Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 25 Novembre 2020

Piazza Carlo Alberto: nuova operazione antiabusivismo

Nuova operazione antibusivismo della squadra annonaria della Polizia Municipale che all'alba di oggi su disposizione del Sindaco Raffaele Stancanelli e le direttive dell'assessore alle attività produttive Franz Cannizzo, che ha portato a termine un'importante e complessa operazione di contrasto alla contraffazione nel mercato storico di Piazza Carlo Alberto, allontanando dalla zona di confine dell'area mercatale, in via Luigi Rizzo e Piazza Grenoble una cinquantina di extracomunitari,in prevalenza di origine senegalese, dediti alla vendita di prodotti contraffatti (borse,scarpe,jeans e molti altri accessori).
Nel mirino della Polizia Municipale anche una trentina di operatori locali molti dei quali senza alcun tipo di licenza e autorizzazione)che quotidianamente rivendono abusivamente frutta, verdura e prodotti vari in zona.
L'intera area è rimasta sgombera per tutta la mattinata permettendo agli operatori commerciali regolari, ambulanti e in sede fissa, di poter lavorare in condizioni di normalità.
"La salute prima di tutto e la garanzia dei marchi regolarmente registrati -ha spiegato l’assessore Cannizzo- ma anche la lealtà commerciale e la tutela del libero mercato, sono gli elementi sui quali si sta concentrando la nostra azione di contrasto all’illegalità.
Comunque -evidenzia l'Assessore Cannizzo - non negheremo mai il diritto al lavoro di chicchessia, anzi forniremo concretamente l'appoggio politico ed amministrativo a quanti regolarizzeranno la propria posizione, decidendo di passare da operatori abusivi a regolari, senza vendere prodotti taroccati. La contraffazione e l'abusivismo - conclude l'Assessore Franz Cannizzo - causano danno alle imprese per la mancata vendita e riduzione di fatturato, oltre al danno sociale connesso allo sfruttamento di soggetti deboli reclutati attraverso un vero e proprio racket del lavoro nero".
Le operazioni antiabusivismo e anticontraffazione nei mercati storici continueranno anche nei prossimi giorni.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI