Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 08 Dicembre 2021

Giovani, fare rete per recuperare i soggetti a rischio

Fare rete, lavorare insieme per ottenere risultati. È questo l’obiettivo raggiunto grazie al progetto “Genitorial…mente”, che si è chiuso ieri (30 maggio) alle Ciminiere con un evento che ha coinvolto i ragazzi delle scuole, i volontari, gli insegnanti, gli operatori sanitari e le famiglie.

Un’iniziativa del distretto sanitario CT3 dell’Asp - finanziata dall’assessorato regionale alla Famiglia, Politiche Sociali e Lavoro - e realizzata in sinergia con l’Acli, la “Fraternità Misericordia S.M. di Ognina” e le scuole Capponi–Recupero, Malerba e Parini, nata per rispondere ai bisogni della comunità della seconda municipalità. «Questa circoscrizione – ha spiegato Maria Grazia Villari, dirigente medico Asp e referente del progetto - occupa il secondo posto in graduatoria per numero di residenti con i suoi 57.400 abitanti ed è la meno omogenea sia da un punto di vista storico che urbanistico. Il dato va con ogni probabilità messo in correlazione con la presenza di cittadini stranieri, soprattutto extra-comunitari, che sono qui presenti in numero decisamente elevato e che implicano una forte esigenza di integrazione multiculturale. Il territorio negli anni  ha sempre più avvertito l’esigenza di una risposta attraverso interventi mirati e operativi a sostegno della genitorialità. In modo particolare la famiglia spesso si configura al proprio interno incapace ad affrontare i problemi emergenti di salute dei giovani e di seguire la loro crescita educativa, relazionale e affettiva».

In questo contesto, inoltre, risulta evidente la difficoltà di alcune famiglie a chiedere supporto ai servizi presenti sul territorio: «Da analisi statistiche – ha continuato la Villari - si rileva che sempre più minori assumono comportamenti a rischio che difficilmente vengono attenzionati e tempestivamente rilevati. Questo provoca una maggiore difficoltà operativa da parte dei servizi competenti nell'approntare interventi mirati al recupero del soggetto a rischio».

Attraverso il progetto “Genitorial…mente” all’interno delle scuole sono stati effettuati screening sul linguaggio per una diagnosi precoce, incontri sull’educazione alimentare e sulla genitorialità per comprendere ruoli e relazioni all’interno delle famiglie, grazie al supporto degli operatori dei consultori familiari.

«Il sistema sanitario regionale – ha spiegato Franco Luca, coordinatore Sanitario dell’Area Territoriale Asp Catania e presidente Acli Catania – oggi mira al raggiungimento degli obiettivi-salute, spostando l’attenzione dalla cura alla prevenzione delle patologie più diffuse. È per questo che con la Legge di riordino della sanità siciliana, l’assessorato ha cercato di innovare il sistema e di costruire percorsi di deospedalizzazione, attraverso nuove strutture – quali i PTA, presidi territoriali di assistenza – volti alla presa in carico degli utenti attraverso percorsi personalizzati. Tutto questo a supporto della prevenzione, che inevitabilmente deve partire dai ragazzi. Con questo progetto abbiamo dunque cercato di analizzare fenomeni – quali il sovrappeso, i disagi familiari, i disturbi del comportamento – che potrebbero poi sfociare in patologie, proprio per cercare di arginare malesseri in fase preventiva».

All’incontro hanno partecipato: il presidente Fraternità Misericordia Santa Maria di Ognina Salvo Brancato, la referente dell’Istituto comprensivo Parini Paola Liuzzo; la dirigente della Capponi-Recupero Emanuela Deganello; la dirigente della Malerba Agata Pappalardo. Sul tema “Le Nuove Frontiere della Prevenzione” sono intervenuti il responsabile del Consultorio Familiare 1 Distretto CT3 Giuseppe Camilleri e la responsabile Ufficio Educazione alla Salute Distretto CT3 Rossella Trombetta.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI