Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 21 Agosto 2019

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:860 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:3325 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1328 Crotone

Maria Taglioni: 11 diplom…

Giu 24, 2019 Hits:1386 Crotone

Giuseppe Castagnino nomin…

Giu 14, 2019 Hits:1678 Crotone

Giornate Internazionali d…

Giu 13, 2019 Hits:2112 Crotone

Caltagirone - Ospedale delle donne: sino al 27 febbraio “Omnia Tempus Habent”

In considerazione degli apprezzamenti ricevuti, è stata prorogata al 27 febbraio la mostra “Omnia Tempus Habent”, autoritratti di Giulio Fragapane, aperta dal 16 dicembre, su iniziativa dei Musei civici “Luigi Sturzo”, all'interno del Museo d'arte contemporanea di Caltagirone (Macc), nell'ex Ospedale delle donne.

Giulio Fragapane (Genova 1937), nel corso della sua lunga attività di pittore e di docente nelle discipline della storia dell’arte e dell’educazione artistica, svoltasi interamente a Caltagirone, silentemente e quasi nascostamente, seguendo la propria indole ed il proprio carattere, ha percorso vari sentieri della ricerca artistica, nell’ambito della figurazione verso cui lo hanno portato la grande conoscenza dei Maestri del passato e le straordinarie capacità tecniche, coloristiche e luministiche. Nei vari passaggi su cui si è soffermato anche a lungo: dalla spazialità e dalla esperienza volumetrica quattrocentesca antonelliana e fiamminga, alla monumentalizzazione quasi pre cubista alla Sironi, per finire alle scarnificate e livide forme di un espressionismo tendente alla semplificazione e alla monocromia, il filo conduttore è costituito da una serie di straordinari

autoritratti, dal 1954 al 1992, attraverso i quali sperimenta le proprie possibilità espressive, ma soprattutto si confronta con la propria stessa immagine.

“Da una prospettiva più lontana e nella maturazione di una consapevolezza di ciò che nel nostro mondo è avvenuto di irreversibile e apocalittico – scrive il direttore dei musei civici Domenico Amoroso - la serie di ritratti costituisce un tuffo metaforico nello scorrere del tempo, individuale e universale”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI