Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 30 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:1116 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1593 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1110 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1814 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2574 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:2074 Crotone

Famiglia e welfare, un evento organizzato dalla senatrice Tiziana Drago

Famiglia, welfare e prospettive di sviluppo. Questi i temi affrontati nel corso di un incontro organizzato dal Movimento Cinque Stelle e tenutosi ieri a Tremestieri Etneo. A sviscerare la complessità dei temi la senatrice Tiziana Drago, la candidata a sindaco di Tremestieri Simona Pulvirenti che si sono avvalse degli autorevoli interventi di Angelo Mazza (professore associato di Demografia nel dipartimento di Economia e Impresa di Catania), Antonino Pulvirenti (Docente di Musica I. C. S. “Casella” di Pedara, coordinatore provinciale ANFN di Catania, già coordinatore regionale ANFN) e di  Carmela Scuderi (Dottoressa di ricerca in scienze politiche, specialista in Democrazia e Diritti Umani nell’Organizzazione degli Stati Americani (OSA) nonché assessore designato del M5S di Tremestieri Etneo). Ha moderato il dibattito Daniela Parisi, docente e Teaching Experimenter della Metodologia e Didattica innovativa "Keyrings".

“La famiglia deve essere il fulcro delle comunità locali – ha detto la candidata a sindaco Simona Pulvirenti – e nel mio programma amministrativo abbiamo elaborato una serie di misure a sostegno dei nuclei famigliari e all'insegna del welfare. Vogliamo far diventare Tremestieri un Comune “amico della famiglia”: si tratta di un marchio, riconosciuto a livello nazionale, che identifica quelle amministrazioni comunali virtuose che sviluppano politiche improntate alla programmazione e verifica dei servizi alle famiglie, tariffe calmierate, tutela ambientale e spiccata qualità della vita per i più piccoli, comunicazione efficace”.

La senatrice del Movimento Cinque Stelle Tiziana Drago ha aggiunto: “Sulla tutela del welfare familiare, sulla rivisitazione dei parametri Isee ho presentato proposte e disegni di legge. Mi sono battuta, in particolare, per contrastare l’inverno demografico che stiamo affrontando e voglio sfatare un falso mito. Non è vero che i giovani non vogliono figli e non vogliono impegnarsi. I giovani, al momento, non possono permettersi i figli, non possono accendere mutui, non possono programmare il futuro per l'incertezza lavorativa e per un welfare familiare ancora zoppicante. Quindi serve affrontare la questione in maniera sistemica: ogni ministero deve fare la sua parte dando prospettive alle giovani coppie e aiutando le famiglie con misure e fiscalità di vantaggio”.

Antonio Pulvirenti è tra i fondatori dell’Associazione Nazionale Famiglie numerose e ne è stato anche il coordinatore regionale ha evidenziato: “Sono padre di cinque figli e posso dire che le famiglie andrebbero aiutate maggiormente. Non parlo soltanto di quelle numerose ma di tutte. Esse svolgono un ruolo fondamentale ed è bello scopre che, anche se a livello nazionale sì è ancora indietro, in provincia di Catania qualcosa si muove per imitare modelli virtuosi. Applichiamo la costituzione, aiutiamo la famiglia”

Sulla denatalità ha concentrato il suo intervento il professore Angelo Mazza: “E’ un problema da affrontare e che è riesploso con virulenza dopo la crisi del 2008 senza mai arrestarsi. La politica deve dare risposte e misure calibrate nel tempo, non servono gli spot o le misure previste una tantum. Ad esempio, in Francia le famiglie ricevono agevolazioni sin dal dopoguerra e i risultati si vedono: il tasso di natalità è superiore al nostro. Nei piccoli Comuni il rischio di spopolamento, a causa anche della denatalità, è più alto e rilevare l'attenzione verso il fenomeno, anche qui a Tremestieri, è confortante”.

Sulla realtà cittadina si è focalizzato l’intervento di Carmela Scuderi, assessore designato della giunta Pulvirenti: “Tremestieri Etneo è una realtà che può diventare laboratorio e poi modello sotto il profilo del welfare. Vogliamo rendere la nostra comunità a misura di famiglia tenendo conto, in particolar modo, delle fasce più deboli e cercando di sostenere con misure mirate disabili, anziani, inoccupati. Non possiamo lasciare nessuno indietro”.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI