Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 09 Luglio 2020

Caltagirone - “Mussolinia la saga delle beffe”

Giovedì 3 marzo, alle 18, nel salone di rappresentanza “Mario Scelba” del municipio di Caltagirone, su iniziativa del Comune e della sede calatina di Siciliantica (presidente Sergio Anfuso), si terrà la presentazione del libro di Giuseppe Colomba “Mussolinia, la saga delle beffe”. Introdurranno il sindaco Francesco Pignataro, lo scrittore Domenico Seminerio e lo storico Enzo Nicoletti. Sarà presente l'autore.

Il libro – Bonfirraro Editore – è la rivisitazione storica, in forma di romanzo, di un episodio avvenuto a Caltagirone, già trattato da molti illustri studiosi e da alcuni dei più grandi scrittori siciliani contemporanei come Sciascia e Camilleri: la beffa maturata, nel 1924, negli ambienti dell'antagonismo caltagironese ai danni del duce, venuto per mettere la prima pietra di un gran città destinata a portare il suo nome, la prima della storia, che rimase tale, però, soltanto sulla carta.

“Va ascritto a merito dell'autore – sottolinea Seminerio nella sua presentazione – non solo la rilettura della vicenda in una chiave narrativa originale e quasi provocatoria, ma anche l'averne tratto lo spunto per porre in discussione una divertente ma addomesticata e consolatoria vulgata dei fatti tesa, evidentemente, a mettere in ombra la sorda, sotterranea, subdola opposizione della classe padronale... Il beffato – continua Seminerio – a ben vedere, e Giuseppe Colomba ha saputo guardare con occhi liberi da ogni deformante lente ideologica, non fu Mussolini, che se ne uscì infastidito con una sferzante battuta, ma il popolo di Caltagirone, che perse una decisiva occasione di sviluppo, storica e irripetibile... La storia non si fa con i <se> e con i <ma>, però viene spontaneo chiedersi cosa sarebbe successo se la città di Mussolinia si fosse fatta davvero, se Caltagirone, in virtù anche di quella realizzazione, avesse ottenuto lo status di provincia come era nella realtà delle cose e nelle intenzioni dello stesso duce...”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI