Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 02 Luglio 2020

“ETNAFEST2012” inaugura il IV Festival Internazionale del Val di Noto“Magie Barocche”

magie barocche

 

Applausi salpati direttamente dall’anima.

Questo ieri sera a Palazzo dei Minoriti, palcoscenico del concerto d’ apertura del IV Festival Internazionale del Val di Noto “Magie Barocche”, circuito inserito all’interno di “Etnafest2012”, il caleidoscopio  della Provincia regionale di Catania che illumina di cultura il territorio etneo.

I soldi spesi per la cultura - commenta il vice presidente della commissione permanente cultura della provincia di Catania, Salvatore Patanèsono un investimento per la valorizzazione della sicilianità. Il Festival del Val di Noto  - Magie Barocche è stato pensato per offrire momenti culturali anche ai comuni periferici. È un esperimento coraggioso che propone uno spettacolo singolare col barocco come protagonista unico”. Gli fa eco Ruggero Razza, vice presidente della provincia regionale di Catania: “ il barocco siciliano è un orgoglio che va comunicato ed esaltato: con Magie Barocche vogliamo centrare l’obiettivo”. 

Riflettori accesi, dunque, sul direttore artistico del festival, professore Antonio Marcellino che in questa serata inaugurale ha dato prova della sua passione sconfinata per la musica: “Il concerto inaugurale di stasera conferma la validità di un progetto artistico innovativo e oramai tanto radicato sul territorio da essere presente, da quest'anno, anche in Etnafest”.

Totalmente immerso nello stile  che gli è proprio, il chiostro di uno dei palazzi barocchi più suggestivi di Catania è stato, ieri sera, ingentilito dalle melodie di Bach, degnamente interpretate dai pluripremiati musicisti dell’Istituto Vincenzo Bellini.  Un’orchestra straordinaria, diretta da un maestro concertatore che ha suonato in piedi, così come richiesto dalla consuetudine musicale barocca. Otto violini, due viole, due violoncelli e un contrabbasso hanno accompagnato il concerto per augmentatione che ha visto succedersi sul palco prima uno, poi due, poi tre e, infine, quattro pianoforti. Un omaggio al compositore tedesco magistralmente eseguito dai pianisti Maria Pia Tricoli, Roberto Carnevale, Graziella Concas e Luca Ballerini che ieri sera, solleticando i tasti e titillando le corde ai loro strumenti,  hanno restituito al pubblico brani d’ineguagliabile fascino. Una serata iridescente sfumata dall’alternarsi di allegri, andanti, larghi e adagi. Tempi ritmati egregiamente dall’Orchestra da Camera del Festival “Magie Barocche”.

A godersi lo spettacolo le numerose personalità cittadine e isolane tra cui il Presidente della provincia regionale di Siracusa, Nicola Bono e Sua Eccellenza Guido Marletta, presidente emerito della corte d’appello di Catania che così si è espresso: “questi spettacoli sono molto utili alla cittadinanza in quanto soddisfano il desiderio culturale di  una città come Catania  che ha particolare bisogno di conoscenza”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI