Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 16 Dicembre 2019

Urbanistica, gli ingegneri promuovono una petizione popolare

Un’assemblea “straordinaria” nel vero senso della parola, che sarà ricordata dal direttivo dell’Ordine degli Ingegneri di Catania per la grande partecipazione e il coinvolgimento dimostrato dagli iscritti, visti i temi e, cosa più importante, le proposte emerse. Ciò che sta più a cuore, mettendo d’accordo neolaureati e “vecchie” leve, è senza dubbio la preservazione e il rispetto della professione, con un occhio attento ai diritti, ai doveri e ai rapporti con le Amministrazioni.

 

Snellimento delle procedure, azioni per e con le Pubbliche Amministrazioni, competenza professionale e sbocchi lavorativi: ad approfondire questi e altri temi, facendosi portavoce delle esigenze della categoria e di concrete proposte è il presidente dell’Ordine etneo Carmelo Maria Grasso che, in cima alle priorità, non esita a indicare l’urgenza di una legge regionale urbanistica aggiornata: «Dall’ormai lontano 1978 – commenta Grasso – attendiamo una normativa che sia al passo con una moderna politica di governo del territorio. Attualmente la gestione è affidata a un insieme di leggi e strumenti non adeguati e poco funzionali alle attività che svolgiamo: da qui nasce la nostra volontà di presentare una proposta normativa ad iniziativa popolare, a fronte di un debole riscontro politico, dimostratosi poco attento al sistema tecnico-professionale. Intendiamo infatti chiamare in causa la collettività, con una raccolta firme di adesione alla nostra proposta di legge, per far comprendere la portata di tale iniziativa e ottenere un risultato concreto, anche in sinergia con le altre categorie della provincia». È questo il caso di ricordare che dalla sinergia con l’Ordine Architetti di Catania è nata l’elaborazione delle linee-guida proposte alle Amministrazioni dei 58 comuni etnei, in linea con la necessità di semplificazione che si dovrebbe estendere anche i Regolamenti edilizi cittadini con le relative Norme Tecniche di Attuazione.

 

Altra proposta è quella mirata ad azioni di monitoraggio dei bandi per affidamento degli incarichi a professionisti esterni: «L’Ordine etneo – continua Grasso - ha già approvato un nuovo regolamento di segnalazione delle terne, che accomuna i professionisti per uniformità di valutazione e conoscenza delle norme - siano essi consulenti o membri delle commissioni edilizie comunali - nell’unico importante obiettivo di accorciare le distanze burocratiche tra la P.A. e i professionisti».

 

Infine la “nota dolente” delle competenze e di quella soglia minima di formazione ed esperienza che oggi è d’obbligo richiedere a un professionista. Dalle parole ai fatti: l’Ordine ha già avviato il progetto “Qing” – in collaborazione con gli Ordini di Milano, Trento e Lodi - nato con l’obiettivo di certificare, valorizzare e promuovere le competenze professionali acquisite “sul campo” dagli iscritti che ne fanno volontaria ed esplicita richiesta. «Abbiamo deliberato le linee guida per un regolamento attuativo che verrà discusso e approvato nella prossima assemblea – conclude il presidente Grasso - certificare la professione significa avvalorare le capacità attraverso “traguardi di competenza” che gli stessi iscritti si prefissano, per mettere gli Ordini nella posizione di vantare professionisti qualificati e aggiornati, consapevoli delle responsabilità che si assumono nello svolgimento delle proprie attività. L’Assemblea ha altresì deliberato modifiche allo statuto della Fondazione che prevedono, tra l’altro, la possibilità di una migliore relazione con le altre Fondazioni del territorio».

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI