Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 12 Dicembre 2019

Foto Castiglione - Campanella

Il presidente della Provincia di Catania, Giuseppe Castiglione, ha incontrato questa mattina al Centro Direzionale Nuovaluce, il nuovo presidente del Tribunale Amministrativo Regionale, sezione di Catania, Biagio Campanella. «Un incontro cordiale – ha dichiarato Castiglione – nel corso del quale ho potuto formulare al neo presidente i miei migliori auguri di buon lavoro, e confermare e rinnovare gli indispensabili rapporti di collaborazione tra le due Istituzioni».

DSC_9172

Catania corre per Catania: per il terzo anno consecutivo si rinnova l’appuntamento con Corri Catania, la corsa-camminata di solidarietà aperta a tutti in programma il prossimo 27 marzo.

L’evento è stato presentato oggi in Piazza Università, che quest’anno sarà il “quartiere generale” e punto di partenza e arrivo dell’edizione 2011.

Saranno ancora lo sport e la solidarietà gli ingredienti dell’evento, organizzato dall’Asd Ragazzini Generali e dal Comitato Organizzatore “Corri Catania”, presieduti da Carmelo Prestipino, che quest’anno sosterrà il Progetto “Ambulanza Corri Catania”, per l’acquisto di un mezzo che sarà donato alla Croce Rossa Italiana – Comitato Provinciale Catania.

Stamattina è stato dato il via ufficiale alla manifestazione ed è scattato il conto alla rovescia in vista della tre giorni che dal 25 al 27 marzo animerà il centro storico etneo per l’evento diventato, ormai, patrimonio di tutta Catania e provincia.

“Anche quest’anno la primavera di Catania inizierà con la Corri Catania – ha subito sottolineato il sen. Raffaele Stancanelli, Sindaco di Catania - ormai un appuntamento da non perdere per la città e per i catanesi. L’ augurio è che si possa superare quota 15.000 partecipanti, tutti insieme uniti per un unico grande scopo: la solidarietà. La città attraverso il risveglio della primavera può lanciare un messaggio importante a tutti coloro che la osservano dall’esterno”.

Al fianco dell’evento anche la Provincia Regionale di Catania, con il presidente on. Giuseppe Castiglione, rappresentato oggi dal Capo di Gabinetto, dott. Giuseppe Gennarino: “La Provincia sostiene Corri Catania, un evento straordinario per partecipazione e obiettivi. Il mio grazie agli organizzatori e l’augurio di un nuovo consolidato successo”.

Presente in Piazza Università anche il dott. Domenico Pinzello, Questore di Catania, che ha portato il suo saluto agli organizzatori.

Per il Comune, oltre al Sindaco, c’erano anche Ottavio Vaccaro, Assessore comunale allo Sport; Sebastiano Arcidiacono, Assessore comunale alle Manutenzioni e la dott.ssa Silvana Contino dell’Assessorato comunale alla Pubblica Istruzione.

“Il 27 Marzo sarà certamente una giornata di festa all’insegna dell’impegno sociale – ha detto l’Assessore Vaccaro - e sono certo che lo spirito solidale dei cittadini catanesi spingerà tutti a partecipare in massa alla Corri Catania”.

“Dopo aver dato il suo contributo di assistenza nelle passate edizioni – ha dichiarato il Commissario Straordinario della Croce Rossa provinciale, dott. Giovanni Camarda - quest’anno ringrazio gli organizzatori per la scelta del Progetto Ambulanza e mi rivolgo alla cittadinanza perché risponda in massa a questo momento di solidarietà e di coinvolgimento sociale”.

Anche quest’anno saranno in tanti ad affiancare gli organizzatori nelle tappe di avvicinamento alla Corri Catania e oggi erano presenti, per confermare il loro sostegno all’evento, i rappresentanti degli enti, delle associazioni e di tutte le realtà che patrocinano o collaborano attivamente all’evento: l’Ufficio Scolastico Provinciale rappresentato da Sergio Regalbuto, coordinatore Ufficio Educazione Fisica; la Consulta Provinciale Studentesca presente con Giuseppe Gibilisco; il X Reparto Mobile della Polizia di Stato con il Vice Questore Aggiunto Marco Mezzofiore e il Medico Principale, Domenico Firringa; Santo Orofino della Base di Maristaeli; il Panathlon Catania con il presidente Eugenio Guglielmino; il Cus Catania con il prof. Ignazio Russo e le Polisportive Giovanili Salesiane e il Gruppo Sportivo Fiamme Gialle.

Alla presentazione sono intervenuti anche il dott. Lorenzo Pavone e la dott.ssa Sara Garozzo della Pediatria del Policlinico di Catania e il prof. Francesco  De Luca e Anna Cavallotto del progetto “Ti regalo una storia” destinatari delle donazioni delle prime due edizioni di Corri Catania.

Ospiti anche Sebastiano Manzoni, presidente di “SiciliaScherma” e Sergio Parisi, presidente della Federazione Italiana Nuoto Sicilia e alcuni dei numerosi testimonial sportivi, che parteciperanno alla promozione dell’evento e alle attività collaterali organizzate su tutto il territorio del capoluogo etneo e della sua provincia: l’Amatori Catania di rugby, in testa il capitano Max Vinti; Salvo Campanella, olimpionico di lotta e in forza al Corpo Forestale Regione Siciliana; Gianni Meci, campione di lotta e il Cus Catania di arrampicata sportiva.

Emozionato ha concluso la presentazione Carmelo Prestipino, presidente del Comitato Organizzatore Corri Catania: “Per tutti l’appuntamento in Piazza Università venerdì 25 marzo per l’inaugurazione del Corri Catania Village che rimarrà allestito fino a domenica 27 marzo, il giorno della Corri Catania 2011”.

 

 

Giovani Calatino

Davide Tutino , neo assessore di Ramacca del movimento poitico Scelta Giovane che fa riferimento all’ex assessore provinciale Daniele Capuana, con deleghe alla Cultura, Politiche Giovanili, Formazione e Servizi Informatici,non perde tempo ed è già a lavoro. Dopo aver preso possesso solo nei gioni scorsi del suo assessorato, ha voluto fortemente fissare tra le sue priorità,  le necessità dei giovani del comune del Calatino, fissando   una serie di incontri pubblici , rivolti a tutti coloro che desiderano un confronto con le istituzioni. A moderare il primo incontro, Santo Rossitto, coordinatore di Scelta Giovane del Collegio del Calatino e Carmelo Cona, coordinatore  Giovani Scelta Giovane.

 

"A Ramacca, i giovani si aspettano poco dai politici, ne sono delusi e soprattutto denunciano una scarsa disponibilità ad ascoltare le loro esigenze, dichiara il coordinatore del collegio provinciale Santo Rossitto. Com'è consuetudine all'interno di Scelta Giovane, il nostro obiettivo è invece quello di portare avanti le loro richieste e non di imporre loro vecchie logiche di partito, ecco perchè abbiamo avviato una serie di incontri con i giovani di Ramacca e il nostro assessore Davide Tutino, per stilare le linee guida di quello che sarà il mio lavoro in questo comune".

 

Tra le tematiche affrontate nel corso della prima riunione, la necessità di realizzare Centri di aggregazione giovanile .

davide tutino 

"A Ramacca -ci spiega infatti l'assessore Tutino- i ragazzi si riuniscono attualmente solo nell'unico spazio loro disponibile e cioè quello  antistante il cimitero e questo cis embra davvero poco, per chi rappresenta il nostro futuro".

 

Tra le altre priorità richiesta dai presenti, il potenziamento del binomio cultura-legalità, e soprattutto la realizzazione di momenti di aggregazione tra i giovani, fin'ora costretti a spostarsi su Catania, per trovare divertimento o

maggiori punti di ritrovo.

 "In un territorio dove molto spesso la cultura viene considerata come un pericolo, in quanto toglie braccia alla mafia, -continua Tutino- non possiamo permettere che i ragazzi mettano a rischio la loro incolumità anche fisica, percorrendo 50 chilometri all'andata e 50 chilometri al ritorno per andare a Catania, solo perchè le istituzioni locali sono state sorde alle loro necessità. "

 

Il neo assessore comunale Tutino, che tra le sue deleghe ha anche i servizi informatici, annuncia che sta già mettendo a punto il lavoro per realizzare all'interno del sito del comune  un "Portale dei Giovani".

 

Portale ci tiene a ribadire l'esponente di Scelta Giovane, che sarà solo il primo passo per realizzare un ponte tra la politica e la comunità di Ramacca.

 

canale 2

Rifiuti e vegetazione. Fenomeni naturali che possono essere arginati, ma se accompagnati dall’ineducazione conducono inevitabilmente al degrado. Durante i lavori di ripristino dell’alveo del canale Bummacaro, o perlomeno lungo i 1900 metri bonificati, sono emerse carcasse di auto, lavatrici e materiale di scarto, quasi fosse una discarica a cielo aperto, motivi – anche se in realtà non unici –  per la quale periodicamente si rinnova il problema dell’allagamento del Villaggio Santa Maria Goretti. O meglio, si rinnovava. Già, perché grazie alla collaborazione tra pubblico e privato si sono ultimati i lavori di pulizia e contenimento del canale e si è aggiunto un altro tassello importante per la riqualificazione della città e in particolare di una zona che per la sua posizione – nei pressi dell’aeroporto Fontanarossa –  rappresenta il biglietto da visita di un’intera città.

Stamani il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli , l’amministratore delegato di Icom Spa Carlo Ignazio Fantola, il vice sindaco e assessore all’urbanistica e Gestione del territorio Luigi Arcidiacono, accompagnati dal direttore dell’ufficio urbanizzazione, arch. Gabriella Sardella e del progettista e direttore dei lavori Renato Grecuzzo, hanno constatato con soddisfazione il completamento dei lavori, durati complessivamente quattro mesi. L’opera di riqualificazione fa parte di un progetto di collaborazione tra Comune e Icom, società proprietaria del Centro commerciale “Porte di Catania”, che ha già portato lo scorso mese di agosto al completamento dell’Asse di Servizi che ha congiunto la periferia Sud e la tangenziale al corso Indipendenza, collegando più di 100mila cittadini ai servizi e alle autostrade. “Porte di Catania” continua a operare nel e per il capoluogo etneo, non più con una “sponsorizzazione” come fu nel caso della realizzazione dell’asse attrezzato, ma con un vero e proprio investimento sul territorio in sinergia con il Comune.

«Credo che quello di portare avanti dei progetti con società esterne che investono sulla città e realizzare in collaborazione opere che sono un bene per la comunità, sia un segnale chiaro di buona amministrazione – sottolinea con enfasi il sindaco Stancanelli – in questo caso abbiamo risolto un problema che da oltre trent’anni affligge il villaggio Santa Maria Goretti, mettendo in sicurezza migliaia di catanesi. Quando il Centro commerciale si è insediato –  prosegue –  è stata siglata la convenzione a contenuto futuro in cui è stato deciso che parte degli oneri di urbanizzazione sarebbero stati destinati proprio alla realizzazione di opere urbanistiche». Osservando il canale, guarda già al futuro l’amministratore delegato di Icom Spa Carlo Ignazio Fantola: «Ci onoriamo di essere diventati cittadini onorari di Catania e di questo quartiere in particolare - esclama Fantola - abbiamo già in studio una serie di nuovi progetti, ma per il momento un dato concreto è che quest’opera sfata la leggenda che al Sud non possa crearsi intesa tra pubblico e privato. Il risanamento complessivo che abbiamo effettuato dopo l’insediamento di “Porte di Catania” consta essenzialmente di due operazioni: una urbanistica realizzata con il parco di 5 ettari di fronte al Pigno e l’altra infrastrutturale con l’asse attrezzato e il canale, a dimostrazione di come i centri commerciali possano integrarsi sul territorio».

L’opera di riqualificazione del canale, nel tratto da via Gelso Bianco sino alla rotonda di incrocio tra la via S. Giuseppe La Rena e S. Maria Goretti è costata un milione di euro ed è stata avviata su uno studio sulle portate attese idrogeologiche effettuato dall’Ufficio Tecnico del Comune di Catania. «Il progetto è stato diviso in due fasi: una di pulitura e una di risagomatura della sezione di deflusso con dimensioni e caratteristiche tali da garantire le portate di piena statisticamente valutabili in un arco di tempo di 50 anni - spiega il direttore dei lavori Renato Grecuzzo - il canale è stato allargato e rivestito in calcestruzzo, dove mancava il sostegno invece è stato ricreato. Sono state, inoltre, sgomberate e ripulite le anche le sezioni interrate sotto lo svincolo a più livelli dell’asse dei servizi» .

Di certo i più contenti sono i residenti che nel passato hanno avuto, proprio a causa delle esondazioni, diversi problemi di infiltramento di acqua nelle abitazioni. «Certo – dice Pietro Vespri, proprietario di una villetta poco distante dal canale – l’acqua prima invadeva la scuola ma poi entrava dentro casa, creando non pochi problemi. Rifiuti nel canale? Saremo più vigili anche noi».

 

impianto di illuminazione

E’ arrivata la luce sul tratto di strada provinciale 125 (via S.Nicolò) in territorio di Acicatena. Ad accendere l’impianto elettrico l’assessore provinciale Ascenzio Maesano insieme all’ex assessore Ottavio Vaccaro, ai consiglieri provinciali Sebastiano Cutuli, Vincenzo D’Agata e Santo Trovato, all’assessore ai lavori pubblici del Comune di Acicatena, Giuseppe Barbagallo e al presidente del Consiglio del Comune di Acicatena, Giovanni Grasso.

“La strada è stata illuminata per circa un chilometro e cinquecento metri – ha chiarito l’assessore Maesano – nel tratto che dall’Eremo di Sant’Anna si allunga verso l’abitato di San Nicolò. L’intervento più volte richiesto dal consigliere Cutuli permetterà ai veicoli di transitare in sicurezza”.

“Da circa trent’anni gli abitanti della zona sollecitavano l’impianto elettrico sulla strada provinciale – ha affermato il consigliere Cutuli -. I lavori, per una base d’asta di novantanovemila e cinquecento euro, proseguono in questi giorni per ultimare altri quattrocento metri sino ad arrivare alle ville di S. Anna”.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI