di economia emersa.”  L'Adoc ricorda che l'ufficio legale dell'associazione è a disposizione per la tutela dei diritti di cambio, reso e prezzo equo di tutti i cittadini catanesi.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI