Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 19 Gennaio 2019

Open Day al Nautico

Gen 16, 2019 Hits:269 Crotone

Sanremo: i premi di Miche…

Gen 14, 2019 Hits:843 Crotone

La Beethoven tra Santa Se…

Gen 08, 2019 Hits:1074 Crotone

La befana fa visita al Re…

Gen 08, 2019 Hits:1061 Crotone

Una originale lettura di …

Gen 07, 2019 Hits:1079 Crotone

Maria Taglioni dance proj…

Gen 04, 2019 Hits:1355 Crotone

Rotary club Crotone e coo…

Dic 21, 2018 Hits:1480 Crotone

"Acqua" flagello meteorologico che a Catania smuove la terra e sveglia il Vulcano; "acqua" che dà vita, alimenta la conoscenza e diventa protagonista del racconto dell’Italia buona, impegnata nella valorizzazione e restituzione alla fruizione pubblica dei beni paesaggistici, storici e naturali che ci appartengono, in occasione delle “Giornate Fai d’autunno”. La pioggia non ha scoraggiato i catanesi che, numerosi, si sono riuniti in questo grigio fine settimana di ottobre per arrivare puntuali all'appuntamento con la bellezza e la cultura del Fondo Ambiente Italiano, accolti dagli instancabili e sempre sorridenti volontari della delegazione etnea e del suo Gruppo Giovani, guidati rispettivamente da Antonella Mandalà e Marilisa Spironello.

Nella Catania nascosta, tra acqua e terra, natura e cultura, sono stati tanti i tesori svelati grazie all’iniziativa Fai. Il ficus magnoloides di Villa San Saverio, sede della Scuola Superiore di Catania, esemplare entrato a far parte degli alberi monumentali della Regione Siciliana; l’esposizione di oggetti di design ispirati agli arredi dei palazzi Liberty della città e ai valori della sostenibilità ambientale, realizzati in cartone alveolare con stampa 3D dagli studenti del Liceo Artistico Emilio Greco, vincitori del Premio Unesco 2018 “Futuro Presente”; le vetrate istoriate di Villa Zingali Tetto, gioiello dell’art dèco ed emblema del lusso anni ’30, che vanta tra le altre meraviglie uno dei primi ascensori elettrici del tempo.

Catania è pietra viva nel racconto della città attraverso i reperti minerari, fra marmi pregiati, zolfo, pietre e gemme ancora oggi di uso comune, come l’ambra del Simeto e il diaspro, rarità racchiuse nel Museo delle Scienze della Terra di Palazzo Marescotti che hanno richiamato in questi giorni nuove e vecchie generazioni di appassionati e curiosi. Il Museo è un gioiello esso stesso, visitabile su prenotazione anche dopo le Giornate Fai: qui si trova la prima carta geologica dell’Etna, su cui ancora oggi studiano e si formano generazioni di geologi esperti e tecnici, a Catania e in tutt’Italia. Ed è proprio attraverso i beni storici e culturali che arrivano fino ad oggi le testimonianze della città nei secoli: nei progetti architettonici di Francesco Fichera e nelle incisioni di Giovan Battista Piranesi esposti al Museo della Rappresentazione del Dipartimento universitario di Ingegneria Civile e Architettura (Dicar); nei volumi del patrimonio librario delle Biblioteche Riunite "Civica e Ursino Recupero" e nella biblioteca-museo di Mario Rapisardi dove riecheggia l’amor di patria del Vate etneo. Anche le Terme cittadine - aperte grazie alla disponibilità del Polo regionale museale - nonostante le difficoltà dettate dal tempo, sono state gettonatissime da turisti e catanesi.

L’iniziativa del Fondo ambiente italiano fa bene a Catania e all’Italia intera; perché riscoprire la bellezza che ci circonda, visitare luoghi sconosciuti, guardare con occhi nuovi ciò che ogni giorno nella routine diamo per scontato, incontrare chi ama e cura silenziosamente il patrimonio d'arte e natura del nostro Paese per consegnarlo alle future generazioni, è il senso profondo di coesione, appartenenza e comunità che oggi, tra crolli e frontiere che s’alzano, sembrano quasi perduti.

Si è svolta sabato 13 ottobre, nell’ufficio del sindaco Gino Ioppolo, la cerimonia di consegna di un mezzobusto in terracotta di Luigi Sturzo, opera del compianto Francesco Alberghina, donato al Comune di Caltagirone dal figlio dell’artista, Fausto, tributarista palermitano già docente universitario. 

“Papà, nativo di Caltagirone, era profondamente legato alla sua città d’origine – ha spiegato il prof. Fausto Alberghina – e la donazione di quest’opera, peraltro realizzata con un materiale tipico della città della ceramica, è un omaggio sia alla memoria di mio padre, sia a Caltagirone”. Il sindaco Ioppolo ha manifestato apprezzamenti per l’opera e per l’atto di generosità della famiglia Alberghina.

Anche quest’anno al ritmo del flik flok della fanfara dei Bersaglieri il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, insieme con tantissimi ospiti ed autorità,  ha tagliato la grande torta al pistacchio realizzata dagli abilissimi pasticceri dell’associazione regionale Conpait e dal pasticcere brontese Roberto Luca. Poi la torta è stata distribuita ai turisti, dopo che il sindaco e l’assessore Giuseppe Di Mulo, che ha organizzato l’evento, hanno consegnato le targhe di ringraziamento agli sponsor ed a tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita della manifestazione.

Fra i premiati anche l’ing. Salvatore Caudullo, capo dell’ufficio tecnico del Comune, ma soprattutto Patrizia Orefice e Nino Minio, ovvero l’anima di un evento che quest’anno ha superato ogni record.

Secondo le prime stime, infatti, rispetto allo scorso anno le presenze sono sicuramente aumentate, con l’intero evento che ha superato i 150 mila visitatori.

Negli stand, poi, è stato venduto di tutto. A ruba gelati, croccantini, crepes e torroncini al pistacchio, oltre a pacchi si pasta, vasetti di crema e pesto all’Oro verde.    

Ed alla cerimonia finale il sindaco ha avuto l’onore di ricevere numerosi ospiti. Presenti l’europarlamentare Michela Giuffrida, gli onorevoli Anthony Barbagallo, Alfio Papale e Giuseppe Zitelli, tutti pronti a complimentarsi con l’organizzazione e soprattutto a celebrare l’Oro verde dop, ritenuto a ragione il fiore all’occhiello del paniere dei prodotti tipici siciliani perché realmente riconosciuto come il più buono al mondo. Con loro i sindaci di Maletto, Pippo  De Luca e Troina, Sebastiano Venezia. Presenti anche la Giunta municipale, il presidente del Consiglio comunale, Nino Galati con numerosi consiglieri comunali e le Forze dell’Ordine.

“Ringrazio tutti gli sponsor, – ha affermato l’assessore Giuseppe Di Mulo – le Forze dell’Ordine e tutti coloro che hanno contribuito. Grazie anche alla Ferrovia Circumetnea per l’ottimo servizio di trasporto fornito, all’Anas che ha garantito scorrevolezza alla viabilità ed alla Pro Loco di Bronte per la promozione del turismo nella nostra città. Grazie a dipendenti del Comune, alla Croce Rossa, alla Misericordia ed all’associazione Gaia e grazie  ai cioccolatieri di Perugia e Modica che quest’anno hanno arricchito e caratterizzato il nostro Expo del pistacchio”.

“Ancora una volta l’Expo ed il pistacchio hanno vinto la loro sfida – ha concluso il sindaco Graziano Calanna prima di tagliare per primo la grande torta al pistacchio  - La festa è stata all’altezza della bontà del pistacchio con spettacoli e concerti d’eccezione. Per un sindaco che guarda allo sviluppo economico, turistico e sociale della propria cittadina vedere i turisti contenti di essere venuti è una soddisfazione non indifferente”.

Il cinema di animazione “sperimentale” di Norman McLaren, tre contrabbassi, tre linee melodiche. Tre incontri-scontri - tra jazz, musica colta e animazioni video – nel segno della “Contemporary Music”. L’improvvisazione come denominatore comune di un dialogo che riesce a essere – a “fasi” alterne – sincronizzato e al tempo stesso sfasato. E’ il progetto musicale di “Three Phase Ensemble”, trio composto dai contrabbassisti siciliani Giuseppe Guarrella, Alessantro Nobile e Giovanni Arena, prossimi ospiti – sabato 13 ottobre, Castello Ursino, dalle ore 19 - del secondo appuntamento di Classica & Dintorni, Festival internazionale di musica da camera, jazz e tradizioni, in programma per cinque sabati a Catania fino al 3 novembre.

Per questo concerto a Catania, i Three Phase – impegnati in ambito jazz e contemporaneo con proprie composizioni - proporranno la sonorizzazione live, con musiche originali, di un video di Norman McLaren, regista scozzese (Stirling, 11 aprile 1914 – Montréal, 27 gennaio 1987) del quale verrà proposto uno degli ultimi film di animazione. McLaren è stato un pioniere della tecnica di animazione senza macchina da presa: innovativo e sperimentale, disegnava direttamente sulla pellicola, fotogramma per fotogramma, utilizzando qualunque supporto come penne, inchiostro, pastelli, ritagli di carta, fogli mobili e altri strumenti.

Lo spettacolo sarà preceduto dall’incontro con gli artisti condotto dal prof. Giuseppe Montemagno: un breve focus sul programma per conoscere più da vicino la genesi del processo creativo, gli stimoli interdisciplinari e la ricerca del linguaggio di chi fa musica contemporanea. Appuntamento alle 19, al Castello Ursino, per l’incontro con gli artisti (ingresso libero), a seguire alle 19.30 il concerto (il biglietto, 5 euro, che potrà essere prenotato online.

I concerti di Classica & Dintorni 2018 (che vede la collaborazione, in forma di stage, degli alunni del Liceo Musicale “Turrisi Colonna” per le attività di Alternanza Scuola Lavoro) proseguono con il quartetto Eukelos Ensemble (Heloise Geoghegan, Francesco Toro, Elena Sciamarelli e Ketty Teriaca) con musiche di Rachmaninov, Massenet, Weber, Shostakovich, Mahler e Par (20 ottobre, dibattito “Fraternità post-romantiche”); musica contemporanea con Carmine Ioanna Quartet (Carmine Ioanna, Alex Gorbi, Daniele Castellano e Francesco Savoretti) e un ensemble di basso, chitarra, percussioni e fisarmonica (27 ottobre, dibattito “Il sogno di una cosa”); si chiude il 3 novembre con il Quartetto Viotti (Luca Ranieri, M.Cecilia Berioli, Francesco Parrino e Stefano Parrino) e musiche di Paisiello, Mozart, Mercadante e Viotti. Il dibattito sarà dedicato alle “Sonate a quattro”.

 

L’Ekipe Orizzonte chiude la prima fase di Coppa Italia di pallanuoto femminile battendo Torre del Grifo con un secco 0-21 e chiude in testa il Girone B, che si è svolto ad Anzio (Roma).

Le catanesi si qualificano quindi alla Final Six in programma dal 4 al 6 gennaio da prime in classifica, grazie ai quattro successi conquistati in altrettante partite giocate.

Le rossazzurre hanno archiviato la sfida di oggi pomeriggio già nel primo tempo, vinto 0-8. Netto anche il divario delle altre tre frazioni di gioco (0-3, 0-5, 0-5), che hanno permesso di arrotondare il punteggio finale.

Valeria Palmieri e Sabrina Van der Sloot sono state le top scorer del match con quattro gol a testa, mentre Claudia Marletta ha segnato tre volte. Due reti anche per Capitan Arianna GaribottiRoberta Bianconi e Marta Giuffrida. Una ciascuno per Carolina IoannouRosaria AielloIlse Koolhaas e Roberta Santapaola.

A tirare le somme al termine della prima fase ci ha pensato il coach dell’Ekipe Orizzonte“Il nostro bilancio è sicuramente positivo – ha detto Martina Miceli –, così come lo è il modo in cui abbiamo ottenuto la qualificazione. Nella partita contro la Sis Roma non abbiamo giocato benissimo, ma sapevamo a cosa saremmo andate incontro. Stiamo provando a giocare in modo più aggressivo e un po’ più a pressing, ma il percorso è ancora lungo perchè non è nelle nostre corde giocare in questo modo, però siamo sulla buona strada. Sono davvero soddisfatta anche delle nuove giocatrici inserite in rosa, che hanno fatto molto bene. Ilse Koolhaas in difesa è davvero eccellente, deve migliorare un po’ in attacco. Giulia Gorlero è di un’altra categoria e, anche se per lei non c’è stato bisogno di fare grandi cose, il solo fatto di averla lì in porta rappresenta per noi un valore aggiunto. Sembra di essere tornati ai tempi di Cristiana Conti. Mi piace e mi diverte avere una rosa così e secondo me questo vale per tutta la squadra. Questa è la cosa più importante”.

IL TABELLINO DEL MATCH:

Torre del Grifo Village-Ekipe Orizzonte 0-21

 

Torre del Grifo Village: Maimone, Esposito, Bucisca, Buccheri, Vitaliti, Baranovicova, Battaglia, De Mari, Marletta, Longo, Halocka, Mirabella. All. Malato

 

Ekipe Orizzonte: Gorlero, Ioannou 1, Garibotti 2, Bianconi 2, Aiello 1, Giuffrida 2, Palmieri 4, Marletta 3, Van Der Sloot 4, Koolhaas 1, Riccioli, Santapaola 1, Schillaci. All. Miceli

 

Arbitri: Alfi e Barletta

Note: parziali 0-8, 0-3, 0-5, 0-5. Superiorità numeriche: Torre del Grifo 0/2, Catania 2/2.

 

I RISULTATI DEL GIRONE B

1^ giornata – venerdi 5 ottobre

20.00 Torre del Grifo Village-SIS Roma 2-17

21.00 RN Florentia-F&D H2O 7-5

2^ e 3^ giornata – sabato 6 ottobre

12.30 SIS Roma-RN Florentia 8-1

13.30 F&D H2O-Ekipe Orizzonte 2-21

18.30 Ekipe Orizzonte-RN Florentia 11-3

19.30 Torre del Grifo Village-F&D H2O 5-7

4^ e 5^ giornata – domenica 7 ottobre

09.00 Ekipe Orizzonte-SIS Roma 7-5

10.00 RN Florentia-Torre del Grifo Village 6-4

15.30 Torre del Grifo Village-Ekipe Orizzonte 0-21

16.30 SIS Roma-F&D H2O 16-9

 

Classifica Girone BEkipe Orizzonte 12, SIS Roma 9, RN Florentia 6, F&D H2O 3, Torre del Grifo 0

Plebiscito Padova, Rapallo  Pallanuoto e Kally Milano sono le tre qualificate del Girone A.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI