Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 04 Agosto 2020

San Gregorio di Catania - Intitolazione dell’ex cinema Sciuto al Generale Dalla Chiesa

San Gregorio di Catania si è vestita a festa questa mattina per l’intitolazione dell’ex cinema Sciuto al Generale dei Carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa: un grande momento di legalità per tutto il territorio sangregorese con la partecipazione delle più alte autorità civili, militari, giudiziarie e religiose dell’hinterland. Il momento clou delle iniziative del cartellone autunnale è coinciso quindi con un avvenimento molto atteso da tutti i sangregoresi: l’inaugurazione dell’ex Cinema Sciuto divenuto oggi auditorium e arena. Grande partecipazione di molti cittadini festanti che attendevano l’apertura e l’usufruibilità da oltre un ventennio. L’auditorium comunale, nato dalla ristrutturazione dell’ex cinema Sciuto, con 185 posti a sedere è stato intitolato al Generale dei Carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa per desiderio degli alunni dei due Istituti scolastici del territorio, il San Domenico Savio e il Michele Purrello, che attraverso un sondaggio hanno espresso la loro volontà di dedicarlo alla memoria del valoroso prefetto di Palermo morto per un vile attentato della mafia il 3 settembre del 1982. La manifestazione è stata aperta dalle orchestre dei due Istituti scolastici. Le due scuole del territorio hanno suonato alcuni brani musicali del loro repertorio. L’Istituto Comprensivo Michele Purrello ha eseguito l’inno di Mameli e l’inno di Sicilia con la direzione dell’orchestra della professoressa Alessandra Gulizia. Il momento musicale è poi proseguito con l’orchestra degli studenti dell’Istituto Comprensivo San Domenico  Savio che hanno eseguito quattro brani diretti dal professore d’orchestra Carmelo Leonardi.

A ricordare la figura di Carlo Alberto Dalla Chiesa è stato il figlio Nando con queste parole: “Grazie per aver dedicato l’auditorium a mio padre”, ha dichiarato. “Il coinvolgimento delle scuole in queste iniziative è un significativo momento di ricordo e di educazione nel segno della legalità” – ha aggiunto – “Oggi è normale intitolare luoghi pubblici alle vittime della mafia, mentre una volta chi veniva ucciso dalla mafia era condannato a cadere nell’oblio. Io quando mio padre venne ucciso capii subito che la mia missione sarebbe stata quella di non farlo dimenticare. Voglio chiudere raccontandovi una mia esperienza personale. Solitamente non canto mai l’inno italiano perché per me ha un altissimo significato, mio padre è stato sepolto con la bandiera italiana, ma oggi quando i ragazzi hanno intonato l’inno di Mameli ho voluto cantarlo con loro…”

Commosso anche il ricordo del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Catania Colonello Giuseppe La Gala che ha ricordato il Generale Dalla Chiesa partendo da una foto datata 30 Aprile 1981 che li ritraeva insieme, quando il Comandante La Gala era ancora un allievo ufficiale . “Se oggi continuiamo a combattere la mafia lo facciamo per dare alle generazioni future una speranza. – ha dichiarato il Comandante La Gala rivolgendosi ai molti ragazzi presenti in sala – L’esempio che ci ha lasciato Dalla Chiesa è quello di lottare sempre per evitare che sia minacciata la nostra libertà e la nostra democrazia”.

Nell’occasione dell’inaugurazione è stata anche scoperta le targa per  i coniugi Antonino Sciuto e Maria Corsaro, a cui invece è stata dedicata l’arena.

“Siamo particolarmente felici dopo l’acquisto e la ristrutturazione dell’ex Cinema Sciuto di aver inaugurato l’auditorium intitolato al Generale Dalla Chiesa. – ha dichiarato il Sindaco Avvocato Remo Palermo -  Siamo soddisfatti che la denominazione sia stata il frutto di un libero sondaggio tra i nostri ragazzi: una individuazione nel segno della legalità e della democrazia. Altresì ci rende molto soddisfatti aver denominato l’arena ai coniugi Sciuto-Corsaro, figure laboriose di commercianti d’altri tempi. Abbiamo finalmente riaperto questa splendida struttura che sarà destinata ad eventi culturali, scientifici e ricreativi”.

Moltissime le autorità che hanno partecipato al taglio del nastro. Presenti anche il Prefetto Francesca Cannizzo, il Commissario Straordinario della Provincia di Catania Antonina Liotta, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Colonello Francesco Gazzani, il presidente del Tribunale di Catania Bruno Di Marco, Giovanni Signer vice questore vicario della Questura di Catania.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI