Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 21 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:409 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1180 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:1916 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1450 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1427 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1396 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1669 Crotone

Linguaglossa - Si è concluso sull’etna il viaggio avventuroso di Daniele Maugeri

stampa_1_resize

 

In occasione del centocinquantesimo anno dalla fondazione del Club Alpino Italiano, il linguaglossese Daniele Maugeri, stimato maestro di sci di Madesimo in Valchiavenna, ha portato a termine un’audace impresa. La sua avventura è iniziata lo scorso 14 settembre, alle ore 10, con la scalata del pizzo Tambò sull’arco alpino, a Passo Spluga, confine tra l’ Italia e la Svizzera, e si è conclusa, stamani, con il raggiungimento della cima del vulcano Etna, alle ore 10.30, dopo aver attraversato l’intera penisola in sella alla sua bicicletta,avendo percorso 1886 km in 18 giorni.

Daniele autosufficiente in tutto, sulla bicicletta dotata di un piccolo impianto fotovoltaico, e provvista di vettovaglie, si cucinava da solo, assaggiava i prodotti tipici dei luoghi che attraversava e ha trascorso parecchie notti dormendo in tenda o nel sacco a pelo. La sua bici pesava complessivamente 47 kg ed è stata la sua fedele compagna di viaggio reso ancora più interessante dagli incontri con altri ciclo viaggiatori con cui ha condiviso le gioie e i dolori di un’estenuante fatica fisica, resa ancora più difficile dalle condizioni atmosferiche non sempre ottimali.

“ Sono felice-ha commentato Daniele- di aver realizzato quest’ impresa e di averla conclusa a Linguaglossa, mia città di origine, alla quale mi legano gli affetti e i ricordi. La sfida è nata con l’ intento di unire due montagne così lontane. Io desidero che questa mia performance costituisca un monito per i giovani, miei compaesani, a non rimanere fermi, ma di accostarsi al mondo dello sport. Amo l’alpinismo, adoro la montagna e alla classica bicicletta preferisco la mountin-bike”.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI