Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 19 Agosto 2019

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:822 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:3230 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1300 Crotone

Maria Taglioni: 11 diplom…

Giu 24, 2019 Hits:1358 Crotone

Giuseppe Castagnino nomin…

Giu 14, 2019 Hits:1650 Crotone

Giornate Internazionali d…

Giu 13, 2019 Hits:2080 Crotone

Alvei fluviali: la Statale 417 a rischio esondazione

Il consigliere Giuseppe Mistretta, del gruppo La Destra-“Con Nello Musumeci per la Provincia”, lancia l’allarme sul rischio esondazione del Gornalunga e del Dittaino. «A gennaio del 2009 – dichiara Mistretta - ho presentato in Consiglio provinciale un ordine del giorno, peraltro approvato all’unanimità, in cui si evidenziavano i pericoli inerenti i numerosi corsi d’acqua della provincia etnea, come il Simeto, il Dittaino o il Gornalunga. A marzo del 2010 sono ritornato sull’argomento, ripuntando l’attenzione sulla delicatissima vicenda. Oggi, a distanza di anni, siamo ancora qui ad osservare torrenti e fiumi in piena che potrebbero esondare da un momento all’altro».

Purtroppo, nonostante i numerosi allarmi, «non si registra – sottolinea l’esponente de La Destra – nessun intervento per consentire il rapido deflusso delle acque. Anzi, nei pressi dei ponti che collegano le sponde del Gornalunga e del Dittaino, il livello cresce a vista d’occhio e la strada statale 417 rischia continuamente d’essere allagata, con gravi danni al patrimonio pubblico e privato, nonché, cosa ben più grave, con il pericolo che qualche automobilista perda la vita».

La Provincia Regionale di Catania dovrebbe fortemente stimolare la Regione Siciliana e il Genio Civile per una veloce opera di pulizia e riconsolidamento degli argini. «In Sicilia – nota Mistretta – grazie a Dio non si verificano le piogge torrenziali che squassano altre zone del mondo, ma qualora dovesse arrivare anche da noi una tempesta i danni sarebbero incalcolabili, sia in termini economici che di vite umane».

«Che cosa si aspetta ad intervenire?» si chiede Mistretta. «Come sempre accade in Sicilia, occorre per forza una disgrazia per operare con urgenza, a danno irreparabile ormai avvenuto?».

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI