Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 22 Novembre 2019

Acitrezza - Conclusa l’indimenticabile due giorni clou di festeggiamenti in onore della Madonna della Buona Nuova

processione a mare con la statua della madonna della buona nuova

 

Si è conclusa ieri sera, Domenica 4 Settembre 2011, l’indimenticabile due giorni clou del solenni festeggiamenti in onore della Madonna della Buona Nuova, Compatrona di Acitrezza, nell’anno del primo centenario dalla realizzazione del simulacro ligneo.

Una folla di fedeli trezzoti, ma anche di visitatori ed un numero nutrito di turisti, ha partecipato con grande fede e devozione, ma anche con curiosità e trepidazione, alle varie fasi della festa che anche quest’anno è stata organizzata con maestria dalla Commissione per i festeggiamenti con il patrocinio del Comune di Acicastello.

Particolarmente toccante e suggestivo è stato il momento in cui l’antico simulacro della Madonna della Buona Nuova, è stato portato sul fercolo fino al molo vecchio dove è stato deposto su un peschereccio per solcare in processione, insieme a numerose barche, il tratto di mare antistante Acitrezza in occasione della benedizione impartita dal parroco don Giovanni Mammino.

omaggio floreale alla madonna del faraglione

 

Partecipato dai trezzoti è stato anche il pontificale, presieduto dall’amministratore apostolico della Diocesi di Acireale monsignor Pio Vittorio Vigo, che poi non ha voluto mancare al tradizionale appuntamento con l’omaggio floreale delle Comunità parrocchiali e della Commissione per i festeggiamenti alla statua della Madonna posta sul faraglione grande. Uno stuolo di imbarcazioni, ed il suono della banda hanno infatti anticipato un intenso momento di preghiera, tra numerosi bagnanti ed il soffuso suono della “rogna” da parte dell’equipaggio della tipica barca “Provvidenza”.

Nelle serate di Sabato e Domenica, infine, le classiche “Calate dell’angelo” e le vie inondate di persone hanno caratterizzato la processione del fercolo all’interno del paese, con la tradizionale breve sosta nella chiesa di Santa Maria La Nova per la Santa Messa, le spettacolari “corse” ed i fuochi d’artificio fatti esplodere in cielo dalle ditte “Cav. Rosario Spina e figli” di Cosentini e “Pirotecnia” dei fratelli Vaccalluzzo di Belpasso.

E le magnifiche coreografie di fuoco firmate magistralmente da Nino Vaccalluzzo, sono state l’autentico gran finale di questo primo centenario che sicuramente farà ancora parlare di sé per molti anni e rimarrà impresso in maniera indelebile nel ricordo dei tanti devoti della Madonna della Buona Nuova, e nella storia della cittadina di Acitrezza.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI