Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 21 Ottobre 2021

Bronte - La sede del giudice di pace verso la salvezza

I Comuni di Bronte, Maletto, Cesarò e San Teodoro disposti a salvare la sede del Giudice di Pace di Bronte. Nella sala della Giunta del Palazzo municipale di Bronte si è svolta, infatti, una riunione operativa alla presenza, ospiti dell’assessore Nunzio Castiglione, del sindaco di Maletto, Pippo De Luca e degli assessori Cettina Carameli di San Teodoro e Tony Caputo di Cesarò. Con loro gli avvocati Antonino Uccellatore, presidente dell’Associazione forenze di Bronte, e Federico Cairone.

Ad esporre l’argomento l’avvocato del Comune di Bronte, Antonella Cordaro: “Per mantenere la sede del Giudice di Pace – ha affermato l’avvocato Cordaro – i Comuni dovranno assumersi l’onore di assicurare la sede, provvedendo anche mettere a disposizione il personale necessario che poi il Ministero formerà”.

Tutti i presenti hanno mostrato la volontà politica a mantenere a Bronte la sede del Giudice di pace, considerato un servizio utile per l’intero territorio, ma ovviamente in periodi di crisi è necessario guardare alle spese.

E le spese da un’analisi sommaria non dovrebbero superare i 120 mila euro annui che i 4 Comuni presenti all’incontro, più Maniace, dovrebbero dividersi proporzionalmente al numero di abitanti.

Di conseguenza i sindaci verificheranno con i propri uffici di ragioneria la sostenibilità dell’importo richiesto e poi si rincontreranno lunedì 10 alle 16 per sancire quanto stabilito.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI