Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 12 Dicembre 2019

E' stato inaugurato sabato pomeriggio il completamento della via Duca di Camastra (dotato di idonea illuminazione), che rientra fra gli interventi di competenza del Comune di Caltagirone nella zona Boschigliolo – San Giovanni Bosco, realizzati  con 1.207.044 euro - che superano però i 2,5 milioni di euro con gli oneri necessari per le procedure d'espropriazione - nell'ambito del contratto di quartiere. Esso, finanziato dal ministero delle Infrastrutture con sette milioni di euro, è finalizzato alla riqualificazione edilizia, urbanistica e ambientale, all’incremento delle infrastrutture e dei servizi di prossimità, all’integrazione sociale, al recupero degli edifici danneggiati e alla creazione di opportunità di lavoro.

Dopo la benedizione del parroco, Salvatore De Pasquale, sono intervenuti, sottolineando l'utilità dell'opera e le ricadute positive per l'intera zona, il sindaco Francesco Pignataro, l'assessore comunale ai Lavori pubblici Mario Polizzi, il presidente del Consiglio comunale Fortunato Parisi e il consigliere provinciale Sergio Gruttadauria.

Anche le altre opere, dall'area verde al campo di calcio a cinque in erba sintetica nella via Pitré, alla piazza attrezzata fra le vie Pitrè e De Roberto, sino al collegamento pedonale fra la scuola materna Boschigliolo e il quartiere, sono prossime alla conclusione.

Ad esse si aggiungono quelle dell’Istituto autonomo case popolari (Iacp) di Catania, che si sta occupando della manutenzione straordinaria e del recupero di 219 alloggi popolari.

Soddisfazione è stata espressa anche dai residenti presenti alla cerimonia.

In seguito al recente stanziamento di 210 mila euro della Giunta Papale per  il restyling del teatro comunale “Nino Martoglio” di Belpasso, negli scorsi giorni, s’è riunita anche la Commissione Cultura e Teatro per fare quadro sull’argomento.

Alla riunione, fortemente voluta dai consiglieri Giuseppe Vasta (Udc) e Gaetano Sava (Pd), hanno partecipato anche l’arch. Caruso, la dott.ssa Borzì e la dott.ssa Petralia.

Per  il consigliere Vasta si raggiunge così un primo e importante obiettivo: “Dopo 18 mesi la Commissione ha deliberato per  l’utilizzo in pieno e per  la ristrutturazione del Martoglio, ormai troppo degradato. E’ stato un lavoro lungo di valutazione delle carenze e, dopo un nostro precedente contributo di 120 mila euro con l’aggiunta di un congruo stanziamento quest’anno del sindaco,  al termine della stagione in cartellone si potrà dare avvio ai lavori per la sistemazione di tetto, poltrone e arredi interni (bagni e camerini) che rappresentano un po’ il  fiore all’occhiello iniziale per chi viene da fuori”.

“Ricopro il mio ruolo- ha detto il consigliere Sava- al servizio della collettività e la ristrutturazione del teatro comunale è la rappresentazione autentica di come quello che viene speso dai cittadini con il pagamento delle tasse ha anche ricadute,  seppur in altre forme, per loro stessi. Con il mio impegno in Commissione ho mirato, inoltre, a valutare le responsabilità emergenti per la salvaguardia della sicurezza a breve e lungo termine”.

Partirà proprio dal Comune di San Gregorio di Catania il progetto “Centri di raccolta in rete” che riguarda l’Isola Ecologica presente in Via Bellini. Gli utenti riceveranno entro qualche giorno una lettera con il tesserino – badge e con una password che permetterà loro di registrarsi al sito www.simetoambiente.it nella sezione isole ecologiche. Attraverso un sistema elettronico sarà quindi possibile sapere l’esatta quantità di materiale differenziato conferito nell’Isola Ecologia che permetterà poi di avere un notevole sgravio nella bolletta TIA.

A spiegare dettagliatamente ai Comuni interessati il progetto è il direttore tecnico della Simeto Ambiente, Carmelo Caruso.

“Il progetto consiste nel consentire all’utente che conferisce materiale differenziato presso i centri di raccolta che vi sono nell’ATO CT3 di vedere la propria situazione attraverso il collegamento in rete. In particolare oltre a sapere la quantità di materiale conferito, l’utente conosce quanto sgravio verrà eseguito in bolletta, sapendo che lo stesso viene eseguito a 97,00 €/tonn oltre IVA al 10%. Per far ciò stiamo attrezzando tutti i centri di raccolta di un portatile, dove vi sono inseriti tutti gli utenti della Simeto Ambiente. A tutti i cittadini verranno inviati i badge direttamente a casa con lettera a firma congiunta Simeto – Comune, in maniera tale che quando un utente conferisce il materiale porta il badge e viene riconosciuto con un codice a barre. La quantità di materiale conferito viene inviato alla piattaforma di rete e rimane per qualunque tipo di interrogazione sia della Simeto Ambiente che dell’utente stesso che ha conferito il materiale”.

 

Sull’iniziativa esprime molta soddisfazione il Sindaco di San Gregorio Remo Palermo.

“Questo progetto è un ulteriore passo in avanti per ottimizzare l’efficienza della nostra isola ecologica che rappresenta un fiore all’occhiello dell’ hinterland  – ha dichiarato l’Avvocato Palermo – come certificato dall’Anci, e dai già oltre 886 residenti che posseggono il tesserino magnetico, conferendo quotidianamente in questo centro. La cultura della raccolta differenziata sta sempre più coinvolgendo la cittadinanza e ringrazio i due operatori  per la dedizione giornalmente profusa e  la Simeto Ambiente per questa ulteriore iniziativa. Con tale progetto sono certo che aumenterà in maniera significativa la già soddisfacente percentuale di raccolta”.

E' iniziata alle ore 9:00 di domenica mattina la mobilitazione di Scelta Giovane, il  movimento politico che fa riferimento a Daniele Capuana, contro  lo stato di degrado della villa comunale e la riduzione dei dossi che arrecano non pochi pericoli ai cittadini gravinesi che il più delle volte sono  causa di incidenti mortali per chi viaggia soprattutto su due ruote.

234 sono le firme raccolte che saranno consegnate al Comune di Gravina con richiesta di intervento immediato. A coordinare l’evento , i dirigenti provinciali del collegio Clemente Baeli e Salvo Galvagno,Massimo Parisi coordinatore comunale , Raffaella Accardo, Presidente comunale, Nello Di Gregorio, Vice Presidente e Ferdinando Fiocco, presidente del movimento giovanile a Gravina di Catania.

“Il nostro obiettivo -sottolinea Clemente Baeli – è la riqualificazione delle opere più importanti nella città di Gravina e la salvaguardia di tutti gli automobilisti e motociclisti, oltre ovviamente gli stessi pedoni”.

“Un grandissimo risultato – ha dichiarato Massimo Parisi - che sottolinea l'attenzione che hanno i gravinesi per la loro città. Entro Marzo daremo vita ad un forum tra la cittadinanza gravinese e l'amministrazione comunale che si confronteranno sulle reali condizioni di Gravina, sulle problematiche che i gravinesi incontrano quotidianamente e sulle iniziative che il Sindaco e la Giunta vogliono adottare per migliorare la vita del paese”.

dinosauri - stancanelli 1

Meglio di un film in 3D, meglio di una gita allo zoo e del più bel libro di illustrazioni. “Vivere i dinosauri” è una realtà che supera ogni immaginazione. Sguardi rapiti e orecchie ben attente a seguire il racconto “preistorico”: impossibile non restare affascinati dai dinosauri animati e a grandezza naturale “ospiti” delle “Porte di Catania”. Impossibile soprattutto per gli oltre 2500 bambini delle scuole che fino a stamattina hanno affollato la “galleria – museo”: come nel caso della scuola elementare “Cirino La Rosa” di San Giorgio, che ha ammirato la mostra didattico-scientifica insieme a un visitatore d’eccezione, il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli – accompagnato da Carlo Ignazio Fantola, amministratore delegato di Icom - che ha sottolineato l’unicità dell’iniziativa: «Eventi come questi, se da un lato ricoprono un evidente valore per l’incremento culturale e turistico della città, dall’altro hanno il merito di istruire in modo innovativo i più giovani, senza trascurare la spettacolarità e il divertimento per i più grandi».

 

Per tutto il mese di febbraio sarà possibile ammirare la Mostra “Vivi i dinosauri” (tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00): uno spettacolo unico che, in pochissimo tempo, ha attirato l’attenzione e affascinato oltre 250mila visitatori, un’esposizione ricca e interessante che punta a cambiare radicalmente la percezione del pubblico nei confronti di queste stupefacenti creature preistoriche, dando modo a tutti di poter osservare da vicino i “giganti” del passato. Merito delle “magie” della Special Effects Creatures Studios, specialista in creazioni ed effetti speciali per il cinema, che ha saputo combinare la didattica con una precisa informazione scientifica (esponendo una serie di lastre con reperti fossili), garantendo al contempo la spettacolarità con gli impressionanti modelli di dinosauri animati e a grandezza naturale. «E’ una mostra che propone una nuova visione dinamica - spiega Gennaro Simeone, direttore di “Porte di Catania” - non solo dei dinosauri ma anche degli studi che ruotano attorno a loro. Grazie alla tecnologia e alla cura nei minimi particolari, l’esposizione offre un  quadro d'insieme davvero realistico e completo sugli animali preistorici: come erano fatti, come si comportavano, come si muovevano e dove vivevano».

«Ogni dinosauro – aggiungono Gaetano e Francesco Paolocci, responsabile tecnico e direttore artistico Special Effects Creatures Studios – è stato ricostruito rispettando le indicazioni dei paleontologi, con un occhio attento alla spettacolarità e alla veridicità degli elementi. Ad esempio lo sguardo del feroce predatore T-Rex segue lo spettatore da qualsiasi parte lo si ammiri: mentre lo si osserva, lui ti scruta in modo terribile».

 dinosauri -bambini

Continua dunque il viaggio nel tempo: impossibile resistere al richiamo del feroce Tyrannosaurus Rex (8 metri di lunghezza x 4,5 metri di altezza) realizzato in un’isola preistorica in cui sembra rivivere il passato; dello Stegosaurus (7,50 m di lunghezza x 3,50 di altezza m); del Triceratops (alto 3,5 metri e lungo 8); del famosissimo iguana apparso nel film “A spasso nel tempo” con Boldi e De Sica, e del dolcissimo Camarasaurus, ai più noto come il dinosauro del film “Alla ricerca della Valle Incantata” (7 m di lunghezza x 3 m di altezza). A coronare la mostra piccoli dinosauri appena nati e terribili velociraptor in volo, riproduzioni in lastre fossili di scheletri di dinosauri, la ricostruzione di un’intera famiglia di ominidi preistorici del Paleolitico con prole. Tutto a dimensione naturale e reale più che mai.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI