Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 28 Gennaio 2021

Caltagirone - Il grido d'allarme dei sindaci: “Nessuno tocchi la ferrovia Gela – Catania”

Fronte comune dei sindaci di Caltagirone (Francesco Pignataro), Niscemi (Giovanni Di Martino) e Gela (Angelo Fasulo) che, stamani, su iniziativa di Di Martino, si sono riuniti nel municipio di Niscemi, concertando una serie di azioni per reclamare la soluzione dei problemi infrastrutturali della zona, a partire dalla chiusura della linea ferroviaria dopo il crollo del ponte in località Angeli (fra Caltagirone e Niscemi), che solo per una serie di circostanze fortuite (la domenica, vale a dire il giorno in cui è avvenuto, non vi sono treni passeggeri) non ha provocato una tragedia.

“Non si approfitti dell'attuale chiusura, dovuta al crollo – hanno detto i sindaci di Niscemi, Gela e Caltagirone -, per assestare il colpo definitivo a una linea che conferma in pieno la propria utilità (che va, anzi, accresciuta con interventi capaci di accorciare i tempi di percorrenza) e che soltanto qualche benpensante, lontano dalle reali esigenze del territorio, può definire ramo secco. Piuttosto, si accelerino i tempi per una verifica attenta della tenuta delle arcate lungo l'intero percorso, per scongiurare analoghi rischi di cedimenti e per circoscrivere, così, gli interventi in modo da ripristinare al più presto la percorribilità del ponte e dell'intero tragitto. Si tenga conto che, con la chiusura della linea ferroviaria, la Ss 417 Catania – Gela, già tristemente nota come strada della morte, vedrebbe accrescere il già consistente flusso dei veicoli, con l'aumento dei fattori di rischio”.

“Chiederemo ai vertici delle Ferrovie – riferisce Pignataro – un incontro con le istituzioni e con le forze economiche e sociali del territorio per capire quali sono i reali intendimenti su questa tratta. Ai rappresentanti dei governi nazionale e regionale chiediamo, invece, di lavorare a un serio progetto di trasporto intermodale, che metta insieme e valorizzi le realtà del porto di Gela, della rete ferroviaria e viaria di Niscemi, Caltagirone e degli altri centri del Calatino, dell'aeroporto di Catania e di quello di Comiso”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI