Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 01 Dicembre 2020

Tutti i Comuni hanno aderito alla manifestazione di protesta dei sindaci e dei consigli comunali della provincia di Catania

“Territori e provenienze politiche anche diverse ma una voce sola: quella dei sindaci che ogni giorno devono fare fronte alla innumerevoli giuste esigenze dei cittadini a cui bisogna garantire i servizi necessari. Lo Stato e la Regione diano delle risposte chiare altrimenti viene a cadere anche l’ultimo baluardo di credibilità delle istituzioni”. Lo ha detto il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli in apertura della manifestazione che si è svolta a Catania a cui hanno aderito tutti i Sindaci e i rappresentanti dei consigli dei 58 Comuni della provincia etnea per protestare contro le politiche dei governi nazionale e regionale responsabili del tracollo finanziario e sociale degli enti locali. Il Corteo dei Sindaci con fascia tricolore, dei Presidenti dei Consigli Comunali con Gonfalone degli Enti Locali, degli Assessori, dei Consiglieri Comunali e delle Rappresentanze sindacali, datoriali, economiche, politiche e sociali dopo una breve riunione a Palazzo Platamone si è mosso lungo via Vittorio Emanuele e via Etnea dirigendosi verso la Prefettura di Catania. La manifestazione è stata voluta e coordinata dal primo cittadino del capoluogo etneo e da altri colleghi di differenti aree territoriali della provincia etnea ed è stata realizzata con la collaborazione dei Presidenti dei Consigli Comunali e il coinvolgimento dei Consigli stessi e delle parti sociali ed economiche territori della provincia etnea.“ Nessuno -ha proseguito il primo cittadino- sia nell’Amministrazione regionale che in quella nazionale sembra rendersi conto della ricaduta che può avere la carenza di liquidità nei territori. Siamo rendendo pubblici i bisogni delle nostre comunità e i motivi che stanno alla base delle sofferenze che vivono i cittadini. Domani pomeriggio, giovedì 6 dicembre sarò a Roma al Quirinale all’incontro dei primi cittadini dell’Anci col Capo dello Stato, un’ulteriore occasione per fare capire al Governo e al Parlamento la grave situazione in cui versano i Comuni. Una posizione che verrà ribadita al Presidente della Regione Siciliana nella manifestazione di Palermo voluta dall'Anci Sicilia venerdì mattina 7 dicembre, perché sia chiaro che le identiche sollecitazioni che valgono per lo stato Centrale le poniamo anche al nuovo Governo e al nuovo Parlamento regionale”.

A conclusione della manifestazione una delegazione dei sindaci e dei rappresentanti dei consigli comunali, ha incontrato il Prefetto di Catania Francesca Cannizzo a cui è stato presentato il documento “EMERGENZA COMUNI PROVINCIA CATANIA – 5 PROPOSTE PER SALVARE LE MUNICIPALITÀ”, redatto sulla base delle priorità emerse nell’incontro dello scorso 26 novembre e approvato dall’assemblea dei primi cittadini.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI