Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 21 Ottobre 2021

Nuove professionalità per il turismo enogastronomico

foto (3)

 

Le opportunità dell’enogastronomia in Sicilia raccontata ai futuri chef e sommelierin un workshop formativo per chi, lasciati i banchi di scuola, dovrà fare i conti con il mondo delle imprese.

Questo lo spirito delladue giorni organizzata dalla società Civita Srl, in collaborazione con l’Istituto Superiore Fermi-Eredia, partner nell’ambito del piano formativo G.I.A.R.A. (Generare Innovazione nell’Agroalimentare per Rafforzare le Aziende), finanziato da Fondimpresa, il fondo interprofessionale costituito da Confindustria Cgil, Cisl Uil.

Guardare con consapevolezza ai mestieri del futuro, dunque, in un settore in forte crescita nonostante i tempi di crisi, e creare un legame sempre più solido tra mondo dell’impresa e mondo della scuola, mostrando quali possono essere le competenze vincenti. Così come sempre più indissolubile deve essere il rapporto tra chef e sommelier, cibo e vino, a loro volta, espressione di un territorio ancora tutto da scoprire.

Unafull immersion con due docenti d’eccezione: lo Chef Sebi Sorbello (componente del direttivo F.I.C. Federazione Italiana Cuochi) e il Sommelier Vittorio Cardaci (delegazione catanese della F.I.S.A.R. – Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori), rivoltaa una settantinadi studenti delle tre classi dell’area Cucina, dell’area Enologia e dell’area Sala dell’istituto.

“Stare con i ragazzi è sempre un’esperienza bellissima,perché trasmettono il loro entusiasmo, la voglia di conoscere e andare avanti – racconta Sebi Sorbello – Noi abbiamo l’obbligo di avvertire i ragazzi, però, che per diventare dei bravi ristoratori non basta essere dei buongustai,servefatica, passione, scuola. Noi, attraverso il cibo, raccontiamo un territorio rispettando la tradizione,rivisitandolocon un linguaggio moderno e innovativo ”.

“Conoscere il vino e il territorio – ha aggiunto Vittorio Cardaci – assimilarne il concetto del consumo ragionato e del servizio è fondamentale, sono le basi di un mestiere che deve mettere insieme competenze di cucina, enologia e sala” .

“Abbiamo creduto molto in questa attività mirata al rafforzamento del binomio menù-vino – ha sottolineato Nanda D’Amore di Civita – Ci è sembrato utile puntare un faro sull’enogastronomiaperché è un settore che in Sicilia ha enormi potenzialità e ci sono forti segnali di crescita e di sbocchi lavorativi per i giovani. Non a caso si è voluto che i ragazzi della terza classe cucina preparassero dei piatti che, a loro modo, tra tradizione e innovazione, raccontassero un territorio, con la supervisione di un grande chef come Sebi Sorbello, per poi lasciare che i compagni della terza enotecnica abbinassero i migliori vini siciliani, consigliati da Vittorio Cardaci”. “Le scuole sono sempre più aziende che riescono ad andare avanti se hanno la capacità di intercettare nuovi flussi, nuove competenze, scommettendo sulla capacità di sviluppo e miglioramento – ha concluso D’Amore – e l’ istituto Fermi- Eredia ha contenuti e requisiti”.

“Lo scopo del workshop – ha sintetizzato il preside Alfio Petrone–è stato quello di mettere insieme e far dialogare i ragazzi del settore cucina e dell’enotecnico per creare una figura più consapevole e qualificata”.

“Negli anni abbiamo cercato di essere più incisi per quanto riguardafigure professionali nuove – ha proseguito il docente Felice Arona –che vanno incontro alle richieste del mercato del lavoro”.

foto (4)

 

Al dibattito di oggi presente anche la presidente regionale di Confindustria Turismo e Alberghi, Ornella Laneri che ha annunciato l’avvio di un nuovo progetto in collaborazione con la Regione“Le Vie del Gusto” che partirà dalla scoperta di un pezzo di territorio, la tratta della circumetnea Riposto-Randazzo-Bronte, tra i più interessanti sotto il profilopaesaggistico ed enogastronomico. “Sin dal mio insediamento- ha spiegato Ornella Laneri – ho puntato sul turismo enogastronomico, ritenendolo uno dei principali motori di ripresa dell’economiaperché lega l’agroalimentare, il turismoe i servizi”. “ In questo senso, Expo 2015 che quest’anno dopo quasi un secolo torna in Italia,con i suoi oltre 8 milioni di visitatori sarà un’occasione unica per la Sicilia – ha proseguito – perché la nostra Regione ha il numero maggiore di beni Unesco in Italia e un potenziale di crescita enogastronomico enorme”.

“E’ fondamentale che i contatti tra scuola e impresa siano continui – ha conclusoGiacomo Rota Cgil Catania in rappresentanza di Obr Sicilia organismo bilaterale assieme a Confindustria – cosa che avviene negli altri Stati da anni, noi abbiamo l’obbligo di fare vedere agli studenti cosa succede dopo,com’èil mondo delle aziende.Come sindacatoriteniamo importantissimo che giovani diventino cittadini consapevoli dei propri diritti e dei propri doveri.La partita dell’Enogastronomia, connessoa unturismo di qualitàè certamente quella vincente.”

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI