Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 23 Gennaio 2021

Imprese, “boccata d’ossigeno con il decreto sviluppo”

COSTA, POSELLI, DI MARCO, PUGLISI, FICHERA

 

Il fine è stimolare la crescita e far ripartire l’economia. I mezzi, quelli predisposti dal Decreto Sviluppo, sono vari e tra questi la Riforma della legge fallimentare entrata in vigore l’11 settembre che, con le sue modifiche, interviene e disegna delle formule di salvataggio, volte a esorcizzare quanto più possibile il fallimento delle imprese. È su questo tema così importante e urgente che si è svolto stamattina (1 dicembre) all’hotel Excelsior di Catania il convegno “Recenti novità legislative in tema di impresa e procedure concorsuali” organizzato dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Catania (Odcec) e dal Centro Studi Diritto Fallimentare di Catania “Prof. Giuseppe Ragusa Maggiore” : «Si tratta di modifiche molto positive – ha commentato il presidente Odcec Catania Margherita Poselli - di strumenti anticrisi che dovrebbero sostenere meglio le imprese durante lo svolgimento della procedura, soprattutto nel caso di concordato con continuità aziendale. L’impresa è un bene comune e la sua tutela è la garanzia migliore anche per gli stessi creditori». A fare notizia è stato soprattutto il cosiddetto concordato “in bianco”: «È una grande novità destinata a incidere molto nella realtà – ha spiegato il presidente del Centro Studi Diritto Fallimentare Concetto Costa - perché l’imprenditore in difficoltà può presentare la domanda e posticipare a un momento successivo, stabilito dal tribunale, la presentazione di tutta la documentazione richiesta per la proposta di concordato preventivo. Con l’effetto di paralizzare l’azione esecutiva e le eventuali aggressioni dei creditori. Una misura molto positiva purché non venga utilizzata a fini dilatori, cioè solo per ritardare un fallimento che è inevitabile». In altre parole una boccata d’ossigeno per evitare che le difficili condizioni possano ulteriormente deteriorarsi. A servirsene ad esempio sono state proprio due grosse aziende ormai da mesi sulle pagine dei giornali, Aligrup e Wind Jet. Una soluzione alternativa al concordato è quella dell’accordo di ristrutturazione dei debiti, approfondito dal giudice della sezione fallimentare del Tribunale di Catania Giuseppe Fichera.

L’altra importante novità è l’istituzione del tribunale delle imprese, o più precisamente di una sezione speciale in materia di imprese. Come ha analizzato il presidente del Tribunale di Catania Bruno Di Marco: «Lo scopo è quello di accelerare e quindi ridurre i tempi, presupposto indispensabile è la specializzazione del giudice soprattutto in una materia assai complessa come quella societaria. E in questo senso la riforma è condivisibile e se vuole raggiungere i suoi obiettivi non può essere a costo zero, deve essere accompagnata da altre misure, rivedere gli organici sia di magistratura che di personale amministrativo». A toccare da vicino il tema del tribunale delle imprese è stata invece il presidente della IV sezione civile e fallimentare del tribunale di Catania Adriana Puglisi.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI