Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 06 Agosto 2020

Ramacca - Guardia medica, Pte e 118 trasferiti nei nuovi locali di via Foscolo, 1

Il direttore generale dell’Asp Catania Giuseppe Calaciura rende noto agli utenti di Ramacca che, questa mattina – venerdì 6 maggio 2011 - la guardia medica, il Pte (presidio territoriale di emergenza) e il 118 sono stati trasferiti presso i locali di via Ugo Foscolo 1 (lato sud-ovest del plesso, al piano terra).

 

I servizi erano allocati provvisoriamente in via Giacomo Leopardi, nell’attesa che venissero ultimati i lavori di ristrutturazione e adeguamento a norma dell’immobile di via Foscolo, dove nei prossimi mesi verrà ultimata e inaugurata anche una Rsa (Residenza sanitaria assistenziale) con 20 posti letto destinata ai malati di lunga degenza. Giunge così a compimento la realizzazione di un'opera pubblica molto attesa dalla popolazione, ma anche dal personale medico e infermieristico.

 

«Con questo trasferimento – spiega Calaciura – viene così reso operativo l’ex presidio ospedaliero “Parroco Scuderi”, che in passato ha rappresentato un importante punto di riferimento sanitario - non solo per Ramacca, ma per tutto il comprensorio formato dai paesi del Distretto di Palagonia - dove nel 1996 anch’io ho lavorato come primario di anestesia. Quest’opera rappresenta un tassello del più vasto piano di interventi avviato da questa Asp per riqualificare e mettere in sicurezza le strutture aziendali e per colmare la carenza di Residenze sanitarie assistite pubbliche nella provincia di Catania. La rifunzionalizzazione dei locali, oggi sicuri, accoglienti e rispondenti alle esigenze dei cittadini, è costata circa 850mila euro, finanziati dal ministero della Salute, dalla Regione siciliana e dai fondi aziendali. Anche in questo caso siamo riusciti ad attingere ai finanziamenti nazionali e regionali, per non far gravare tutta la spesa sul bilancio dell’Asp».

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI