Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 19 Luglio 2019

Si terrà domenica 6 febbraio (due turni: alle 17,30 e alle 18,45; ingresso 4 euro), nell'auditorium del plesso scolastico di via Fisicara, il quarto degli spettacoli della seconda edizione della rassegna di teatro per l'infanzia “Famiglie a teatro”, organizzata dall'associazione culturale Nave Argo con il sostegno del Comune di Caltagirone e della Regione siciliana.  Si tratta di “Cappuccetto... Verde”,  a cura della stessa “Nave Argo”, con Tiziana Vaccaro e Alfio Zappalà, testo e regia di Antonella Caldarella.

“E vissero tutti felici e contenti”. Quante volte abbiamo sentito questa frase alla fine delle nostre fiabe preferite, e quante volte ci siamo chiesti quali altre avventure il futuro avesse riservato ai nostri eroi dopo la fatidica frase! Per Cappuccetto, questa volta, i pericoli non vengono più dalla foresta ma dal di fuori: dalle trame  di Mr. Wolf, uomo d’affari senza scrupoli che vuole a tutti costi radere il bosco al suolo per costruire al suo posto un centro commerciale.

“Multiculturalismo e immigrazione”. Questo il titolo del secondo convegno che si è svolto presso l’Auditorium comunale di Mascalucia. Secondo appuntamento con la carovana della legalità denominata “Focus giovani, tra sistema educativo e mondo del lavoro”, organizzata dal giornalista e docente di corsi di formazione Biagio Scaletta in collaborazione con il liceo classico e scientifico “Concetto Marchesi”, ha affrontato le problematiche delicate ed attuali dell’immigrazione, e del multiculturalismo. Presenti alla conferenza, oltre al giornalista-moderatore Biagio Scaletta, il dirigente Scolastico del “Marchesi” di Mascalucia, Prof. Maria Luisa Indelicato, la responsabile del centro Astalli di Catania, Elvira Iovino, che ha accompagnato un rifugiato che ha descritto la sua “tormentata odissea da una nazione all’altra in cerca di un rifugio sereno”, lo scrittore e poeta Pasquale Musarra autore della raccolta di poesie “Le curve della penna” il cineasta catanese Fino La Leggia che ha proiettato il corto “Terra mia terra di tutti”. L’attore Pasquale Platania, che ha letto alcune poesie e alcuni passaggi di libri vari. I relatori si sono confrontati con gli studenti del liceo mascaluciese e con i presenti della società civile, non solo per dialogare, ma anche per cercare insieme le migliori condizioni per favorire un sano e adeguato processo di integrazione sociale di quanti si spostano da uno stato europeo ad uno arabo e/o africano o asiatico e viceversa. Molti i problemi dibattuti nel corso del convegno, con tante domande rivolte ai relatori dai ragazzi della scuola Marchesi. I lavori sono stati introdotti da Biagio Scaletta, che ha ricordato quando i siciliani analfabeti, per il bisogno e la fame tra la fine dell’800 e l’inizio del 900 partivano con le loro valige di cartone legate con lo spago per cercare fortuna in America. Il cineasta La Leggia, ha proiettato il corto “Terra mia terra di tutti”, sui tanti sbarchi di clandestini  che avvengono a Lampedusa,tra la vita, la morte, l’espulsione, ma anche dei tanti rimpatri. Nel corto imputati i tanti capi di governo di provenienza degli extracomunitari, quasi tutti in regime totalitario o dittatoriale. Il poeta Musarra, anche psicologo, “la cultura è il reciproco rispetto interpretando attivamente le tradizioni dei popoli rinnovandole per poter gestire i cambiamenti che le relazioni con gli altri inevitabilmente comportano. Ogni cultura è “multiculturale” perche in essa sono riscontrabili sedimenti provenienti da luoghi e da popoli diversi. Diversi gruppi linguistici, culturali, religiosi che devono vivere nel medesimo spazio territoriale”. Concludendo Musarra fa presente che in Italia ad oggi ci sono stati 250 mila matrimoni misti. La preside Indelicato, ha fatto presente che la sua scuola è aperta ad uomini di ogni razza e religione, studenti compresi, semmai  sono i genitori che devono essere educati. Ancora la preside dice “gli emigrati portano benessere, nei luoghi dove dimorano e lavorano, ma anche civiltà con la loro cultura usi e costumi”. Elvira Jovino, ha fatto presente le tormentate vicissitudini che deve sostenere un uomo in certa di un rifugio sereno in qualche nazione, per vivere una vita libera e dignitosa di essere umano. Alla fine tanti interventi da parte degli studenti, dove è emerso che la maggior parte di loro non sono razzisti, e che per loro confrontarsi con gli immigrati è una cultura che acquisiscono.

 

Una piacevole e stimolante conversazione sul teatro ma, soprattutto, un’autentica lezione di vita.   Il regista Romano Bernardi, icona del mondo dello spettacolo catanese, ma non solo, regista e autore dal ricco e prestigioso curriculum, ha intrattenuto gli allievi che frequentano i laboratori di avviamento e perfezionamento curati dal “Teatro degli Specchi” in occasione di un incontro voluto dal direttore Aldo Lo Castro e dal condirettore Marco Tringali. Tra ricordi, aneddoti, storie di ieri e di oggi Bernardi ha ripercorso con la memoria la sua carriera, le sue esperienze, le innovazioni apportate tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio del decennio Settanta, basandosi sul background maturato negli ambienti milanesi, in una realtà, quale quella catanese, all’epoca poco “europea” ed ancora legata, dal punto di vista teatrale, solamente alle compagnie locali che proponevano spettacoli in dialetto siciliano. Le giovani leve del teatro hanno seguito con grande attenzione e curiosità i diversi temi proposti dal regista teatrale e televisivo che ha intervallato i racconti di vita con preziose “dritte” legate ai principi su cui si basa ogni buona rappresentazione che si rispetti: continuità dell’azione scenica, importanza di evocare immagini attraverso le parole, movimenti ragionati sul palcoscenico, dizione e adeguata modulazione del tono della voce. Un focus, al quale hanno partecipato attivamente tutti gli allievi, che ha sapientemente mixato gli aspetti teoretici della professione di attore e le sue implicazioni pratiche con l’analisi degli attuali scenari che caratterizzano l’universo teatro a Catania tra retroscena, difficoltà, ostacoli, opportunità e prospettive, confrontando la realtà locale con quanto avviene a livello nazionale ed internazionale.

 

L’Associazione Didattica Culturale Fungaioli Siciliani di Pedara, con sede in via Pizzo Ferro 5 comunica che a seguito di numerose richieste sono state avviate le preiscrizioni ai corsi di formazione per la disciplina della raccolta, commercializzazione e valorizzazione dei funghi epigei spontanei nella Regione Sicilia, che si svolgeranno nei comuni di Paternò e Mascali. I due comuni sono stati selezionati per dare la possibilità a tutti i residenti nella zona Ionico Etnea di frequentare il corso più vicino possibile alla loro residenza. I Corsi verranno attivati al raggiungimento del numero minimo di 40 iscritti per ognuno, per tale motivo le date e la sede  di svolgimento verranno comunicate successivamente. Si ricorda che il corso prevede 5 incontri serali con frequenza obbligatoria per almeno 15 ore. Le preiscrizioni si accettano esclusivamente mediante la piattaforma predisposta. Il  contributo per la frequenza del corso è di 50 euro compreso della quota associativa per l'anno sociale 2011. Il versamento verrà richiesto con un invio email al momento dell'attivazione del corso utilizzando il modulo preposto. I soci usufruiranno dei numerosi sconti e agevolazioni da parte di Aziende convenzionatewww.fungaiolisiciliani.

La Provincia Regionale di Catania dopo tante sollecitazioni, ha accolto favorevolmente le richieste per prendere in affitto un immobile ed allocare in unica sede le tre sezioni del Liceo Concetto Marchesi. Questo in attesa che verrà costruito un nuovo Polivalente. La notizia è stata accolta favorevolmente dagli organi scolastici, il preside Maria Luisa Indelicato, il corpo docente, il personale ata, ma soprattutto dagli studenti. Il sindaco di Mascalucia Salvatore Maugeri  tiene a ringraziare il presidente della Provincia Giuseppe Castiglione per la sensibilità dimostrata al di la del colore politico, accogliendo le istanze della popolazione scolastica di Mascalucia e dell’hinterland”. Il quale presidente, considerate le istanze del comitato studentesco e dei genitori, e le 10mila istanze sottoscritte a favore della costruzione del nuovo plesso scolastico, ha deciso di avallare le procedure volte a sbloccare il progetto, ed in attesa della costruzione del Polivalente, la Provincia prendere in affitto un immobile per accogliere i circa 900 studenti, divisi in 36 aule, con locali per laboratori, uffici, e quant’altro occorrente all’istituto, oggi dislocati in tre precarie sezioni: via dei Villini, via Chillei, il Pime di Massannunziata. La Preside Maria Luisa Indelicato, per il successo ottenuto,oltre al presidente della Provincia  Castiglione, ringrazia: il presidente del consiglio provinciale Giovanni Leonardi , con il consigliere Antonio Musumeci, il sindaco di Mascalucia, Salvatore Maugeri con l’amministrazione ed il consiglio comunale, il corpo decente, gli studenti ed i loro genitori, per aver dato il loro giusto supporto ad un progetto che sembrava un chimera irraggiungibile. Tante erano state le remore da parte della Provincia. Da quella economica, alla non utilizzazione immediata dell’immobile, in quanto il fabbricato ha bisogno di alcuni accorgimenti, compreso quello dl cambio di destinazione d’uso, per essere adattato ad uso scolastico. La preside tiene a precisare “che entro il 1° settembre si  potrà contare su una sede efficiente e a norma». Spetta ora all'amministrazione e al consiglio comunale, all’UTC di Mascalucia espletare tutti gli adempimenti tecnici necessari, compreso cambio di destinazione d’uso. L’immobile dove sarà allocato il Liceo Concetto Marchesi di nuova costruzione, si trova nella parte alta di via Alcide De Gasperi, oltre all’ampio fabbricato dispone di un immenso posteggio, atto ad accogliere un gran numero di veicoli.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI