Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 11 Luglio 2020

Trasporti ferroviari in Sicilia, mozione parlamentare di Enzo Bianco

“Non possiamo tollerare che la Sicilia e il Sud d’Italia vengano lasciati al loro destino, abbandonati dall’Unione europea che non vuole più finanziare il sistema di trasporto del corridoio Berlino-Palermo mettendo a rischio anche la realizzazione e l’utilità del Ponte sullo Stretto; con le Ferrovie che investono solo al Nord e al centro del paese e in Sicilia, invece di migliorare la rete ferroviaria e assicurare l’alta velocità, tagliano collegamenti, eliminano treni a lunga percorrenza, non assicurano un minimo e decente servizio per i pendolari e pregiudicano pure il trasporto merci (- 46%); con l’aeroporto più importante del Meridione, quello di Fontanarossa, che senza lo spostamento della linea ferrata non può programmare il suo sviluppo; con la metropolitana di Catania che rischia di diventare una grande incompiuta perché vengono tagliati finanziamenti; con il progetto per il passante ferroviario di Catania che non si sa come e quando verrà realizzato completamente. Ci vuole una forte azione per dire basta a questo stato di cose. Ne va del futuro di questa terra e dei nostri figli. Ognuno faccia la sua parte a cominciare dalla Regione Siciliana”. Enzo Bianco non ci sta ad assistere a questo progressivo ed inequivocabile disimpegno dello Stato nel trasporto ferroviario e nella realizzazione di infrastrutture e stamattina in conferenza stampa alla Stazione centrale di Catania – con i deputati nazionali del PD Marilena Samperi e Giovanni Burtone, il deputato regionale Giovanni Barbagallo, i consiglieri comunali di Catania Saro D’Agata, Pippo Castorina, Carmelo Sofia, Lanfranco Zappalà, Francesca Raciti – annuncia un’azione corale per dire “no” a quanto sta accadendo. “Presenterò una mozione in Senato che chiederò di firmare a tutti i senatori siciliani di qualsiasi schieramento”. Idem faranno Marilena Samperi e Giovanni Burtone alla camera dei Deputati; e così farà anche Giovanni Barbagallo all’Assemblea regionale, dove aveva già presentato una interrogazione qualche mese fa. Anche i consiglieri comunali presenteranno un ordine del giorno in Consiglio per impegnare il sindaco a farsi sentire col governo nazionale.
“Non possiamo stare con le mani in mano, occorre mobilitarsi – afferma Bianco -. Mi auguro che tutti i consiglieri comunali del PD di tutta la Sicilia presentino degli ordini del giorno su questo nei rispettivi consigli comunali e che la anche la società civile faccia sentire la sua voce. E’ inconcepibile che da Catania non ci siano in pratica collegamenti con Siracusa e con Agrigento, che i raddoppi delle linee Messina-Palermo e Messina-Catania non siano completati, che non ci sia una servizio pendolari, almeno da Giarre a Catania, efficiente, che il collegamento da Catania a Palermo prevede un viaggio dalle 4 ore e mezza alle 6 ore, eccetto uno che dura 3 ore ma che parte alle 15,30! Ed è inaccettabile – continua Bianco - che i progetti per velocizzare la tratta tra le due grandi città siciliane siano assolutamente vaghi. Così come lo è il fatto che mentre la provincia di Bolzano, da sola, investe 58 ml di euro l’anno nel trasporto locale, la Regione Siciliana nel 2010 non ha investito un euro e non fa la sua parte”. C’è poi la questione del contratto di Servizio che Trenitalia non ha ancora firmato con la Regione, come invece è stato fatto in molte altre regioni e questo non permette di garantire i circa 53mila viaggiatori che ogni giorno usano il treno in Sicilia (contro gli oltre 500 mila della Lombardia), secondo i dati del rapporto “Pendolaria 2010” di Legambiente e le molte denunce da Giosué Malaponti, presidente del comitato pendolari siciliani.
“Mentre in qualsiasi Stato si cerca di far sviluppare le regioni più deboli, in Italia Il Sud viene lasciato ai margini – dice Samperi – Avevamo già presentato una interrogazione alla Camera, ma non c’è stata nessuna risposta. Il problema è che al di là degli investimenti, in Sicilia non si fa nemmeno la normale manutenzione. E poi crollano i ponti come sulla Catania-Gela mettendo a rischio anche le vite umane”.
Giovanni Barbagallo qualche mese fa aveva già presentato una mozione in cui evidenziava che “sono stati chiusi gli uffici del personale capotreno a Catania, Messina, Caltanissetta e Castelvetrano, che il traffico ferroviario regionale è sempre più penalizzato e che le Ferrovie hanno di fatto privato la Sicilia dell’alta velocità” e aveva chiesto alla Regione di “intervenire nei confronti del governo” e “richiedere un incontro con il presidente della Rete ferroviaria Italiana Lo Bosco”. “Da anni – dice Barbagallo – aspettiamo il Piano regionale dei trasporti e c’è una sottovalutazione del problema. Il diritto alla mobilità è sacrosanto, ma è negato anche per l’inerzia del governo Lombardo su questo fronte. Spero che a questa iniziativa aderiscano anche le altre forze politiche”.
“I dati presentati oggi sono allarmanti – dice Saro D’Agata – Si mette a rischio anche un moderno sistema di mobilità urbana a Catania. Chiederemo al sindaco di svegliarsi e di impegnarsi nei confronti del governo nazionale”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI