Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 24 Gennaio 2022

Gravina di Catania - Nell'ambito del progetto comunitario "Paes" apposta la prima targa energetica

il sindaco Rapisarda, al cenro nella foto,

La  scuola elementare “Giovanni Paolo II“  di via Majorana  5, a Gravina di Catania, è il primo edifico pubblico del comune etneo ad avere una targa energetica  che  indica l’efficienza con la quale l’energia è utilizzata in quel particolare edificio. Nella fattispecie l’Amministrazione comunale gravinese, guidata dal sindaco Domenico Rapisarda, intende  aumentare l’efficienza energetica con azioni mirate sia sull’involucro edilizio, sia sull’impianto termico e di conseguenza  ridurre le emissioni  di anidride carbonica. Un impegno importante  testimoniato anche dalla presenza del sindaco, dei funzionari comunali e dell'ingegnere incaricato del progetto, al momento dell’apposizione della targa nella scuola. L’iniziativa rientra nell’ambito del “Patto dei Sindaci” (Covenant of Mayors) promosso dalla Commissione europea, al quale il Comune di Gravina ha aderito, e intende coinvolgere attivamente le città europee verso la sostenibilità energetica e ambientale; nonchè responsabilizzare le autorità locali  al perseguimento  degli  obiettivi comunitari di miglioramento dell’efficienza energetica e di incremento dell’utilizzo delle fonti di energia rinnovabile nei loro territori. In particolare  i Comuni aderenti al Patto si impegnano a ridurre, entro il 2020, di almeno il 20% le emissioni di anidride carbonica. “Il comune di Gravina – spiega il primo cittadino Domenico Rapisarda - aderendo al Patto dei Sindaci si è impegnato a redigere un Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile  (P.A.E.S.). Il Piano  è stato redatto dall’Ingegnere Bartolomeo  Buscema e comprende anche la redazione degli attestati  di prestazione energetica (APE) degli edifici di proprietà comunale e la relativa targa energetica che i Comuni hanno l’obbligo di affiggere. Con legittimo orgoglio – aggiunge Rapisarda – possiamo dire che la targa energetica apposta alla nostra scuola è tra le prime ad essere state redatte in Sicilia da un’Amministrazione  comunale  e pone quindi Gravina di Catania all’avanguardia nell’iniziative a favore della tutela ambientale”. Come dimostrano anche gli importanti obiettivi che il comune etneo si propone di raggiungere su questo fronte. ”Il piano  che abbiamo elaborato – spiega infatti l’ingegnere Buscema - prevede  un ventaglio di azioni  mirate  di risparmio energetico che saranno intraprese nell’arco dei prossimi sei anni ( fino al 2020). Pensiamo di ridurre  per tale data  le emissioni di CO2 di circa il 23 per cento rispetto al 2011 che è l’anno base  di riferimento. In particolare, le azioni comprese nel PAES riguardano principalmente il miglioramento dell’efficienza energetica nell’edilizia (pubblica, residenziale, terziaria),  nella pubblica illuminazione, l’incremento  della  produzione locale  di energia da fonti rinnovabili, ad esempio l’energia fotovoltaica, e lo sviluppo  di   progetti di trasporto  urbano sostenibile” .

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI