Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 21 Maggio 2019

Le "Madonne nere…

Mag 21, 2019 Hits:40 Crotone

Il Cardinale Menichelli b…

Mag 14, 2019 Hits:377 Crotone

La Pallamano Crotone chiu…

Mag 14, 2019 Hits:379 Crotone

Cerrelli a Catanzaro con …

Mag 11, 2019 Hits:549 Crotone

I ragazzi della Frassati …

Mag 09, 2019 Hits:529 Crotone

La D'Ettoris Editori al S…

Mag 08, 2019 Hits:591 Crotone

Alla Fondazione D'Ettoris…

Mag 08, 2019 Hits:562 Crotone

Gerardo Sacco realizza cr…

Mag 07, 2019 Hits:553 Crotone

Habita e sposa

Serata di spettacolo quella di ieri in città: da un lato fari accesi sugli spalti dello stadio Massimino, per “Catania-Milan”; dall’altro luci, musica e fashion wedding in passerella, con la gran sfilata del sabato sera che ha visto protagoniste 14 future spose, emozionate come se fosse il giorno del “sì”. L’occasione è stata la finalissima di “Un giorno da modella”, l’esclusivo concorso di Habita e Sposa che, grazie alla sinergia con la rivista “White Magazine”, ha realizzato il sogno di giovani e graziose promesse spose che hanno indossato abiti nuziali da favola degli atelier più “in” della città. Dopo la due-giorni di casting – con oltre 50 aspiranti mannequin - ieri sabato 29 gennaio – un’attenta giuria d’eccezione ha decretato reginetta della serata la ventunenne Chiara Saitta, prossima alle nozze del 18 giugno prossimo. Ai casting si è definita solare, divertente e allegra: per lei in premio il prezioso abito messo in palio da Blanco Atelier.

Simpatia, grazia, portamento e quel pizzico di autoironia che non guasta mai: questi gli ingredienti che hanno condito il galà condotto da Ruggero Sardo, e curato in ogni dettaglio dal fashion producer romano Antonio Falanga, con il look curato da Modhair.

Sono stati giorni intensi, emozionanti e anche un po’ frenetici, ma soprattutto divertenti, come ha commentato in passerella l’editrice di “White Magazine”, nonché ideatrice del concorso Rita Rabassi: «È stato un gioco coinvolgente, le ragazze hanno provato l’emozione di indossare l’abito dei sogni e di sentire tutti gli occhi addosso proprio come accade nel giorno del matrimonio. A Catania troviamo sempre “candidate” raggianti e belle. Ma ciò che conta è che sono tutte vincitrici». Spettatore d’eccezione, accompagnato dalla famiglia, l’ex bomber del Calcio Catania Gionatha Spinesi.

Il Salone dell’arredamento e del matrimonio ha regalato altri momenti di alto spettacolo, come quello offerto dal giovane talento catanese Claudio Di Mari che ha raccontato la Sicilia attraverso il fascino delle sue creazioni, indossate da 10 manichini che ruotavano attorno al sarto “di una volta” con un primo piano su quelle mani custodi di sapienza, artigianalità, tradizione, essenza di un’isola dalle infinite sfaccettature e che infiniti capolavori artistici ha ispirato nei secoli.

A pochi metri di distanza tutti pazzi per il wed casting point allestito all’interno del Salone, il primo in assoluto in Sicilia, che ha dato il via a una serie di selezioni “on tour” in giro per l’Isola. Ad iscriversi sono state oltre 200 coppie di futuri sposi, per partecipare alla prima web fiction dedicata alle nozze.

«Ci piace emozionarci dietro le quinte – hanno commentato entusiasti gli organizzatori Alessandro Lanzafame e Barbara Mirabella – e appurare con soddisfazione che Habita e Sposa è un evento completo e coinvolgente che regala intrattenimento, dispensa consigli e invita al relax, soprattutto nel week end. Domani si concluderà un’edizione che non dimenticheremo, che ci ha impegnato particolarmente e che per questo segna ancora di più un successo. Un successo che dobbiamo anche al lavoro incessante del nostro instancabile staff». La giuria, guidata dal presidente Silvio Ontario, era composta da Salvo Pogliese, Rita Rabassi, Antonio Cristaldi di Modhair, Alessandro Lanzafame, Barbara Mirabella e dagli editori: Salvatore Caracciolo per Tuttosposi, Giuseppe Sambataro per Sposarreda, Filippo Mannino per Le Nozze Magazine, Fabio Giordano responsabile commerciale I Love Sicilia Wedding.

Accanto alla vincitrice, la seconda classificata Maria Rosaria Ali – che ha vinto una settimana presso Ora Hotel a Zanzibar e la terza Marlen Privitera si è aggiudicata la coppia di fedi Polello. I bouquet che hanno accompagnato il defilé sono stati curati da: Pantha Rei e Michelangelo Finocchiaro Flower designer.

 

disauromania

Occhi sgranati e sguardo rivolto in alto. I bambini stentano a crederlo, eppure i dinosauri sono proprio lì a qualche metro da loro. Qualcuno ride, qualcun altro resta incredulo e ascolta con attenzione i rumori che provengono dalle fauci spalancate dei giganti meccanici. Una cosa è certa: il Tyrannosaurus Rex, fa paura, ha ancora nella bocca i segni della sua ultima preda. Una scena vivida in cui altri piccoli esemplari scappano intorno al temibile gigante per sfuggire alla sua ira, mentre i velociraptor volano nella posizione d’attacco. Sembra tutto così reale, ed in fondo lo è pure: basta chiudere gli occhi e in un attimo sembra proprio di essere approdati sulla spiaggia di un’isola preistorica dove il tempo si è fermato all’era Giurassica.

Questa l’atmosfera stamani all’inaugurazione della “Mostra sui dinosauri” al Centro commerciale Porte di Catania – patrocinata dall’Università degli Studi, dalla Provincia Regionale e dal Comune di Catania, assessorato alla Cultura - che ospiterà per un mese lungo le ampie gallerie, le perfette riproduzioni a dimensioni naturali degli animali – sia carnivori che erbivori – che popolarono la terra milioni e milioni di anni addietro.

«Una mostra scientifico–didattica che ha il duplice scopo di coniugare l’attività di animazione a quella istruttiva» esordisce Gennaro Simeone, direttore Centro Commerciale Porte di Catania. E, infatti, lungo i corridoi del tempo, grandi e piccini sono rimasti incantati dagli esemplari realizzati con abilità dai maghi della Special Effects Creatures Studios, specialisti in creazioni ed effetti speciali per il cinema. Macchine fotografiche in mano, oggi la parola d’ordine è stata: catturare il passato per immergersi dentro la storia.

«La mostra, che per la prima volta approda in Sicilia – prosegue Simeone – è stata realizzata pensando a un percorso didattico per i ragazzi e per questa ragione abbiamo messo a disposizione un servizio navetta gratuito per le scolaresche che hanno prenotato la visita. Inoltre, per interagire con il pubblico abbiamo creato delle “isole” con una scenografia studiata nei minimi dettagli, inserendo didascalie tecnico-scientifiche per gli appassionati e non. Un vero e proprio evento creato con l’obiettivo di integrare la nostra struttura nel territorio che la ospita». Nove le postazioni che compongono la “Mostra sui dinosauri”, dove spiccano i quattro giganteschi esemplari: il Tyrannosaurus Rex (8 metri di lunghezza x 4,5 metri di altezza), lo Stegosaurus (7,50 m di lunghezza x 3,50 di altezza metri), il Triceratops (alto 3,5 metri e lungo 8) e il Camarasaurus (7 m di lunghezza x 3 m di altezza), conosciuti sui libri di scuola certo, ma impressi nella memoria sui maxi schermi dei cinema. Studiando ogni dettaglio insieme a paleontologi ed esperti del settore, Gaetano e Francesco Paolocci, rispettivamente direttore tecnico e artistico della Special Effects Creatures Studios, nel lontano 1999 hanno impiegato circa otto mesi per costruire i quattro giganti animatronici e un anno per completare tutta la mostra. Da allora l’esposizione ha viaggiato in diversi stati europei e in varie città italiane. «Abbiamo cominciato studiando ogni minimo particolare e riproducendo il tutto rispettando i dettagli e le norme di sicurezza che servono per allestire la mostra» osserva Francesco Paolocci. «Rinnovare sempre l’interesse delle persone è possibile grazie alla spettacolarizzazione dei dinosauri, animati attraverso l’utilizzo di componenti elettroniche e robotiche, che gli danno autonomia di movimento: questo li rende davvero vivi e attraenti».

A completare la mostra, riproduzioni in lastre fossili di scheletri di dinosauri e la ricostruzione – a dimensione naturale - di un’intera famiglia di ominidi preistorici del Paleolitico con prole. E ancora, embrioni di dinosauro e nidiate di uova con piccoli appena nati. Questi bestioni che per mamme, papà, nonni e zie sono semplicemente i dinosauri, ma che per i loro pargoli hanno nome, cognome e data di nascita, stanno già catturando l’attenzione di centinaia di bambini. In un’atmosfera surreale con pachidermi animati che ruggiscono e ambientazione fedelmente ricreate, lastre fossili e reperti affascinanti, fuori dai musei, rivive un mondo ormai perduto. Gli organizzatori ne sono certi: questa mostra, a Catania, lascerà l’impronta.


La “mostra sui dinosauri” sarà aperta tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00 presso il centro “Porte di Catania”, situato alla fine dell’autostrada Pa-Ct, sull’asse dei servizi in prossimità dell’aeroporto e all’ingresso della città etnea

Il sindaco di Catania Raffaele Stancanelli ha nominato quattro nuovi assessori nella giunta comunale in aggiunta agli otto che già compongono la squadra di governo cittadino.
Per il Pdl entrano nell’Amministrazione Comunale Ottavio Vaccaro e Vittorio Virgilio; Sebastiano Arcidiacono e Massimo Pesce sono stati nominati, invece, come espressione del Movimento per le Autonomie.
“Avevo già preannunciato lo scorso mese di maggio quando furono nominati i cosiddetti tecnici che avremmo integrato la compagine con rappresentanti delle forze politiche di maggioranza quando le condizioni politiche lo avrebbero consentito-ha spiegato il sindaco Stancanelli presentando i nuovi assessori-. Si tratta di un rafforzamento della giunta con soggetti di provata esperienza nell’ambito politico e amministrativo individuati da una rosa di nomi che mi è stata fornita dai gruppi consiliari. Sono scelte di cui mi assumo la piena responsabilità e per questa sensibilità nei confronti del sindaco ringrazio le forze politiche che mi hanno messo in condizione di operare nell’esclusivo interesse della città”.
A concreto sostegno di questa impostazione Stancanelli ha citato l’evidenza che “la rappresentenza numerica degli assessori di estrazione politica non rispecchia fedelmente quella del consiglio comunale, poichè non si è badato alla mera suddivisione delle forze in campo a palazzo degli elefanti bensì a trovare una sintesi che consentisse una prosecuzione dell’incisivo lavoro fin qui svolto dalla giunta in carica e da quella precedente”. Il sindaco ha aggiunto, inoltre, di “non escludere, se si verificheranno le condizioni, successivi coinvolgimenti della maggioranza nella compagine di giunta” e ha reso noto “di avere chiesto alla dottoressa Rita Cinquegrana di rimanere in carica come assessore il lasso di tempo necessario a completare alcuni progetti del turismo strettamente connessi all’attività del Teatro Massimo Bellini, istituzione che sta egregiamente guidando come sovintendente”.
Alla luce delle nuove designazioni, il sindaco ha distribuito le nuove deleghe nel seguente modo:

Urbanistica e Gestione del Territorio: Prof. Luigi Arcidiacono
Bilancio - Patrimonio e Partecipate: Dr. Roberto Bonaccorsi
Attivita’ Produttive: Dr. Francesco Cannizzo
Cultura e Grandi Eventi: Sig.ra Marella Ferrera
Mobilita’ e Viabilità: Ing. Alberto Pasqua
Politiche Sociali e per la Famiglia: Prof. Carlo Pennisi
Ecologia e Ambiente: Prof. Claudio Orazio Michele Torrisi
Turismo: Prof.ssa Rita Cinquegrana
Sanità e Pubblica Istruzione: Prof. Vittorio Virgilio
Sport e Politiche Giovanili: Avv. Ottavio Vaccaro
Lavori Pubblici e Manutenzioni: Dr. Sebastiano Arcidiacono
Polizia Municipale – Mare: Dr. Massimo Pesce

Confermato il Prof. Luigi Arcidiacono Vice Sindaco.

Tutte le altre deleghe rimangono nella titolarità del sindaco.


Breve scheda dei nuovi assessori:

Avv. Ottavio Vaccaro, 36 anni, legale, già consigliere e assessore provinciale.
Prof. Vittorio Virgilio, 55 anni, medico chirurgo, già manager dell’azienda ospedaliera Policlinico.
Prof. Sebastiano Arcidiacono, 46 anni, insegnante già assessore comunale e dirigente Acli.
Dott. Massimo Pesce, 46 anni, bancario, già consigliere e assessore provinciale.

Pietra lavica luisa trovato

Il Distretto Produttivo della Pietra Lavica dell’Etna, sito a Belpasso, ha realizzato una nuova riunione con gli esercenti di cava associati al Distretto per esaminare le problematiche  relative al vigente Piano Cave Regionale e alla commercializzazione dei massi lavici estratti nelle cave. La riunione è stata presenziata da Alfio Papale, presidente del Distretto, coadiuvato da Alfio Grassi, consigliere del Consorzio.

Nel corso del dibattito è emersa da parte degli esercenti di cava l’esigenza di pianificare un sistema di commercializzazione consortile al fine di regolamentare il mercato dei massi lavici, puntando molto sulla “valorizzazione della pietra lavica dell’Etna e dell’intero comparto lapideo”.

E’ stata, inoltre, manifestata la volontà degli esercenti di cava di costituire un fondo finanziario per intraprendere le opportune azioni di rilancio del comparto.

Gli organi direttivi, unitamente ai partecipanti, hanno convenuto di aggiornare in un breve arco temporale un incontro per definire i dettagli tecnici dell’iniziative avanzate.

 

Stamattina il Sindaco Carmelo Spitaleri, ha presentato la sua, anche se parziale, nuova squadra di Giunta comunale, tra riconferme e nuove nomine.

Dopo l’azzeramento della Giunta, il 17 gennaio scorso, oggi, il primo cittadino ha presentato la nuova composizione della squadra di governo comunale, varando, formalmente, questo rilancio del percorso amministrativo, «con un nuovo spirito di squadra» - ha detto a commento Spitaleri -.

Riconfermati gli assessori Mario Calderone, Michele D’Urso, Domenico Di Martino e Francesco Castelli che ricoprivano già la carica di assessori sin dall’inizio del mandato del Sindaco Spitaleri. In Giunta, ha fatto il suo ingresso da assessore anche Carmelo Spina, classe 1959, dirigente professioni sanitarie all’Asp di Messina.

Il giuramento nella stanza del direttore generale, dott. Paolo Foti.

 

Poco prima della presentazione della Giunta comunale, una parentesi è stata aperta dal primo cittadino relativamente all’ex assessore ai Beni Culturali Claudia D’Aita, la quale, in una lettera di qualche giorno fa, ha comunicato al Sindaco come, nei prossimi mesi, una serie di contingenze, le avrebbero impedito un impegno costante in Giunta, qualora volontà del Sindaco fosse riconfermare la sua presenza.

 

«La dott.ssa D’Aita mi ha comunicato, correttamente, la sua non disponibilità per impegni di studio e di professione ai quali dovrà dedicarsi per il momento – ha spiegato il sindaco – e non posso che prenderne atto malgrado, per l’impegno profuso fino a oggi, la sua presenza fosse stata da me prevista nella composizione della nuova Giunta. Posso già annunciare che la riavrò, nella squadra di governo, nei prossimi mesi, non appena completerà la fase più delicata del percorso professionale che ha intrapreso con grande serietà. L’assessore D’Aita era, infatti, tra gli assessori riconfermati».

 

Nei prossimi giorni il primo cittadino completerà la Giunta nominando gli altri assessori e attribuendo le deleghe.

 

Relativamente alla nuova Giunta il Sindaco spiega: «Sono orgoglioso del percorso compiuto fin qui con la precedente Giunta ma era necessario ripartire con slancio e un nuovo spirito di squadra. Ringrazio tutti gli assessori che fin qui hanno condiviso un percorso che guarda alla crescita di Riposto».

 

Mario Calderone, Michele D’Urso, Domenico Di Martino, Claudia D’Aita – come assessore designato - e Francesco Castelli hanno sottolineato quanto segue: «Guardiamo, insieme, alla creazione di un nuovo momento politico. Importante sottolineare come, il nostro sostegno al Sindaco Spitaleri rimane e rimarrà immutato e, soprattutto, incondizionato. In tal senso, ci distinguiamo da qualsiasi forza politica che dovesse mai porre condizioni e paletti al fine di imporre decisioni che prescindono da strategie politiche volte al rilancio della nostra città».

 

Il neo assessore Carmelo Spina ha ringraziato il Sindaco sottolineando «piena collaborazione – ha detto – alla squadra di Giunta. Lavoreremo in gruppo, seguendo le linee del Sindaco a tutela di una città sulla quale non si può che investire. Non vedo l’ora di mettermi all’opera».

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI