Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 13 Luglio 2020

Caltagirone emette ordinanza per prevenzione incendi

Giro di vite contro i menefreghisti o i “distratti” che provocano incendi, con una serie di norme da osservare e sanzioni (da 51 a 258 euro), ma anche controlli dei vigili urbani e segnalazioni alla Prefettura e alla Procura, per chi non le rispetta. L'obiettivo è tutelare l'ambiente, impedendo o, comunque, riducendo una delle cause dei danni ad esso arrecati.

Un’ordinanza per provvedere, con criteri uniformi, alla prevenzione dei roghi nelle campagne, nelle aree boscate e nelle zone limitrofe, nei depositi di materiali esplodenti e infiammabili, è stata firmata dal commissario straordinario Mario La Rocca, anche in considerazione di quanto contenuto nel regolamento sui fuochi controllati in agricoltura, approvato a giugno del 2010 dal Consiglio comunale.

L’ordinanza obbliga i proprietari o conduttori di terreni e campi, comprese le aree boscate, cespugliate, arborate, nonché i fondi coltivati, incolti e/o abbandonati, “ad attuare entro il 2 giugno la pulizia di stoppie, frasche, cespugli, arbusti, residui di coltivazione e altre lavorazioni, o a realizzare, all'interno del proprio lotto, una fascia priva di qualunque materiale combustibile di almeno 20 metri, per evitare la propagazione di incendi”. Da rilevare anche l'obbligo, per i proprietari e conduttori di edifici adibiti a qualunque uso (residenziale, agricolo, industriale, turistico - ricettivo, etc.), adiacenti o prossimi ad ambienti vegetali naturali, a canneti, a terreni adibiti a seminativo o incolti, “di attuare ogni misura utile a impedire la propagazione di un eventuale rogo all'edificio o alle sue pertinenze”.

Ammesso, dal 1 giugno al 14 luglio e dal 16 settembre al 15 ottobre, dare fuoco al materiale di risulta derivante dalla ripulitura dei terreni, purché avvenga dalle 6 alle 10 con cautela, in piccoli cumuli e in quantità giornaliere limitate. Dal 15 luglio al 15 settembre c’è, invece, divieto assolito di accendere fuochi, bruciare stoppie, erba e sterpaglie.

L'ordinanza rientra nella campagna antincendio portata avanti dal Comune in sinergia con le altre istituzioni competenti, allo scopo di prevenire i roghi o ridurne gli effetti spesso altamente dannosi.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI