Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 06 Dicembre 2020

«Tutelare il paesaggio non vuol dire bloccare la fruizione dei luoghi»

Tutelare il paesaggio siciliano significa limitarne la fruizione pubblica o valorizzarlo come immensa opportunità culturale, turistica ed economica a vantaggio della collettività? Il proliferare di leggi sul governo del territorio rappresenta una lotta reale al degrado o è una gabbia burocratica che rende difficoltosa la progettazione? La convivenza di potenzialità e criticità porta la Sicilia a essere oggetto di analisi e dibattito anche nei tavoli internazionali sui temi dell'architettura paesaggistica e della salvaguardia dell'ambiente. Come nel caso della rivista specializzata, a diffusione mondiale, Paysage Topscape che ha scelto il territorio catanese e la location di Radicepura a Giarre per un summit - dal titolo "Sicily Landscape in Motion" - volto a promuovere un approccio più dinamico al recupero del patrimonio naturale e urbano dell'Isola.

Un evento – svoltosi oggi 21 ottobre – reso possibile anche grazie all'impegno dell'Ordine degli Architetti di Catania, attivo nel creare occasioni di dialogo con la categoria e le amministrazioni locali: «Il sistema dei piani paesistici messo in atto dal governo regionale - ha dichiarato il presidente degli Architetti Giuseppe Scannella - è un segnale del crescente interesse verso la tematica, ma occorre che sia basato su un'ottica diversa rispetto a quella finora applicata. Salvaguardare la ricchezza dei luoghi non deve implicare il blocco della fruizione o rendere il paesaggio immodificabile. La chiave dello sviluppo è invece una tutela orientata alla continua manutenzione e valorizzazione, che renda il paesaggio un effettivo patrimonio alla portata di tutti. Nel concetto di sviluppo - ha continuato - rientrano anche le possibilità lavorative per i giovani: il continuo governo del paesaggio inteso in questi termini è infatti fonte di ricadute occupazionali per i professionisti».
«La concezione della Sicilia come porta del Mediterraneo non può avere solo un'accezione negativa in conseguenza dei fenomeni migratori. Attraverso le esperienze e i talenti dell'Isola passano anche le opportunità progettuali che provengono dagli altri Paesi - ha commentato il direttore di Paysage Topscape Novella B. Cappelletti - la Sicilia è quindi un laboratorio straordinario per l'architettura del paesaggio, basti pensare alle best practice che oggi presentiamo e che sono tutte di matrice mediterranea». Il progetto di recupero urbanistico del Corso Martiri della Libertà a Catania - curato dallo Studio Mario Cucinella Architects - è tra gli esempi positivi illustrati alla platea. La sua importanza è stata sottolineata anche dall'assessore all'Urbanistica del Comune di Catania Salvo di Salvo, che ha ribadito l'approccio multidisciplinare adottato dalla città etnea: dalla creazione di nuovi e grandi spazi verdi al prezioso collegamento con il porto e il waterfront. 
Promotore in prima linea dell'iniziativa anche l'Ance Catania, rappresentata per l'occasione dal presidente dei giovani costruttori Salvo Messina: «È necessario abolire ogni forma di consumo del suolo e di speculazione edilizia, oggi il futuro delle costruzioni è nel recupero intelligente degli edifici esistenti». Hanno portato i saluti delle istituzioni anche il tesoriere dell'Ordine degli Ingegneri di Catania Giuseppe D'Urso, presente anche in qualità di assessore del Comune di Giarre, e il presidente del Collegio provinciale dei Geometri Paolo Nicolosi. Ha inaugurato i lavori Mario Faro, Ceo di Piante Faro, a cui hanno fatto seguito le relazioni di numerosi e illustri architetti di fama mondiale, tra cui lo spagnolo Jordi Bellmunt, il francese Henry Bava, e il siriano Mohammad Shadi Hamwi

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI