Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 22 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:802 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1453 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:982 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1680 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2436 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1948 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1939 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1889 Crotone

La Provincia ha reso omaggio alla rassegna artistica sculto pittorica inserita in Etnafest

Una visita che ha lasciato a bocca aperta il vice presidente della provincia regionale di Catania Ruggero Razza che ha seguito gli artisti nell’ illustrazione delle proprie opere, soffermandosi con curiosità di fronte a quelle che maggiormente l’hanno colpito: “La rassegna artistica Le Nomadie è l’ennesima riprova – ha dichiarato Razza – che EtnaFest 2012 può vantare solo eventi di grande qualità, attraenti culturalmente e intellettualmente”.

La mostra “Tempoquattroquarti” è il secondo appuntamento di “Nomadie”, la rassegna sculto pittorica organizzata dall’Associazione Culturale Spaziovitalein, inserita all’interno del cartellone di “Etnafest2012” della Provincia regionale di Catania.

Il termine “Nomadie” è stato coniato dall’ingegnere Antonio Vitale –figlio del più celebre gallerista Giuseppe, organizzatore della mostra. “Posizionamenti eccentrici”- dichiara Vitale- è il sottotitolo che ho scelto per  la rassegna per individuare nella distanza dal baricentro il luogo dove vivere in libertà l’esperienza. Dopo aver  dimostrato la necessità di una sinergia condivisa,attraverso ‘Singolare Plurale’, mostra curata da Nicola D’Alessandro - continua l’ingegnere - nasce l’esigenza di soffermarsi sul tempo della memoria intesa come bagaglio di tutte le esperienze culturali che affiorano spontaneamente, sussurrando la loro valenza e  azzerando il chiasso che c’è intorno”.

Memoria passionalmente interpretata dalle opere di “Tempoquattroquarti”, rassegna curata da Giuseppina Radice: ”Ho immaginato la mostra come colonna sonora di quel disperato bisogno di normalità, come etica che affiora in ambiti anche inaspettati e nella quale ci si incontra e ci si riconosce…”.

In  contemporanea le personali di quattro artisti di risonanza nazionale e oltre confine: Antonello Arena, Giuseppe Livio, Giuseppe Corradino, Pina Mazzaglia. Quattro diverse visioni del mondo odierno, quattro percorsi in cui rifugiarsi per potersi astrarre dalla realtà e scegliere i propri sentieri. Un dialogo fra personalità e tecniche differenti che cerca di coniugare le interpretazioni di quattro animi sensibili.

Raffinate e grezze tele di lino che  raffigurano volti umani con richiamo a isole fantastiche, intervallate da prodotti della terra, per un ritorno alla natura; impronte digitali rese labirinti e accostate ai materiali più diversi, alle etnie orientali; femminilità manifesta nei ritratti vitali di donne forti, individualiste e complici; pittosculture di resina che imprigionano il movimento, che scandiscono il tempo, che immortalano attimi precisi

Questi  universi variegati rimarranno esposti alle Ciminiere di Catania fino al 5 agosto. La mostra fruibile -gratuitamente-  da martedì a sabato, 17.00/21.00 – domenica, 19.00/21.00.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI