Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 23 Gennaio 2021

La Contea e Generazione Futuro ricordano il 4 novembre

Gli attivisti dell’associazione culturale “La Contea” e di Generazione Futuro comunicano che domani Venerdì 4 novembre, alle ore 16,30 in Via Etnea di fronte l’ingresso della Villa Bellini,una propria postazione mobile celebraranno la Giornata delle Forze Armate e ricorderanno i Caduti per L’Italia. “Un gesto, il nostro, dovuto per ribadire la vicinanza della destra italiana a chi ogni giorno, in Patria e all’estero,serve l’Italia. Anche fino all’estremo sacrificio.” Lo afferma David Migneco, dirigente nazionale di Generazione Futuro – il movimento giovanile vicino al Presidente Fini – e responsabile dell’iniziativa per “La Contea”. “Saremo in piazza, tra la gente, per ribadire il forte legame che lega gli Italiani alle proprie Forze Armate, specie nel mezzogiorno da dove oggi provengono la grande maggioranza dei nostri militari e che, purtroppo, maggiormente paga il tributo di sangue per la difesa degli interessi Nazionali nelle nostre missioni di pace. Per questo –prosegue il dirigente di Generazione Futuro e “La Contea”- abbiamo scelto come motto della manifestazione l’Art. 52 della nostra Costituzione “La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino.”, per ricordare a quanti deridono e disprezzano il sacrificio dei nostri soldati, come essi compiano, al contrario di chi li deride, un dovere. Un dovere che noi giovani ci sentiamo tenuti ad onorare. Ma la scelta di un articolo della Costituzione vuole anche ribadire la fedeltà alle istituzioni che deve contraddistinguere l’azione e lo spirito di chi si impegna in politica, non solo il 4 novembre, ma ogni giorno. Ed è proprio per questo motivo che insieme a noi sarà presente anche il Vice Presidente del Consiglio Comunale, Puccio La Rosa, a testimoniare la vicinanza concreta delle istituzioni a coloro che compiono il proprio sacrificio per il bene della Patria. Al contrario di chi –conclude David Migneco- si ritiene autorizzato ad insultare pubblicamente e quotidianamente le Istituzioni, siano esse la magistratura o la presidenza della Repubblica. Noi non consideriamo Mangano un eroe, i nostri eroi sono i nostri soldati, i nostri Carabinieri, i nostri magistrati, che giorno per giorno difendono questa nostra, cara, umile Italia.”

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI