Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 07 Dicembre 2019

CittàInsieme, sottoscrivendo la denuncia proveniente dalle associazioni Legambiente, WWF e Rifiuti Zero Catania, esprime il suo netto rifiuto nei confronti del servizio integrato di gestione dei rifiuti che avrà inizio il 20 febbraio. Questo perché il contratto stipulato nel dicembre scorso con il raggruppamento d’imprese aggiudicatario IPI-Oikos viola apertamente le normative europee, nazionali e regionali sui rifiuti adesso vigenti.

La nostra associazione, pur apprezzando le numerose dichiarazioni rilasciate dal Sindaco incentrate sulla volontà di dare vita ad una seria raccolta differenziata, ritiene che il capitolato d’appalto, risalente al 2008 non sia in grado di garantire i risultati sperati dall’Amministrazione Comunale.

Infatti, tale accordo, prevedendo la messa su strada di migliaia di nuovi cassonetti ed una raccolta differenziata da compiersi su base volontaria (per una quota pari al 38% del totale dei rifiuti prodotti), ignora palesemente i successi scientificamente dimostrati del cosiddetto “porta a porta”. Siamo convinti che soltanto attraverso quest’ultimo metodo si potrebbe avviare una vera ed efficace differenziata dei nostri avanzi, incentrata su un’effettiva separazione della frazione umida dei rifiuti e non solo sulla buona volontà dei cittadini.

A questo occorre aggiungere che la raccolta porta-a-porta è l’unica metodologia che consentirebbe al Comune di introdurre meccanismi economici premiali per i catanesi, in quanto consentirebbe di legare il costo del servizio alla quantità di rifiuti effettivamente prodotti da ciascun cittadino (cosa che è prevista come obbligatoria dalla legge), secondo il principio “meno rifiuti produci e meno paghi”.

Infine non possiamo fare a meno di evidenziare che, se avviato, il sistema di gestione dei rifiuti previsto dal contratto summenzionato obbligherebbe l’Amministrazione comunale ad aumentare la TARSU del 20% per fare fronte alle multe che dovranno essere corrisposte all’Unione Europea per il mancato raggiungimento del risultato fissato dalla legge: 65% di differenziata entro il 2015 (il capitolato d’appalto prevede invece un livello ben inferiore, pari al 38%).

Come accenavamo, il legislatore comunitario ha emanato una direttiva, recepita dalla Regione Siciliana attraverso la Legge Regionale n. 9 del 2010 che, tra le altre cose, pone l’obbligo di raggiungere il 65% di differenziata entro il 2015 privilegiando la raccolta integrata attraverso il porta a porta ed abbandonando il fallimentare sistema dei cassonetti su strada.

Sono dunque le indicazioni provenienti dalla legge a rendere obsoleto e fuori norma l’attuale capitolato d’appalto che per tali ragioni deve essere necessariamente riscritto, avvalendosi in particolar modo di una clausola del contratto che consente all’amministrazione di potere risolvere il contratto – addirittura anche in corso di esecuzione del servizio – nell’ipotesi che le condizioni di svolgimento del servizio fossero in contrasto con  norme di legge sopravvenute (che è proprio quello che è avvenuto)!

Alla luce di queste considerazioni, CittàInsieme chiede all’Amministrazione comunale di fare un passo indietro e di impedire l’esecuzione di un contratto suscettibile di produrre scenari non molto dissimili da quelli delineatisi ultimamente nelle città di Napoli e Palermo.


Con la celebrazione dell'Ottava, la Santa Messa alle ore 19,00 e a seguire l'uscita del busto reliquario a piazza duomo, si sono chiusi sabato scorso i festeggiamenti in onore di Sant'Agata.
Si fanno, quindi, i bilanci, grazie ai dati forniti dalla Protezione Civile che riguardano i giorni di massima affluenza nelle strade cittadine interessate dalla festa, dal 3 al 6 febbraio giornate dedicati alla Patrona, in cui centinaia di migliaia di devoti, ma anche turisti italiani e stranieri affollano il percorso del fercolo.
L'operazione Sant'Agata Sicura ha visto impegnati nei giorni della festa ben 1198 volontari suddivisi in squadre logistiche, sanitarie e radioamatori. Sono stati impiegati 111 mezzi: 73 ambulanze di cui 8 con medico a bordo, 21 fuoristrada per il trasporto dei volontari e di attrezzature. 7 Camper che sono serviti da punti di riferimento per i volontari e 2 posti medici avanzati, dove sono stati effettuati 256 interventi di primo soccorso.
Nei giorni 3, 4, 5 e 6 Febbraio in totale sono stati ospedalizzati nei nosocomi cittadini Garibaldi, Vittorio Emanuele e Cannizzaro 33 pazienti.
Tutti i volontari sono stati coordinati 24 ore su 24 da una sala operativa composta da funzionari della Questura, del 118, dei Vigili Urbani in stretto contatto con i dirigenti dell'Autoparco Comunale,Manutenzioni, Ecologia, Economato e Servizio Veterinario dell'ASP.
Soddisfazione e apprezzamento sono stati espressi dal sindaco Raffaele Stancanelli, “Anche quest'anno – ha detto il primo cittadino – la collaudata macchina della Protezione Civile ha funzionato alla perfezione, garantendo ai cittadini e alle centinaia di migliaia di visitatori che hanno assistito alla festa, assistenza e sicurezza nei giorni più critici delle celebrazioni in onore di Sant'Agata.
Ringrazio di cuore – continua Stancanelli - tutti coloro che si sono impegnati in un lavoro continuo ed estenuante affinché la festa si svolgesse in tutta sicurezza. Voglio ricordare le forze dell'ordine, i Vigili urbani i volontari della Protezione Civile e in particolar modo il presidente dei festeggiamenti agatini e cerimoniere onorario del Comune di Catania, commendatore Luigi Maina per il suo instancabile e prezioso lavoro di preparazione della festa”.

Foto Castiglione - Campanella

Il presidente della Provincia di Catania, Giuseppe Castiglione, ha incontrato questa mattina al Centro Direzionale Nuovaluce, il nuovo presidente del Tribunale Amministrativo Regionale, sezione di Catania, Biagio Campanella. «Un incontro cordiale – ha dichiarato Castiglione – nel corso del quale ho potuto formulare al neo presidente i miei migliori auguri di buon lavoro, e confermare e rinnovare gli indispensabili rapporti di collaborazione tra le due Istituzioni».

IMG_7526

Raccogliere dieci milioni di firme in tutta Italia per chiedere al presidente del Consiglio Berlusconi di dimettersi immediatamente. Un obiettivo ambizioso, che anche il Partito Democratico di Catania vuole contribuire a realizzare. E’ partita questa mattina, sabato 12 febbraio, la mobilitazione a livello provinciale per la raccolta delle firme contro il Governo nazionale. Oggi in piazza Stesicoro, una delle piazze in cui si potrà firmare ogni giorno fino alla fine di febbraio, il segretario provinciale del PD etneo Luca Spataro, il segretario cittadino Saro Condorelli, il deputato nazionale Giuseppe Berretta, la parlamentare regionale Concetta Raia hanno incontrato centinaia di catanesi per lanciare la mobilitazione, rispondendo alle loro domande e invitandoli a firmare. “Tre anni di questo Governo ci hanno consegnato un’Italia più povera, senza prospettiva per tutti, soprattutto per le giovani generazioni – ha esordito Berretta – Berlusconi è un ostacolo alla ripartenza del nostro Paese, alla crescita e allo sviluppo del Mezzogiorno. Un’alternativa è possibile ma si può realizzare solo partendo da un percorso che porti a nuove elezioni, con l’unione di tutte quelle forze politiche che vogliono governare a partire dal rispetto della Costituzione”. “Con questa iniziativa chiederemo ai cittadini di manifestare apertamente il proprio dissenso – ha proseguito Spataro – Il nostro obiettivo non è rappresentato solo dalle dimissioni di Berlusconi, pretendiamo un cambiamento, pretendiamo un presidente del Consiglio che non pensi solo ai propri interessi personali”. Per questo la raccolta firme assume un valore importante “e se a livello nazionale l’obiettivo è raggiungere quota 10 milioni di sottoscrizioni, a Catania e nella provincia siamo convinti di poter raccogliere migliaia di firme, anche a giudicare dal grande interesse suscitato nelle prime ore di mobilitazione qui in piazza Stesicoro” ha aggiunto Concetta Raia. Per Saro Condorelli “Berlusconi non solo è incapace di risolvere i problemi degli italiani, ma non risponde ad un’esigenza di moralità pubblica dettata dall’articolo 54 della nostra Costituzione, secondo cui chi esercita funzioni pubbliche deve farlo con disciplina e onore”. Alla manifestazione di piazza Stesicoro, stamane, hanno partecipato anche il segretario provinciale della Cgil Angelo Villari, esponenti dell’esecutivo provinciale e dell’esecutivo cittadino del PD catanese, moltissimi giovani e donne del partito. A raggiungerli, in mattinata, anche il deputato nazionale Giovanni Burtone e il senatore Enzo Bianco. La campagna di raccolta delle firme proseguirà tutti i giorni fino a fine mese, con manifestazioni di piazza concentrate nei fine settimana. A Catania le firme verranno raccolte in piazza Stesicoro, via Etnea (di fronte Villa Bellini), piazza Borgo, piazza Verga e nella sede del PD a Librino (viale Castagnola 12). In provincia sono allestiti banchetti nelle piazze di tutti i comuni del Catanese. Nei fine settimana, si susseguiranno varie iniziative con l’apertura di tutte le sedi provinciali del partito e gazebo nelle principali piazze. Domenica prossima, tra le altre, si terranno manifestazioni pubbliche a Trecastagni, Acicastello e Acireale.

DSC_9172

Catania corre per Catania: per il terzo anno consecutivo si rinnova l’appuntamento con Corri Catania, la corsa-camminata di solidarietà aperta a tutti in programma il prossimo 27 marzo.

L’evento è stato presentato oggi in Piazza Università, che quest’anno sarà il “quartiere generale” e punto di partenza e arrivo dell’edizione 2011.

Saranno ancora lo sport e la solidarietà gli ingredienti dell’evento, organizzato dall’Asd Ragazzini Generali e dal Comitato Organizzatore “Corri Catania”, presieduti da Carmelo Prestipino, che quest’anno sosterrà il Progetto “Ambulanza Corri Catania”, per l’acquisto di un mezzo che sarà donato alla Croce Rossa Italiana – Comitato Provinciale Catania.

Stamattina è stato dato il via ufficiale alla manifestazione ed è scattato il conto alla rovescia in vista della tre giorni che dal 25 al 27 marzo animerà il centro storico etneo per l’evento diventato, ormai, patrimonio di tutta Catania e provincia.

“Anche quest’anno la primavera di Catania inizierà con la Corri Catania – ha subito sottolineato il sen. Raffaele Stancanelli, Sindaco di Catania - ormai un appuntamento da non perdere per la città e per i catanesi. L’ augurio è che si possa superare quota 15.000 partecipanti, tutti insieme uniti per un unico grande scopo: la solidarietà. La città attraverso il risveglio della primavera può lanciare un messaggio importante a tutti coloro che la osservano dall’esterno”.

Al fianco dell’evento anche la Provincia Regionale di Catania, con il presidente on. Giuseppe Castiglione, rappresentato oggi dal Capo di Gabinetto, dott. Giuseppe Gennarino: “La Provincia sostiene Corri Catania, un evento straordinario per partecipazione e obiettivi. Il mio grazie agli organizzatori e l’augurio di un nuovo consolidato successo”.

Presente in Piazza Università anche il dott. Domenico Pinzello, Questore di Catania, che ha portato il suo saluto agli organizzatori.

Per il Comune, oltre al Sindaco, c’erano anche Ottavio Vaccaro, Assessore comunale allo Sport; Sebastiano Arcidiacono, Assessore comunale alle Manutenzioni e la dott.ssa Silvana Contino dell’Assessorato comunale alla Pubblica Istruzione.

“Il 27 Marzo sarà certamente una giornata di festa all’insegna dell’impegno sociale – ha detto l’Assessore Vaccaro - e sono certo che lo spirito solidale dei cittadini catanesi spingerà tutti a partecipare in massa alla Corri Catania”.

“Dopo aver dato il suo contributo di assistenza nelle passate edizioni – ha dichiarato il Commissario Straordinario della Croce Rossa provinciale, dott. Giovanni Camarda - quest’anno ringrazio gli organizzatori per la scelta del Progetto Ambulanza e mi rivolgo alla cittadinanza perché risponda in massa a questo momento di solidarietà e di coinvolgimento sociale”.

Anche quest’anno saranno in tanti ad affiancare gli organizzatori nelle tappe di avvicinamento alla Corri Catania e oggi erano presenti, per confermare il loro sostegno all’evento, i rappresentanti degli enti, delle associazioni e di tutte le realtà che patrocinano o collaborano attivamente all’evento: l’Ufficio Scolastico Provinciale rappresentato da Sergio Regalbuto, coordinatore Ufficio Educazione Fisica; la Consulta Provinciale Studentesca presente con Giuseppe Gibilisco; il X Reparto Mobile della Polizia di Stato con il Vice Questore Aggiunto Marco Mezzofiore e il Medico Principale, Domenico Firringa; Santo Orofino della Base di Maristaeli; il Panathlon Catania con il presidente Eugenio Guglielmino; il Cus Catania con il prof. Ignazio Russo e le Polisportive Giovanili Salesiane e il Gruppo Sportivo Fiamme Gialle.

Alla presentazione sono intervenuti anche il dott. Lorenzo Pavone e la dott.ssa Sara Garozzo della Pediatria del Policlinico di Catania e il prof. Francesco  De Luca e Anna Cavallotto del progetto “Ti regalo una storia” destinatari delle donazioni delle prime due edizioni di Corri Catania.

Ospiti anche Sebastiano Manzoni, presidente di “SiciliaScherma” e Sergio Parisi, presidente della Federazione Italiana Nuoto Sicilia e alcuni dei numerosi testimonial sportivi, che parteciperanno alla promozione dell’evento e alle attività collaterali organizzate su tutto il territorio del capoluogo etneo e della sua provincia: l’Amatori Catania di rugby, in testa il capitano Max Vinti; Salvo Campanella, olimpionico di lotta e in forza al Corpo Forestale Regione Siciliana; Gianni Meci, campione di lotta e il Cus Catania di arrampicata sportiva.

Emozionato ha concluso la presentazione Carmelo Prestipino, presidente del Comitato Organizzatore Corri Catania: “Per tutti l’appuntamento in Piazza Università venerdì 25 marzo per l’inaugurazione del Corri Catania Village che rimarrà allestito fino a domenica 27 marzo, il giorno della Corri Catania 2011”.

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI