Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 17 Luglio 2019

«I miei complimenti vivissimi e i miei migliori auguri di buon lavoro a Nico Torrisi per la nomina a vice presidente nazionale di Federalberghi. Il suo nome è garanzia di equilibrio e di competenza e lo affermo non soltanto nella qualità di amico ma anche, e soprattutto, in quanto profondo conoscitore delle capacità che ha ampiamente dimostrato all’interno di Etna Convention Bureau come amministratore delegato. Sono certo che  chiamato ad assolvere a un ruolo di così alto profilo in una fase delicata come quella che sta attraversando il turismo, il dottore Torrisi saprà con la sua professionalità, serietà e lungimiranza, mandare un segnale concreto di fiducia e di speranza per la ripresa del settore».

Modigliani

Colori a olio, pennelli, colla e cartoncino, e in sottofondo il chiacchiericcio vivace di una dozzina di bambini, hanno animato sabato scorso la Torre dei Martiri del Castello Ursino – che nell’Ottocento era una cella per detenuti -  per il primo dei laboratori di “I ritratti di Modì”, un ciclo di incontri dedicati all’arte curati dall’illustratrice Nadia Ruju nell’ambito della mostra “Modigliani, ritratti dell’anima” e dedicati ai bambini tra i 4 e gli 8 anni.

I prossimi sabato 29, alle 16 e alle 17.30.

“Abbiamo prima visitato la mostra – spiega la Ruju - soffermandoci sulla splendida tavolozza colma di colori appartenuta ad Amedeo Modigliani e poi nello spazio della Torre, al pian terreno, abbiamo cominciato a lavorare sullo stile di questo artista, sui suoi capolavori popolati da donne con colli lunghi e sinuosi, elegantemente acconciate, immerse in atmosfere dai colori caldi e avvolgenti. Abbiamo esaminato la forma del viso, inserendo con il collage gli elementi che caratterizzano il volto, senza dimenticare lo sfondo che contribuisce attraverso l'uso del colore a dar vita all' atmosfera del ritratto”. Terminato il lavoretto in “stile Modì” – mentre i genitori visitavano con calma l’esposizione – i bambini hanno commentato, con la consueta spontaneità, la propria opera che poi si sono portati a casa. Tavoli, sedie e materiale didattico sono stati forniti dall’Assessorato Comunale alla Cultura e ai Grandi Eventi guidato da Marella Ferrera, promotrice della mostra su Modigliani insieme con gli omonimi Archivi di Roma e Parigi e la Galleria Side A di Giovanni Gibiino, coordinatore dei collezionisti siciliani del maestro di Livorno. Per partecipare ai prossimi laboratori “I ritratti di Modì” occorre  prenotarsi per telefono (cell. 392.244.11.84, 338.17.98.486) o via email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., il costo è di 4 euro a bambino. Fra i numerosi ospiti di domenica scorsa, quando è stato sfiorato il migliaio di presenze (947), anche il maestro Domenico Di Mauro, pittore di carretti siciliani che, appoggiandosi al suo bastone, ha visitato la mostra e si è fatto ritrarre davanti al ritratto della “Donna con occhi blu”, immagine guida della mostra.

E’ rivolto agli audiolesi, infine, il percorso guidato con l’ausilio di un interprete del linguaggio LIS (Lingua Italiana dei Segni) in programma per lunedì 31 gennaio alle ore 16.00. Le guide turistiche in servizio al Castello Ursino in occasione della mostra offriranno gratis la propria collaborazione. Per prenotarsi, singoli o gruppi, possono telefonare alla segreteria organizzativa 392.244.11.84.

 

A seguito delle notizie contraddittorie sui tributi e sulle richieste di pagamento inviate da Ato e amministrazioni comunali, l'Adoc e altre associazioni hanno riunito i loro esperti tributari e hanno definito una comune linea d'azione incentrata sulla considerazione che il legislatore ha chiaramente indicato in cinque anni il periodo entro il quale interviene la prescrizione. “Abbiamo voluto prendere in considerazione le ipotesi fatte dalle amministrazioni e alla fine, non riusciamo proprio a condividere il loro punto di vista.” A dichiararlo è Claudio Melchiorre, presidente Adoc. “Secondo l'evidenza noi siamo nel 2011. E se questo è un fatto, possiamo dire che i tributi dovuti risalgono al 2006 compreso. I tributi antecedenti sono prescritti. Resta aperta un'ipotesi, ovviamente, e cioè che a risarcire il Comune e i cittadini per il danno per i mancati introiti siano coloro che hanno impedito la riscossione e questi potrebbero essere individuati tra le funzioni apicali del Comune di Catania, a nostro avviso.” Melchiorre ha quindi sottolineato che Comuni e contribuenti hanno lo stesso interesse: “A noi comunque interessa ristabilire un principio di legalità e di regolarità degli introiti comunali e delle autorità di ambito. Qualsiasi confusione o richiesta illegittima tende invece a fare il gioco degli evasori totali e parziali che hanno capacità economica tale da poter fare ricorsi senza timore.” In riferimento a quest'ultimo punto, le associazioni dei consumatori hanno voluto sottolineare come la conciliazione aiuterebbe molto a risolvere l'attuale enorme confusione. “Siamo convinti che con un sistema di risoluzione delle controversie bilaterale gli introiti si velocizzerebbero e renderebbero molto più credibile un sistema di imposizione che continua ad essere gestito cercando di massimizzare le richieste piegando ragione e legge ad interpretazioni a nostro avviso evidentemente scorrette -ha infine spiegato il presidente Adoc. E poi viene il dubbio che ci si accanisca con chi ha un debito di cento Euro, senza considerare i grandi evasori che hanno tutto l'interesse a proporre ricorso in commissione tributaria. Ci consta che ci siano diversi soggetti morosi, ciascuno per milioni di Euro, specie nella città di Catania. Saremmo lieti di essere smentiti a questo riguardo.” Per definire lo stato dell'arte e per spiegare ai cittadini come difendersi dalle richieste illegittime e immotivate e anche come richiedere i rimborsi per le somme non dovute a Catania e provincia, Adoc, Sicilia Consumatori, il Centro Studi Idea hanno convocato una conferenza stampa per venerdi 28 gennaio in Via Sangiuliano, 365 alle ore 10,30. Alla conferenza parteciperanno i rappresentanti dele tre associazioni. In quella occasione sarà distribuito il modulo per la richiesta dei rimborsi e le azioni da esperire per evitare di pagare somme non dovute.

L’Amministrazione Comunale assisterà l’impresa di autolinee private Scionti nell’accedere ai fondi della legge antiracket qualora fossero accertati moventi estorsivi nell’incendio al bus panoramico di domenica scorsa. Lo ha reso noto l’assessore alle attività produttive Franz Cannizzo che oggiAggiungi un appuntamento per oggi si è recato nella sede dell’azienda per ribadire la vicinanza del Comune per riprendere quanto prima il servizio per i turisti nel centro cittadino.

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità il piano comunale di protezione civile, redatto dall'ufficio comunale competente (responsabile Massimo Sciuto, dirigente del settore Renzo Giarmanà) in collaborazione con il Dipartimento regionale di Protezione civile – servizio per la provincia di Catania. “Il piano – sottolinea l'assessore Franco Pace - contiene le indicazioni e prevede le azioni – come l'approntamento dei mezzi e delle strutture operative – necessarie per fronteggiare le emergenze”. Sono allegati ad esso il piano speditivo di protezione civile per il rischio di incendio di interfaccia e quello speditivo di emergenza per il rischio idrogeologico e idraulico. Il provvedimento varato dal Consiglio era stato esitato favorevolmente dalla III commissione “con l'inclusione di alcuni atti d'indirizzo – spiega il presidente dell'organismo consultivo permanente Sergio Domenica -, fra i quali l'impegno, da parte dell'Amministrazione, a istituire un gruppo tecnico operativo di primo intervento e a istituire il servizio di reperibilità, ma anche a individuare, nella parte alta del centro storico, aree di concentrazione e a collocare appositi cartelli indicatori. Abbiamo lavorato in piena sinergia – aggiunge Domenica – e rilevato pure l'esigenza dell'abbattimento del muro di via Tapinelle per rendere più agevole la viabilità della zona”. “Il Consiglio – afferma il presidente Fortunato Parisi – ha concretamente contribuito a dotare la nostra città di uno strumento importante per eliminare o contenere i fattori di rischio”. “Il piano di protezione civile – commenta il sindaco Francesco Pignataro – è una fondamentale opportunità in un settore strategico per la sicurezza della comunità”. Il piano individua una serie di aree di attesa, ricovero e ammassamento della popolazione. Aree di attesa: Piazzale Apparizione, parcheggio lungo l'ex Circonvallazione di levante, area antistante Istituto tecnico agrario, parcheggio di viale Regina Elena, parcheggio camper San Giovanni, parcheggio San Giovanni, campo di calcio di via Gela, parcheggio lungo la Circonvallazione di ponente, vie Po e Libertini – Largo Ticino, area Poggio Fanales, area adiacente la nuova biblioteca comunale, area ad angolo fra il viale Autonomia e la via La Rosa, piazza Falcone e Borsellino, via Andrea Ferrari e via dei Normanni. Aree di ricovero: campi di calcio e parcheggio di contrada Divisa, parcheggio piscine e locali ex Saprin, piazzale Falcone e Borsellino, campo di calcio Città dei Ragazzi, area lungo la via Cristoforo Colombo, campi di calcio del seminario estivo, area di contrada Montagna. Aree di ammassamento: mercato ortofrutticolo di contrada Molona e area nella zona industriale, in contrada Santa Maria Poggiarelli.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI