Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 04 Luglio 2022

Presentato il XXIII Rapporto Immigrazione

_DSC0797

 

Presentato al Museo Diocesano di Catania il XXIII Rapporto Immigrazione, realizzato da Caritas Italiana e Fondazione Migrantes, dal titolo 'Tra crisi e diritti umani'.

Palermo (29.212), Messina (25.821 ) e Catania (23.361) attraggono oltre la metà di tutti i cittadini stranieri residenti in regione che sono pari a quasi 140 mila. Aumentano le donne mentre si diversificano le nazionalità: numerosi i rumeni, seguiti da marocchini, srilankesi e i cinesi; rappresentano il 2,8% del totale nazionale.

Quanto alla provincia di Catania va registrato un calo di presenze: da quasi 26 mila residenti si è passati a circa 23 mila, prima dell'ultimo censimento nazionale del 2011. Il numero di minori è pari al 2.710. mentre è alta la percentuale di donne, il 54,8%. Tra le nazioni prevalenti spiccano: Romania, Sri Lanka, Mauritius, e Cina. Non manca, tuttavia, qualche dato in controtendenza che riguarda i comuni di Giarre, 1230 presenze, il 55,7% composto da donne, e il comune di Mazzarone, 474 presenze, con un'incidenza del'11,7% sugli abitanti totali; a maggioranza uomini.

Altro elemento distintivo del rapporto riguarda la presenza di alunni stranieri. Le scuole della regione sono frequentate da 23.492 alunni con cittadinanza straniera concentrati soprattutto nelle primarie. Per Catania e provincia, in riferimento all'anno scolastico 2012/2013, si rileva un aumento del 12,3% con 4.390 alunni stranieri presenti sul territorio; il 2,4% sul totale degli studenti.

Infine, l'emergenza sbarchi. Sono stati oltre 30 mila gli sbarchi registrati sulle coste siciliane nel corso del 2013. Quanto ai richiedenti asilo nel 2013 in Italia si sono registrati 45.000 casi stando all'ultimo bollettino statistico di Eurostat. I paesi di provenienza sono: Somalia, Siria, Pakistan, Eritrea, Palestina. 8 mila le persone salvate solo nel mese di settembre, tra cui 1.400 bambini. Il maggior numero di domande sono state ricevute dalla Germania (127mila, pari al 29% del totale), seguita da Francia (65mila, 15%), Svezia (54mila, 13%), Regno Unito (30mila, 7%), Italia (28mila, 6%).

A riguardo, il direttore della Caritas Diocesana di Catania, don Piero Galvano, uniformandosi al linea sostenuta dalla Chiesa e dalla Caritas Nazionale, ha ribadito con forza la necessità di una maggiore responsabilità tra le parti: “Dobbiamo considerare il migrante come una risorsa e non come una minaccia, smettendola di dire che gli stranieri rubano lavoro. Poi c'è bisogno di più collaborazione con le istituzioni e soprattutto bisogna finirla di strumentalizzare i CIE e i vari CARA per finalità esclusivamente economiche. La Chiesa italiana e anche la Caritas ha ribadito in più occasioni che bisogna chiudere queste strutture. Serve una politica organica sul diritto d'asilo per non delegare alle singole prefetture di Siracusa, Ragusa e Catania” ha concluso il Direttore della Caritas diocesana.

La giornata è stata organizzata dall'Ufficio Pastorale delle Migrazioni della diocesi di Catania in sinergia con la Caritas diocesana di Catania. Presenti don Piero Galvano, direttore Caritas Catania, e il diacono don Giuseppe Cannizzo, direttore dell'Ufficio Pastorale Migrantes di Catania. Ha presentato il rapporto il Dott. Vincenzo La Monica, redattore regionale del dossier. E' intervenuta la Prof.ssa Teresa Consoli, associato di Sociologia presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell'Università di Catania e Direttore del Centro di ricerca Laposs, che ha sviluppato il tema: “Minori stranieri non accompagnati e prospettive di inserimento”.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI