Gravina di Catania - Sopralluogo del sindaco al cimitero

Gravina di Ct, da sin il geom. La Spin

 

“L’ampliamento del cimitero comunale procede secondo i tempi indicati nel cronoprogramma e, se non ci saranno intoppi, confido che possa essere concluso entro l’anno in corso". Così il sindaco di Gravina di Catania Domenico Rapisarda al termine del sopralluogo effettuato nel cantiere  dove sono in corso i lavori per la costruzione, tra l’altro,  di 300 loculi con struttura  in calcestruzzo armato da eseguire in opera. Accompagnato dal responsabile dell'8^ Servizio Lavori Pubblici del Comune,  geom. Alberto La Spina,   dal responsabile unico del procedimento, ing. Giuseppe Garozzo, e dal direttore dei lavori architetto Santo Buccheri, che ha anche redatto il progetto,  il primo cittadino ha voluto verificare lo stato dei lavori. "Si tratta - ha aggiunto Rapisarda - di un’importante opera pubblica, prevista nel programma dell’Amministrazione,  che qualifica il nostro lavoro e viene incontro alle esigenze della comunità”. Al momento si sta procedendo alla realizzazione dei loculi, che saranno assemblati in blocchi da 20, disposti 5 per fila, su 4 livelli e pensati anche per essere prodotti in blocco per eventuali successive richieste.  Sia i percorsi pedonali che quello carrabile di servizio saranno realizzati con una pavimentazione con mattonelle autobloccanti. Prevista  anche la realizzazione di due spazi per la cura delle  decorazioni floreali delle lapidi e per la manutenzione ordinaria delle stesse.  Farà parte dell’ampliamento anche un edificio, da realizzare con muratura portante, contenente i servizi igienico-sanitari, distinti per sesso e per portatori di disabilità. Per consentire un utilizzo adeguato del servizio cimiteriale ed una fruizione degli spazi, il progetto prevede l’esecuzione di diversi impianti, tra cui quello di pubblica illuminazione e di adduzione di acqua potabile.  I lavori sono stati aggiudicati nella primavera del 2012 per l’importo complessivo di 600 mila euro, mediante prestito della  Cassa Depositi e Prestiti, per  circa 260 mila euro, e con fondi comunali per 340 mila euro.

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI