Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 11 Luglio 2020

Bronte - L’Arcat ufficializza i test alcolemici effettuati fra i giovani

L’Arcat (Associazione regionale club alcolisti in trattamento) consegna ufficialmente al sindaco di Bronte, Pino Firrarello, in qualità di sindaco capofila del distratto sanitario che comprende anche Randazzo, Maletto e Maniace, i risultati dei test effettuati fra i giovani per verificare con l’etilometro quanti avessero superato la soglia di tasso alcolemico e si scopre che il problema dell’alcolismo nel versante nord dell’Etna è quanto meno serio.

L’Arcat, in estate, servendosi della collaborazione di giovani appositamente formati, ha creato degli “info point” nelle principali piazze maggiormente frequentate dai ragazzi dei 4 Comuni. A tutti coloro che si sono presentati, anche per ritirare gadget o il buono di un euro per acquistare una bevanda rigorosamente analcolica, è stato proposto l’alcol test.

La legge impone non superi la soglia 0,5 grammi per litro di aria espirata e chiunque venga trovato positivo ai controlli per esempio delle Forze dell’Ordine, rischia serie sanzioni.

Alla fine sono stati effettuati 555 test di cui 485 ai giovani fra i 14 e 35 anni e 70 a persone oltre i 70 anni, ed è emerso che fra gli uomini il 20,7%, fra le donne il 12,5% e l’1,9% dei minori superavano il livello di alcol consentito.

Nel dettaglio questi i dati: a Bronte in 2 giorni sono stati controllati 233 persone e se il primo giorno su 114, 21 superavano la soglia di tasso alcolemico, il secondo giorno su 119 ben 43 avevano bevuto un po troppo.

A Randazzo in 2 giorni sono stati controllati 142 persone e solo 12 sono risultati positivi, ma di questi purtroppo 2 sono minorenni.

A Maniace su 102 test effettuati solo 8 sono risultati positivi, mentre a Maletto su 78 test ben 26 erano positivi.

Un dato che ha preoccupato il consigliere comunale, Maria De Luca, presidente della commissione consiliare alla solidarietà sociale: “Questi risultati mi allarmano. – afferma – In generale è emerso che circa il 22% dei test sono risultati positivi, ma a Bronte in una sola serata è stato sfiorato il 45%. Passando ai fatti, oltre alla vigilanza che questa amministrazione ha sempre effettuato e sollecitato attraverso l’indispensabile lavoro delle Forze dell’Ordine, è arrivato il momento di incrementare la sensibilizzazione direttamente verso i giovani che purtroppo si avvicinano all’alcol in giovane età. In qualità di Comune capofila – continua – informeremo immediatamente i sindaci degli altri Comuni per raccordarci con il direttore del Distretto sanitario dell’Asp do Bronte”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI