Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 27 Novembre 2020

Dirigenti pubblici e privati: la crisi ha decimato la categoria

cida (1)

Una scarsa attenzione da parte degli Enti locali, la mancanza di un piano industriale e una fiscalizzazione pressante: sono questi i freni per il rilancio e lo sviluppo del settore occupazionale e manageriale in Sicilia e in Italia. A denunciare le criticità di un sistema che non concerta azioni e programmi con le categorie interessate, sono le sigle sindacali della dirigenza pubblica e privata (pubblica amministrazione, sanità, scuole e industrie, credito, terziario) riunite sotto il coordinamento regionale Cida/Mapi che, ieri pomeriggio (26 settembre) presso la Camera di Commercio di Catania, ha incontrato rappresentanti istituzionali per avanzare proposte, modelli e progetti.

«Dal 2008 al 2014 il settore pubblico ha perso 300mila dipendenti, un dato sintomatico di un apparato istituzionale frammentato e poco funzionante – ha sottolineato il vicepresidente nazionale Cida Giorgio Germani – la pubblica amministrazione deve dare più risposte in tempi reali. Siamo favorevoli al disegno di legge sulla semplificazione delle dirigenze a tre livelli – Stato, regioni ed enti locali – facendo eccezione, a nostro parere, per i medici, e includendo invece i dirigenti scolastici».

Proprio sulla scuola è intervenuto il coordinatore Cida/Mapi Sicilia, e presidente regionale FP/Cida, Domenico Mazzeo, organizzatore dell’evento: «La situazione dei servizi resi agli istituti scolastici siciliani è drammatica – ha continuato – scarseggiano scuolabus, mense scolastiche, manutenzioni, assistenza igienico-personale agli alunni disabili. Rispondiamo all’appello del premier Renzi su “La buona scuola” con cinque sintetiche proposte: realizzare l'autonomia scolastica che da decenni non trova piena concretizzazione; riformare la governance ferma al 1974, ai cosiddetti decreti delegati; aumentare le risorse economiche, poiché solo gli investimenti consentono riforme e cambiamenti; stabilizzare il personale docente e Ata, riesaminando gli organici nelle scuole del primo ciclo; infine sburocratizzare le procedure». Sul fronte del settore industriale il presidente di Federmanager Sicilia Orientale Gregorio Mirone ha illustrato numerose statistiche: «Diversi dati raccolti negli ultimi anni confermano come la produttività in Sicilia sia arretrata rispetto al resto del Paese: il Pil è sceso del 14,54%. Come dirigenti e quadri apicali abbiamo, più di tutti, la forte percezione del processo di deindustrializzazione e smobilitazione che investe la regione, basti pensare alla Fiat a Termini Imerese, la Eni a Priolo, il settore petrolchimico a Gela, e molti altri. Finora non abbiamo visto programmi e definizione di piani industriali che possano incidere su tale situazione: vogliamo interloquire con la Regione Siciliana – ad oggi muta e sorde davanti alle nostre richieste - per avviare una concertazione». Tra gli interventi registrati, quello del sottosegretario al ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Giuseppe Castiglione, che ha parlato di «una strana ma importante stagione delle politica, dove, essendo in corso la programmazione 2014-2020, il contributo dei professionisti a servizio della PA può cambiare in positivo il processo di sviluppo»; e quello dell’assessore comunale alle Attività produttive Angela Mazzola, che ha affermato di «credere nelle nuove realtà che si stanno concretizzando e nella forza produttiva della città metropolitana».

Hanno relazionato inoltre il segretario della Cimo di Ragusa (Coordinamento Italiano dei Medici Ospedalieri) Guglielmo Piccione – introdotto dal segretario amministrativo e organizzativo Cimo Sicilia Aldo Cirnigliaro – il consigliere di Manageritalia Sicilia Giuseppe Rallo, il consigliere di Sindirettivo Nicolò Cipolla, il prof. Pietro Santagati.

cida (2)

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI