Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 29 Marzo 2020

La biblioteca Pier Giorgi…

Mar 09, 2020 Hits:813 Crotone

Recital della violoncelli…

Feb 18, 2020 Hits:1322 Crotone

I gazebo della Lega sul l…

Feb 14, 2020 Hits:1528 Crotone

Al Lucifero celebrata la …

Feb 11, 2020 Hits:1141 Crotone

I premi di Affidato al 70…

Feb 10, 2020 Hits:1205 Crotone

Cerrelli: con la Lega Cro…

Feb 08, 2020 Hits:1230 Crotone

AI Tecnici dell’AKC Greco…

Gen 31, 2020 Hits:1481 Crotone

Barbuto e Corrado (M5S): …

Gen 21, 2020 Hits:1615 Crotone

Ambiente: Stancanelli e Torrisi presentano l’Osservatorio dei Rifiuti

E’ stato presentato stamani l’Osservatorio dei Rifiuti, l’organismo voluto dal sindaco Raffaele Stancanelli, composto da esperti e rappresentanti delle associazioni ambientaliste di settore, che avrà il compito di vigilare sulle modalità di esecuzione del servizio di raccolta dei rifiuti e di pulizia della città.
Ne fanno parte oltre a l’assessore all’Ambiente Claudio Torrisi , il prof. Enzo Favoino esperto del parco di Monza specializzato in pianificazione e gestione del ciclo dei rifiuti, il prof. Agatino Cariola dell’Università di Catania , il vice prefetto dott. Angelo Sinesio , il dott. Benedetto Diana dell’IPI OIKOS il raggruppamento di imprese che gestisce la raccolta dei rifiuti a Catania, il prof. Vincenzo Piccione in rappresentanza del CRIEA (Centro Regionale Informazione e Educazione Ambientale),il dott. Paolo Guarnaccia del CUTGANA, l’arch. Domenico Fontana rappresentante di Legambiente Sicilia, l’ing. Sebastiano Spina in rappresentanza dell’associazione Rifiuti Zero, il dott. Fabio Costarella del CONAI e Giusy Padalino del WWF Catania. Il comitato opererà a titolo assolutamente gratuito e secondo una regolamentazione che l’osservatorio stesso elaborerà quanto prima.
“L’impegno preso all’avvio dell nuovo servizio di raccolta dei rifiuti è stato mantenuto – ha sottolineato il sindaco Raffaele Stancanelli – l’osservatorio, una delle prime città italiane a dotarsi di questo strumento, è un organismo di controllo per proporre interventi migliorativi a un servizio delicato come la raccolta dei rifiuti da cui dipende non solo la pulizia ma anche la vivibilità e il decoro della nostra città. L’obiettivo dell’amministrazione è quello di raggiungere risultati eccellenti attraverso l’incremento della raccolta differenziata adeguando il servizio ai dettami della Legge Regionale n.9 del 2010. Ovviamente accetteremo i suggerimenti e anche le critiche per rendere questo servizio essenziale sempre più efficiente”.
L’Osservatorio avrà anche il compito di monitorare l’attività per quanto concerne il raggiungimento degli obiettivi fissati dalla legge regionale in materia di raccolta differenziata che pone l’obbligo di raggiungere il 65 per cento di differenziata entro il 2015.
“L’osservatorio – spiega l’assessore Claudio Torrisi – vigilerà sulla corretta applicazione delle regole del nuovo contratto , sarà in buona sostanza, un soggetto garante della trasparenza e dell’efficienza del servizio . Dunque avrà un ruolo di garanzia per i cittadini e consultivo per monitorare a livello tecnico e scientifico sul nuovo servizio. Ovviamente contiamo sulla collaborazione di tutti. Infatti, molte delle problematiche segnalate riguardano principalmente comportamenti incivili radicati “.
Dopo gli interventi dei rappresentanti dell’amministrazione comunale l’intervento del prof. Vincenzo Piccione, rappresentante del CRIEA il quale ha annunciato che “l’osservatorio esterno voluto dal sindaco Stancanelli, è un organo di interfaccia tra i cittadini utenti e il Comune di Catania e avrà come obiettivo principale quello di velocizzare la raccolta differenziata anche attraverso campagne informative soprattutto nelle scuole catanesi “.
L’osservatorio, che presto si doterà di un regolamento in fase di elaborazione , dovrà anche dare una valutazione su sostenibilità ed efficienza dei due sistemi di raccolta differenziata praticati in città: il “porta a porta” limitato a una sola zona e la raccolta di “prossimità” che deve ancora andare a regime.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI