Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 02 Luglio 2020

Caltagirone - Ok della Regione a 39 progetti col Piano integrato di sviluppo territoriale

Il Calatino Sud Simeto conferma la propria capacità di fare “rete”. Sono 39 i progetti, per complessivi 55 milioni 800 mila euro che, presentati dalla coalizione territoriale che raggruppa i 15 centri del comprensorio (oltre a Caltagirone, che è il Comune capofila, Castel di Iudica, Grammichele, Licodia Eubea, Mazzarrone, Mineo, Mirabella Imbaccari, Palagonia, San Michele di Ganzaria, Raddusa, Ramacca, Vizzini, Militello, San Cono e Scordia), sono stati riconosciuti ammissibili e coerenti con la programmazione regionale – dall'assessorato alla Presidenza della Regione – e hanno, quindi, fondate possibilità di essere finanziati attraverso il Pist (Piano integrato di sviluppo territoriale) e di beneficiare dei fondi Por 2007/2013.

Fra i 39, sono 13, per circa 22 milioni di euro, quelli proposti dal Comune di Caltagirone, che contemplano, fra l'altro, la riqualificazione delle piazze Umberto e Municipio (4 milioni 800 mila), l'ulteriore restauro del cimitero monumentale con la realizzazione del museo della cultura tanatologica (5 milioni di euro), l'obiettivo - efficienza energetica nel palazzo municipale (1,5 milioni), la realizzazione di laboratori per la produzione artistica della ceramica nei pressi della fornace Hoffmann (1,5 milioni di euro), la costruzione di un ascensore urbano per collegare il parcheggio Cappuccini con il largo sovrastante (1,4 milioni), l'adeguamento sisimico, con interventi di efficienza energetica, nella scuola dei Semini (3 milioni di euro), la riqualificazione e il restauro dei fontanoni del Gagini (720 mila).

Un incontro fra i sindaci dei comuni del Calatino, per fare il punto della situazione, è stato convocato dal primo cittadino di Caltagirone, Francesco Pignataro, per mercoledì 15 giugno, alle 18, nella sua stanza.

I progetti (l'assistenza tecnica, coordinata dell'Utc del Comune di Caltagirone, è stata curata dall'Agenzia di sviluppo integrato e dagli uffici tecnici comunali) si propongono prevalentemente interventi di riqualificazione urbana integrati con le politiche di crescita del territorio quali cultura, turismo, servizi, risparmio energetico ed energie rinnovabili. Due gli obiettivi prioritari: lo sviluppo economico sostenibile e quello sociale.

“Ancora una volta – sottolinea l'assessore alle Attività produttive e vicesindaco di Caltagirone, Alessandra Foti – il nostro territorio dimostra capacità di progettazione e pianificazione dello sviluppo e, ancora una volta, si è rivelata importante la scelta che il nostro Comune ha fatto nel dotarsi di un piano strategico”.

“Nonostante il Calatino subisca, per decisioni censurabili, tagli di strutture e servizi penalizzanti – afferma il sindaco Francesco Pignataro – il nostro territorio continua a caratterizzarsi per una serie di importanti politiche d'area e per una proficua unità d'intenti, che danno i frutti sperati”.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI