Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 19 Giugno 2019

All’Ardizzone Gioeni il mercato biologico “Cent’anni di Luce” per “Cent’anni di Salute”

Complice la bella giornata di domenica, il mercato biologico organizzato all’interno degli stand espositivi nel giardino dell’istituto per ciechi “Ardizzone-Gioeni” a Catania, sin dalla sua apertura ha attirato tanti consumatori. Già nella tarda mattinata quasi tutte le merci sono state esaurite. Olio, formaggi, arance, salumi, pistacchi e tanto altro sono stati esposti all’interno dei box allestiti dai produttori provenienti da tutta la Sicilia. “ Abbiamo ricevuto i complimenti da parte di tutti gli avventori- afferma il presidente dell’Ardizzone Gioeni Prof. Gianluca Rapisarda- vedere la gente che acquista i prodotti locali in totale sicurezza è forse la dimostrazione più evidente  dell’importanza dell’agricoltura nella nostra terra. Una prerogativa che l’istituto ha sempre sostenuto e lo sta evidenziando all’interno degli eventi celebrativi per i suoi cent’anni di vita”. Non solo mercato comunque ma tanto altro: grazie alla location in via Etnea tante famiglie ne hanno approfittato per trascorrere una giornata vivendo la città. “Quello di oggi è stato un risultato estremamente positivo- sottolinea Antonino Coco presidente dell’associazione “A Fera Bio”- stiamo “procedendo in quarta” con le merci sui banconi andate letteralmente a ruba. Dopo la crisi che ha colpito consumatori e produttori, iniziative come queste servono a mettere in moto un circolo economico virtuoso”. La vendita diretta dei prodotti ha permesso di evitare la  moltiplicazione dei prezzi dal campo alla tavola oltre a garantire il vero “Made in Italy”. In tutti gli stand presenti hanno trovato spazio le migliori produzioni dell’agroalimentare isolano. Molto spesso infatti gran parte dei prodotti alimentari che arrivano sulle tavole non contengono materia prima agricola proveniente dagli allevamenti o dai campi italiani. Tutto all'insaputa dei consumatori. Un inganno che oggi crea un’ invasione del pistacchio fatto in Cina, dalle arance spagnole  e perfino olii e fichi d’india pataccati. “ Qualche volta manca persino l’indicazione o l’etichetta- ribadisce Alfredo Tamburino di Legambiente Sicilia- è tempo di invertire questa tendenza con prodotti a chilometraggio zero e a bassissimo impatto ambientale”. Centrato l’obbiettivo “ All’Ardizzone Gioeni si mangia buono, sano e siciliano” adesso si lavora per creare un marchio di prodotti biologici esponendo fichi d’india, arance,olio, olive, latte a denominazione “San Vito Gioieni”. Un fondo in zona San Vito (nel territorio di Belpasso) che permetterà di formare tanti agricoltori non vendenti. Da qui garantire ai consumatori non solo l’offerta di prodotti stagionali, locali, sicuri e di qualità, e ai ragazzi diversamente abili si formarsi in questo nuovo ambito lavorativo.

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI