Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 18 Ottobre 2021

Domani sera, sfilata conclusiva del Madeinmedi 2011, con "Sood Generation"

Continua l’appuntamento con il Madeinmedi 2011 e domani, 11 giugno, alle ore 21,  presso il Centro culturale Le Ciminiere di Catania, il defilè "Sood Generation" darà spazio agli stilisti emergenti e di Haute Couture & Jewellery. Il progetto ideato da Marco Aloisi, con il patrocinio del Ministero per i Beni culturali e la Provincia regionale di Catania, nella persona del presidente Giuseppe Castiglione, vuole condurre la creatività lungo la cultura mediterranea.

A sfilare, le collezioni di Siculamente, factory creativa di Ragusa. I gioielli della signora del corallo, Marilù Fernandez. E ancora, Sonia Macaddino e Gaetano Accursio che, con il loro marchio Between, propongono la collezione “Retrogenie”. Dalla Corea del Sud, Hyunjoo Chung, presenta la sua collezione ispirata alle variazioni della luce, "dal primo raggio di sole quando mi sveglio la mattina, alla luce della luna prima di andare a dormire, passando per il riverbero della lampada che sta sul comodino accanto al letto, alla candela di quando hai voglia di un po’ di romanticismo”, come ci descrive. Per notti magiche, la collezione di Aber Gazzi, stilista yemenita. Anche Marilena Raffa, Gilda Ruggeri, Quasar, Augusta Camuglia, Canuzzi al Madeinmedi 2011. E, infine, un suggestivo momento con la sfilata“Sinfonia n°1″, la prima collezione del licatese Antonio Attisano, scomparso lo scorso dicembre all’età di sedici anni. “Scriveva libri – racconta il padre - poesie e saggi, parlava quattro lingue, suonava il pianoforte, adorava Chopin ed era amico di tutti. Oltre a tutto questo, la sua sorellina ci ha fatto vedere quella carpetta coi disegni, e noi non abbiamo potuto non rimanere particolarmente stupiti dalla cosa». Otto modelli che si ispirano a Coco Chanel e fanno parte di una serie di abiti che saranno realizzati in futuro, anche grazie a una borsa di studio che la Fondazione Antonio Attisano, che deve ancora nascere, devolverà ogni anno a un giovane stilista che si impegnerà a reinterpretare e creare i capi disegnati da Antonio.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI