Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 25 Ottobre 2021

Caltagirone - Ospedale Santo Pietro, allarme rientrato

“Troppi fra dipendenti ed ex dipendenti dell'ospedale Santo Pietro si sono ammalati di tumore”. L'allarme, lanciato da alcuni operatori sanitari e approdato in Consiglio comunale, aveva messo in moto, alla fine di luglio, una serie di indagini disposte dall'Asp di Catania, che adesso hanno dato risultati rassicuranti, come riferito ieri sera, dal presidente Fortunato Parisi, a conclusione della seduta dell'assise cittadina. Il presidente ha fatto riferimento alle comunicazioni dell'Asp, che esclude sia una particolare incidenza tumorale nella zona, sia l'ipotesi che nell'area di Santo Pietro ci sia un livello di radioattività superiore al normale.

“Sono soddisfatto – sottolinea il consigliere comunale Francesco Tasca, che aveva sollecitato un accurato screening – che sia stata fatta chiarezza e che siano stati scongiurati rischi, nel legittimo interesse tanto dei lavoratori, quanto degli utenti della struttura e dei residenti della zona, Ringrazio il dott. Oriente e quanti altri si sono dati da fare con la necessaria celerità”.

“Era giusto – afferma il consigliere comunale Giovanni Garofalo, che aveva chiesto interventi – che si mettessero in atto azioni celeri. Accolgo con favore l'esito delle indagini, che possono finalmente restituire serenità a tante famiglie”.

Il presidente Fortunato Parisi osserva come al Consiglio possa essere riconosciuto “il merito di avere posto un problema assai sentito e di avere chiesto con forza che si effettuassero, con la necessaria sollecitudine, le verifiche del caso”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI