Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 09 Agosto 2020

Quadranti d’architettura 2015: un ponte culturale con l’Europa

2 quadranti

Internazionalizzazione e approfondimento delle tematiche sociali. Questi i punti cardine della V edizione del Premio “Quadranti d’Architettura - Evento culturale e promozionale dell’identità artistica contemporanea”, presentato stamattina presso la sede dell’Ordine degli Architetti di Catania. Tra le novità della manifestazione, organizzata dal Comune di Pedara e dall'Associazione Spazi Contemporanei in collaborazione con gli Ordini di Architetti e Ingegneri (in programma l’1 e il 2 agosto a Pedara) numerose iniziative collaterali e un vero e proprio ponte con l’Europa rappresentato dal coinvolgimento di Paesi come Spagna, Portogallo e Germania, per creare un filo conduttore tra studi italiani ed esteri.

«Siamo felici che il Premio Quadranti riparta dopo quattro anni, in onore dell’impegno e della passione del collega scomparso Gaetano Pappalardo, ideatore dell’iniziativa – hanno affermato i vice presidenti dell’Ordine etneo Alessandro Amaro e Salvo Fiorito – si tratta di un’occasione importante per gli architetti e i professionisti che avranno la possibilità di mostrare le proprie capacità. Un momento culturale e formativo per mettere in luce criticità e potenzialità del territorio pedemontano».

A sottolineare l’importanza della manifestazione, il presidente dell’Ordine degli Ingegneri Santi Maria Cascone: «È fondamentale promuovere i temi legati all’architettura contemporanea. Siamo certi che la V edizione del Premio sarà un grande successo. Attraverso momenti formativi come questo, è possibile ottenere eccellenti risultati e dare voce ai giovani professionisti, che spesso non hanno opportunità per far emergere il proprio talento».
Oltre al Premio e al workshop “Abitare la città contemporanea. Pedara come laboratorio per i centri etnei, in programma dal 25 luglio al 1 agosto, numerose le attività collaterali che caratterizzeranno questa edizione, come sottolineato dal membro del Comitato tecnico scientifico e socio dell’Associazione Spazi Contemporanei,  Eleonora Bonanno: «C’è tempo fino all’8 luglio per presentare le domande di partecipazione al workshop – momento di confronto e condivisione - mentre coloro che vorranno concorrere al Premio, potranno elaborare il progetto entro il 20 luglio». Orgoglio e soddisfazione nelle parole del sindaco di Pedara Antonio Fallica: «Abbiamo fortemente voluto che questo evento diventasse anche un laboratorio per giovani professionisti che giungeranno numerosi a Pedara per promuovere lo sviluppo del territorio attraverso nuove idee».

«Portare avanti il Premio istituito da mio padre – ha sottolineato Massimiliano Pappalardo, figlio dell’architetto Gaetano - significa partire dalla sua grande passione. L’evento rappresenta un mezzo per comunicare un nuovo modo di fare architettura, partendo dal workshop, che metterà in risalto l’aspetto creativo e progettuale dei giovani». Tra i convegni in programma, anche quello che accenderà i riflettori sulla proposta di legge legata ai centri storici in Sicilia, come spiega Anthony Emanuele Barbagallo, presidente del Comitato Tecnico Scientifico: «È l’occasione giusta per tutelare e proteggere il centro storico, dando la possibilità ai cittadini di snellire le pratiche e ridurre la burocrazia. Per quanto riguarda il Premio, quella di quest’anno, per i progetti presentati e le personalità coinvolte, ha tutte le caratteristiche per essere un’edizione memorabile».

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI