Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 17 Settembre 2019

Martina Casaccio: un sogn…

Set 13, 2019 Hits:139 Crotone

Ad Hannam il progetto I l…

Set 04, 2019 Hits:354 Crotone

La Madonna di Czestokowa …

Ago 30, 2019 Hits:491 Crotone

Magna Grecia film Festiva…

Ago 23, 2019 Hits:663 Crotone

Prestigioso incarico all’…

Lug 24, 2019 Hits:1530 Crotone

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:1410 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:5121 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1801 Crotone

Maggiori controlli per l’isola ecologica di Nesima

Servono immediatamente controlli capillari all’interno dell’isola ecologica di via Ammiraglio Caracciolo. Nel corso dell’ultimo sopralluogo effettuato dalla commissione comunale al Patrimonio di cui il sottoscritto, Salvatore Tomarchio, ricopre la carica di presidente ci siamo resi conto della gravità del problema. Dopo i furti ed i writers adesso la struttura viene usata come discarica abusiva. Non sono, al suo interno i muri vengono danneggiati nel tentativo probabilmente di cercare ancora del rame o altri materiali ferrosi. In attesa che cominci quel piano di ristrutturazione generale, l’unica certezza diventa quella cercare di salvare quel poco che ancora è stato risparmiato dai ladri e dai vandali che qui hanno imperversato per anni. L’isola ecologica sarebbe una risorsa fondamentale per tutta la città perché potrebbe cambiare il volto di Nesima e trasformarsi in un centro di socializzazione.

I dati e la situazione che si vive appena si entra nella struttura sono lo specchio di questo limite che frena la vivibilità del rione: prima sono stati rubati gli infissi, gli arredi interni e l’impianto elettrico. Successivamente sui muri dell’isola ecologica sono apparsi murales. Nel mezzo sterpaglie, spazzatura di ogni tipo e resti di bivacchi che quasi passano in secondo piano di fronte ai furti ed alla devastazione. A questo punto se una rivalutazione radicale potrebbe risultare troppo onerosa per l’amministrazione la proposta, presentata dal sottoscritto, prevede i cominciare con piccoli lavori di manutenzione straordinaria per recintarla ed evitare altre invasioni da parte dei delinquenti. La collaborazione con privati ed imprenditori, in cambio magari di agevolazioni fiscali, potrebbe rappresentare quel trampolino di lancio definitivo per mettersi finalmente alle spalle una delle più grandi ferite aperte della città. Un luogo dove regna l’illegalità e dove il comune ha il dovere di intervenire.

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI