Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 28 Novembre 2022

Le 4 Stagioni di Vivaldi …

Ott 29, 2022 Hits:1298 Crotone

La Maschera d’Argento di …

Ott 29, 2022 Hits:1344 Crotone

Marco Vincenzi virtuoso e…

Ott 21, 2022 Hits:1611 Crotone

Affidato realizza il nuov…

Ott 04, 2022 Hits:2292 Crotone

Successo per il pianista …

Set 30, 2022 Hits:2701 Crotone

Confindustria Crotone ha …

Set 23, 2022 Hits:2767 Crotone

Kiwanis insieme all'Unice…

Set 20, 2022 Hits:2546 Crotone

Santa Severina - Tre gior…

Set 15, 2022 Hits:3583 Crotone

Chiusura reparto Psichiatria Ospedale di Giarre, il sindaco Bonaccorsi: «Chiediamo immediata audizione al presidente Crocetta»

Giarre_ospedale

Si è chiusa con la richiesta di «immediata audizione» dei sindaci da inviare al presidente della Regione Rosario Crocetta ed alla IV commissione "Servizi sociali e sanitari" dell'Ars, la seduta odierna della Commissione consiliare d'indagine sull'Ospedale di Giarre aperta ai sindaci dei dieci Comuni del Distretto socio-sanitario n.17 ed ai rappresentanti di associazioni e comitati civici, svoltasi nel Municipio della città jonica. L'assemblea - convocata dopo le notizie riguardo la prossima chiusura del reparto di Psichiatria ed il paventato ulteriore ridimensionamento dell'offerta sanitaria del presidio dal punto di vista dei reparti - si è altresì espressa favorevolmente sulla proposta di convocare a Giarre, entro la prossima settimana, una riunione congiunta dei dieci consigli comunali del Distretto sanitario n. 17 per lanciare «Un segnale di compattezza nella battaglia per la difesa del diritto alla salute nel territorio di jonico-etneo».

Erano presenti, oltre al sindaco Roberto Bonaccorsi ed ai consiglieri giarresi che compongono la Commissione d'indagine, presieduta da Tania Spitaleri, i sindaci di Riposto, Enzo Caragliano, Mascali, Luigi Messina, Fiumefreddo di Sicilia, Marco Alosi, Calatabiano, Giuseppe Intelisano, Piedimonte Etneo, Ignazio Puglisi, Sant’Alfio, Pippo Nicotra, un rappresentante del Comune di Linguaglossa, i presidenti del Consiglio di Giarre, Mascali, Sant'Alfio, numerosi altri amministratori e rappresentanti di associazioni e comitati locali per il diritto alla salute.

«L'interlocutore della nostra comunità non può più essere la burocrazia dell'Asp ma il Governo regionale - ha dichiarato il sindaco Roberto Bonaccorsi - poiché la scelta sul depauperamento del nostro Ospedale è una consapevole scelta politica. Per questo le nostre istanze devono essere dirette a coloro che effettivamente detengono potere decisionale sul futuro del presidio». Bonaccorsi ha ricordato le garanzie fornite dal presidente Crocetta nel corso di una visita compiuta lo scorso inverno a Giarre: «Il governatore si era impegnato a salvaguardare l'Ospedale davanti a tutti noi, chiediamo su questo ancora una volta chiarezza. Se la strategia è quella di chiudere gradualmente l'Ospedale, dev'essere la Regione a motivarlo davanti alla gente, assumendosi tutte le responsabilità - ha evidenziato il primo cittadino giarrese - Non si può depauperare un territorio e lasciare che siano gli amministratori locali a dover spiegare ai cittadini le ragioni di determinazioni avvilenti e distanti dalla realtà concreta dei bisogni della comunità».

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI