Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 25 Agosto 2019

Magna Grecia film Festiva…

Ago 23, 2019 Hits:125 Crotone

Prestigioso incarico all’…

Lug 24, 2019 Hits:1088 Crotone

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:980 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:3659 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1422 Crotone

Maria Taglioni: 11 diplom…

Giu 24, 2019 Hits:1469 Crotone

Giuseppe Castagnino nomin…

Giu 14, 2019 Hits:1758 Crotone

Come ogni anno l’Azienda sanitaria provinciale di Catania, attraverso il Ser.T. Ct2 (Servizio tossicodipendenza) e il centro antifumo del distretto sanitario Ct2, organizza un corso per smettere di fumare. Il corso “Insieme… per non fumare più”, giunto alla sedicesima edizione, si svolgerà per quattro serate consecutive dal 14 al 17 Febbraio 2011 nei locali del SerT in via Sardo 20, dalle ore 17.00 alle ore 19.00.

«Questo corso - spiega il direttore generale Giuseppe Calaciura - ha l’obiettivo di sensibilizzare e aiutare quanti vorrebbero smettere di fumare e temono di non riuscirci da soli. Attraverso il metodo del gruppo di auto-aiuto, che comprende circa 15 fumatori ed è condotto da esperti, vengono costruiti percorsi motivazionali di cambiamento dei comportamenti legati al fumo. Da quando sono stati attivati i gruppi antifumo nell’ambito del Sert Ct2, nel 2001, oltre il 40% dei partecipanti, dopo aver frequentato i corsi, non ha più acceso una sigaretta».

Possono partecipare all’iniziativa dell’Asp le persone che hanno compiuto 18 anni: il corso è a numero chiuso (è ammesso un massimo di 15 partecipanti), per iscriversi è necessario prenotare un colloquio preliminare telefonando ai numeri: 095-2542626 - 2607 – 2634 -  o al numero verde 800218140 e chiedere di Giuseppe La Rocca (medico psichiatra e responsabile SerT) o di  Salvatore Scardilli (psicologo – referente Centro Antifumo) che condurranno gli incontri di gruppo.

 

E' in corso di svolgimento dal pomeriggio del 27 gennaio, nella Galleria “Luigi Sturzo”, la mostra fotografica “Luigi Stalag Xb. Storia di un non ritorno” - disegni di Marco Ficarra, ideazione e grafica di Silvana Vialli, visitabile sino al 20 febbraio con ingresso gratuito.Orari d'apertura: tutti i giorni dalle 9 alle 20.

La mostra – curatori Sebastiano Favitta e Attilio Gerbino – è promossa dalla Galleria fotografica “Luigi Ghirri” di Caltagirone e fa parte dell'edizione 2011 di “Fili della memoria”, la manifestazione che, promossa dall'assessorato alla Pubblica istruzione del Comune di Caltagirone in occasione della Giornata della memoria, si articola – dal 25 gennaio al 19 febbraio - in esposizioni, fiaccolate, film e dibattiti.

In 30 tavole, le immagini essenziali di un fumetto si incontrano e si fondono alla franchezza della fotografia in bianco e nero. La riflessione sulla memoria della Shoah conduce il visitatore nei luoghi dell'altra resistenza attraverso la storia di un internato militare siciliano in un lager nazista.

E' entrato in vigore ieri, 31 gennaio, il nuovo calendario della raccolta differenziata dei rifiuti che, come stabilito da un'apposita ordinanza emessa dal sindaco Francesco Pignataro, prevede nel centro storico, dove essa viene effettuata col sistema del porta a porta, l'aumento da 3 a 4 delle giornate in cui viene prelevato l'organico, “col chiaro intento – spiega il primo cittadino – di creare le condizioni migliori per un incremento delle percentuali della differenziata, che è lo strumento per rendere più pulita la città. Peraltro un aumento della differenziata comporta una riduzione dei costi di smaltimento”.

Questo il calendario: lunedì organico (mastello marrone), martedì indifferenziata nei sacchetti di plastica, mercoledì organico e plastica – metalli (sacca gialla – contenitore); giovedì organico e carta – cartone (sacca blu – contenitore), venerdì indifferenziato, sabato organico. I rifiuti devono essere conferiti, correttamente differenziati e nei giorni di raccolta, dalle 6 alle 8 esclusi i festivi.  Quelli conferiti fuori dai giorni previsti saranno lasciati sul posto e vi sarà apposta una targhetta con la scritta: “Conferimento non conforme”.

Vigili urbani e altro personale del Comune e di Kalat Ambiente, che già in queste settimane hanno effettuato una capillare attività di comunicazione e sensibilizzazione dei cittadini,  stanno facendo controlli per garantire il pieno rispetto dell’ordinanza. Mentre il primo giorno è trascorso con semplici “tirate d'orecchie” per gli irrispettosi delle regole, da stamani è tolleranza zero (con le multe che ne conseguono) per i “distratti” e gli altri che non ottemperano all'ordinanza.

“Confidiamo in una più piena collaborazione dei cittadini – afferma l'assessore alle Politiche ambientali Vincenzo Di Stefano – Fare la raccolta differenziata è un obbligo stabilito dalla legge e dalla stessa ordinanza, ma è anche conveniente sia da un punto di vista ambientale che economico”.

Finanziamenti regionali finalmente in arrivo, grazie al Pisu Caltagirone, per la via Cavallitti, l’area del centro storico (si trova nell’antico quartiere di Maria Santissima del Ponte) interessata da smottamenti e già oggetto di interventi di consolidamento e messa in sicurezza effettuati, su iniziativa del Comune,  anche attraverso le demolizioni controllate di immobili pericolanti. Ma importanti risorse in arrivo anche per la via Pisciaro, sottostante la via Cavallitti e caratterizzata dalla presenza di immobili fatiscenti. Già nei prossimi giorni il sindaco Francesco Pignataro firmerà la relativa convenzione con la Regione.

“Viene premiata – afferma l'assessore comunale ai Lavori pubblici, Mario Polizzi – la nostra capacità di progettazione e si garantiscono risposte concrete alle legittime richieste dei residenti”. Per la via Cavallitti, come comunicato al Comune di Caltagirone dal Dipartimento regionale Famiglia e Politiche sociali,  è disponibile la somma di 1.490.000 euro, con cui si finanzia il progetto, presentato dall'Amministrazione comunale calatina, per il recupero della zona in questione. Si tratta di opere di riqualificazione urbana mediante il rifacimento e la restituzione della tipologia tradizionale della pavimentazione e dei sottoservizi, nonché al miglioramento dell’ambiente urbano attraverso il recupero di immobili, e alla rifunzionalizzazione del tessuto urbano.

Somme consistenti (1.330.000 euro) anche per il recupero della via Pisciaro, finalizzate, in particolare, alla realizzazione di un centro polivalente destinato ad accogliere temporaneamente persone in gravi situazioni di disagio e a divenire un luogo di crescita, di lavoro, di cultura e del tempo libero, favorendo la socializzazione. “E' inoltre prevista – informa l'assessore all'Urbanistica, Domenico Palazzo – la creazione di attività di laboratorio (ebanisteria, lavorazione pietre dure e preziose, artigianato ceramico) e di altre iniziative anche attraverso il coinvolgimento del volontariato locale”.

“Con queste risorse – afferma Pignataro – potremo proseguire nella già avviata azione di recupero e piena riqualificazione di una porzione consistente del nostro centro storico. Anche alcune aree vicine, anch’esse nel quartiere Madonna del Ponte, sono interessate da progetti e richieste di finanziamento da parte dell’Amministrazione comunale, che  lavora per utilizzare al meglio le opportunità offerte dai vari strumenti comunitari”.

Il Consiglio comunale di Caltagirone, nel corso della seduta di ieri sera, ha approvato all'unanimità il provvedimento del settore Urbanistica relativo alla verifica delle aree che potranno essere cedute in proprietà nel 2011 e alla determinazione del loro prezzo di cessione e una modifica al regolamento del Consiglio comunale, con cui si stabilisce che “Le sedute di ciascuna commissione non sono valide se non sono presenti almento la metà più uno dei componenti assegnati, compresi il presidente o il vicepresidente”.

Unanime via libera anche alla mozione – primo firmatario il vicepresidente Francesco Aleo -  finalizzata “a ricordare, con l'intitolazione di una via nella zona nuova della cittadina, un altro dei figli illustri di Caltagirone, l'avvocato Giuseppe Bizzini, che fu anche deputato regionale”. Ok unanime, infine, all'ordine del giorno “per la restituzione al Museo archeologico regionale di Aidone, sin dal suo arrivo in Italia previsto per la primavera del 2011, della Venere di Morgantina”.

In apertura dei lavori, il Consiglio, su proposta del presidente Fortunato Parisi, aveva commemorato con un minuto di silenzio il compianto Francesco Palazzo, ingegnere, già consigliere e assessore comunale recentemente scomparso, e trattato alcune pregiudiziali: di Giovanni Garofalo “sulla grave situazione della casa di riposo”, di Roberto Gravina sul Distretto sanitario di Caltagirone e di Luca De Caro sul sistema di raccolta dei rifiuti nel centro storico.

Infine, piccolo terremoto nell'organigramma dei gruppi consiliari, con la costituzione del gruppo “Pdl per il Sud”, formato da Settimo De Pasquale (capogruppo), Francesco Incarbone (vicepresidente, che si richiama alle posizioni del deputato regionale Marco Falcone) e Gaetano Lo Nigro (che si dichiara comunque vicino al senatore Pino Firrarello) e il contestuale venir meno del gruppo del Pdl “ufficiale”, i cui rappresentanti – Maurizio Bauccio e Sergio Domenica – sono momentaneamente confluiti nel gruppo misto. “Ci siamo ritrovati in sintonia – ha commentato De Pasquale – su alcuni punti programmatici di fine mandato e sull'esigenza di una particolare attenzione al Meridione e alla Sicilia”.

Nella precedente seduta l'assise cittadina aveva approvato a larghissima maggioranza due mozioni: per il restauro della fioriera a forma di fontana ubicata nel vialetto delimitato dalla balconata artistica adiacente la via Roma (primo firmatario Bauccio) e per il potenziamento della segnaletica orizzontale (primo firmatario De Pasquale).

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI