Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 14 Luglio 2020

Iniziata l’azione di “Fitodepurazione”

Eicchornia crassipes orto botanico catania

 

Nella sede dell’impianto di depurazione di Sant’Anna di Mascali, a seguito dell’incontro tenutosi fra Francesco Vasta, presidente del Consorzio per il Servizio di Depurazione dei Liquami dei Comuni dell’Area jonico-etnea, Pietro Pavone, direttore del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali e Giuseppe Cirelli, docente del Dipartimento GeSA – Gestione dei Sistemi Agricoli e Ambientali della Facoltà di Agraria, entrambi dell'Università degli Studi di Catania, è stata intrapresa l’azione di “Fitodepurazione”.

Si tratta di un primo esperimento che ha previsto l’uso di una particolare pianta, Eicchornia crassipes, coadiuvante il processo di “Fitodepurazione”.

Eicchornia crassipes è una pianta acquatica galleggiante, rizomatosa, alta 20-25 cm, con foglie emergenti dall'acqua, carnose, portate da un picciolo rigonfio, fornito all'interno di abbondante parenchima aerifero che favorisce il galleggiamento. La pianta produce fiori raccolti in infiorescenze racemose, imbutiformi, con il perigonio zigomorfo di un bel colore azzurro-violetto e con striature purpuree che a maturità producono dei frutti a capsule che vengono portate sott'acqua mediante il ripiegamento del peduncolo fiorale. La pianta fiorisce in estate.

Le piante di Eicchornia sono state immesse nelle vasche finali della depurazione e allo stato attuale vegetano vigorosamente.

L’Ecchornia crassipes, è idonea alla depurazione naturale delle acque e può sostituire i sistemi tradizionali di depurazione che vengono effettuati con l’ausilio di sostanze chimiche.

La fidepurazione è una metodologia economica, in grado di ridurre le spese di esercizio per la depurazione in quanto assorbe gli elementi presenti in acqua chimicamente non puri grazie anche alla presenza di microrganismi che stanziano nell’apparato radicale della Eicchornia. In questo modo la pianta effettua un’attività di intercettazione ed abbattimento di sostanze malsane.

Il progetto di Fitodepurazione concordato fra gli attori sopracitati - Consorzio e Dipartimenti universitari competenti- si propone di realizzare un impianto di fitodepurazione e il conseguente monitoraggio della capacità del sistema di depurazione, riducendo il carico inquinante delle acque reflue.

 

Al momento il sistema è in fase di iniziale sperimentazione e risulta integrato all’attuale processo chimico di depurazione. L’auspico è: l’ottimizzazione dell’impianto fitodepurativo, che garantirebbe la totale depurazione naturale con un notevole risparmio economico.

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI