Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 19 Settembre 2018

Festival Siciliano della Famiglia

Una sala gremita quella che oggi ha accompagnato lo “start” del percorso che porterà la Città di Catania ad ospitare la prima edizione del “FESTIVAL SICILIANO DELLA FAMIGLIA E DEL NETWORK COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA”, evento regionale con un forte impatto nazionale, che dal 28 giugno all’1 luglio animerà la città etnea con 4 giorni di focus, eventi e approfondimenti di alto profilo che mirano a riportare la Famiglia al centro del dibattito e delle politiche di sviluppo della Sicilia, e tante attività di intrattenimento per i bambini e ragazzi.

L’appuntamento rientra tra le attività programmate dal Forum Nazionale, Regionale e Provinciale, ha già ricevuto il Patrocinio della Provincia Autonoma di Trento, della Regione Siciliadell’Università degli Studi di Catania e del Comune di Catania e sarà l’occasione per convogliare le principali realtà che in Italia  si occupano di politiche familiari.

“Vogliamo parlare al ceto medio – ha dichiarato Dario Micalizio Presidente Forum delle Associazioni Familiari della Sicilia  -  alle famiglie che vanno a lavorare ogni giorno e che vogliono essere libere di poter mettere al mondo dei figli senza diventare povere. Purtroppo questo in Italia e in Sicilia non avviene, tranne in territori come il Trentino dove la famiglia viene “attenzionata” con particolare considerazione per la donna e il valore dei figli. Dobbiamo far comprendere che la famiglia è una risorsa per il Paese e noi vogliamo dialogare trasversalmente con tutte le forze politiche”.

Politiche familiari anche in Sicilia, questa la richiesta del Forum regionale, che segna una linea netta di demarcazione tra le politiche per la famiglia che guardano al nucleo della società come fonte di benessere, da quelle “sociali” che intervengono quando nel contesto familiare si evidenza una problematica.

Prestigiosa presenza quella del dott. Luciano MALFER Dirigente Generale dell’Agenzia per la Famiglia della Provincia Autonoma di Trento; un modello, quello trentino, che certamente costituisce best practice alla quale uniformarsi.

La Famiglia – ha evidenziato Malfer – non va trattata solo in relazione a contesti problematici ma come generatore di sviluppo attuando politiche dedicate che spesso non richiedono un impegno finanziario ma si realizzano con reti collaborative pubblico-private che agiscono in sinergia sul territorio.

Tra gli speaker Francesco Bianchini ,  Consigliere nazionale Forum delle Associazioni Familiari. “La competitività di una Regione - ha sottolineato Bianchini -  si costruisce con giovani dinamici che hanno un lavoro”un affondo quindi sul tema della denatalità spesso al centro delle campagne e delle battaglie del forum nazionale.

Grande interesse e apertura dall’Assessorato regionale al Turismo, presente con Raoul Russo, delegato dell’Assessore Pappalardo che ha espresso la volontà di operare un proficuo scambio con la regione Trentino per migliorare l’offerta turistico-ricettiva dedicata alle famiglie anche in Sicilia.

Il format proposto vuole  portare in Sicilia l'attenzione sulla famiglia, coinvolgendo il mondo della politica, dell'impresa, delle associazioni, dello spettacolo, della stampa, delle scuole, dell’Università, delle chiese e di tutti gli ambienti dove nasce, cresce e si sviluppa la famiglia.

Questo evento sarà anche l’occasione per il coinvolgimento dei comuni Siciliani al Network nazionale “Comuni Amici della Famiglia” (consultabile nel sito http://www.trentinofamiglia.it/Family-in-Italia) ragion per cui  ANCI Sicilia Giovani e numerosi amministratori, della provincia di Catania e non, hanno scelto prendere parte alla presentazione.  Gli organizzatori hanno voluto invitare alla presentazione i candidati a Sindaco del Comune di Catania perché potessero ascoltare le proposte che il Forum delle associazioni familiari avanzerà agli amministratori comunali e regionali. Hanno accettato l’invito Emiliano Abramo, Giovanni Grasso e Salvo Pogliese.

il Network nazionale dei Comuni amici della famiglia, promosso dalla Provincia autonoma di Trento, dal Comune di Alghero e dall’Associazione Nazionale Famiglie Numerose, costituisce la rete dei Comuni che promuove politiche per il benessere della famiglia sulla base del know-how sviluppato dalla Provincia autonoma di Trento. Si tratta di una nuova frontiera per le politiche pubbliche e per lo sviluppo e vuole  diffondere sull’intero territorio nazionale una cultura promozionale e non socio-assistenziale della famiglia, collaborando e sostenendo altre Amministrazioni locali che intendono introdurre politiche familiari innovative ispirate al principio del “New public family management”.

Tra i temi che verranno  trattati durate il festival, oltre a quello dei  Comuni Family Friendly e del modello della Provincia Autonoma di Trento, vi saranno anche i seguenti:

·         La povertà, il Fattore Famiglia regionale;

·         Il pubblico ed il privato al servizio delle Famiglie ed il principio di sussidiarietà;

·         Solidarietà e accoglienza familiare e le Reti di famiglie;

·         I servizi per la prima infanzia, ragazzi, giovani ed anziani, disabilità.

·         Il tempo libero e le attività ludiche una opportunità di aggregazione familiare, i Family Hotel;

·         l "Patto per la natalità" e il rapporto tra  Scuola e Famiglia.

Presenti anche molte delle oltre 140 associazioni aderenti al Forum Siciliano della Famiglia e, a conferma dell’interesse e del sostegno  al percorso e all’evento lanciato oggi, anche alcune associazioni di categoria tra cui la Compagnia delle Opere e Coldiretti. Si auspica anche il coinvolgimento delle altre Associazioni di Categoria e dei vari Albi professionali, in quanto si vuole coinvolgere tutto il tessuto socio economico della nostra società.

L’iniziativa è completamente autofinanziata dalle associazioni e dal contributo delle aziende; con i fondi raccolti, oltre a coprire le spese organizzative, verranno finanziate delle case di accoglienza per minori in affido e ragazze madri in provincia di Catania.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI