Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 19 Aprile 2021

Caltagirone - Dimensionamento scolastico, incontro tra i sindaci

Un incontro fra i sindaci (o gli assessori da loro delegati) dei 9 comuni del Distretto socio-sanitario del Calatino (che comprende Caltagirone, Grammichele, Licodia Eubea, Mazzarrone, Mineo, Mirabella Imbaccari, San Michele di Ganzaria, San Cono e Vizzini) si è tenuto ieri mattina, nella stanza del primo cittadino di Caltagirone, Francesco Pignataro (che l'ha convocato) per discutere sul dimensionamento scolastico, che mette a rischio l'autonomia di numerosi istituti anche in questo comprensorio. Secondo il “modello” statale, infatti, a rischiare, in questo comprensorio, sono una dozzina di istituti. Un numero, questo, che si dimezza, se non addirittura si riduce ulteriormente, nel caso di prevalenza del “modello” regionale.

I Comuni sono chiamati a proporre un proprio piano su base distrettuale e non più comunale, come avveniva in passato. Da ciò la riunione di ieri mattina.

“Si è trattato di un incontro utile. Ci siamo confrontati – spiega Pignataro – su un tema sentito, rispetto al quale lo Stato e la Regione hanno fissato paletti diversi, con il rischio che il piano di dimensionamento realizzato su base regionale con criteri che tengono maggiormente conto delle esigenze e peculiarità del territorio, non venga riconosciuto dallo Stato, determinando l'instaurarsi di un conflitto di competenze”.

I primi cittadini si consulteranno nei prossimi giorni con le scuole che, attaverso i consigli d'istituto e i collegi dei docenti, saranno chiamate a deliberare secondo un doppio binario che tiene conto dei diversi criteri formulati da Stato e Regione. Le scuole e, con loro, i rappresentanti delle amministrazioni dei comuni interessati, formuleranno due distinte ipotesi, che faranno riferimento ai due differenti modelli: quello dello Stato, che fissa in 1000 studenti il numero minimo perché un istituto abbia la propria autonomia giuridica, e quello della Regione, che pone in una fascia compresa tra i 500 e i 900 alunni il requisito per l'autonomia.

Prossimo appuntamento lunedì 14 novembre, ancora al municipio di Caltagirone, per una valutazione definitiva anche in ordine alle aggregazioni fra scuole.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI