Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 06 Giugno 2020

Isola Capo Rizzuto - La r…

Giu 01, 2020 Hits:199 Crotone

Zero contagi a Crotone, P…

Mag 27, 2020 Hits:317 Crotone

La Lega di Crotone unita …

Mag 25, 2020 Hits:412 Crotone

Lega Giovani: La mafia pu…

Mag 23, 2020 Hits:448 Crotone

Isola Capo Rizzuto - Gior…

Mag 23, 2020 Hits:441 Crotone

Tre anni fa il gemellaggi…

Mag 19, 2020 Hits:589 Crotone

Antica Kroton, la Lega in…

Mag 16, 2020 Hits:616 Crotone

Crotone in fiore

Mag 05, 2020 Hits:794 Crotone

Museo Nazionale Archeologico di Taranto

 

Il 21 dicembre riapre il Museo Nazionale Archeologico di Taranto, con le nuove sezioni espositive dedicate alla città romana, alla città tardoantica ed altomedievale fino alla rifondazione bizantina dell’XI secolo d.C. E’ prevista la presenza del Ministro dei beni culturali e ambientali e del turismo, Massimo Bray.Si tratta peraltro del primo piano del Museo (l'unico per ora fruibile).

Dal 22 dicembre, dalle ore 8.30 alle ore 19.30 (chiusura biglietteria ore 19.00), saranno fruibili dal pubblico, oltre agli spazi già noti, in tutti i casi integrati con l’esposizione di nuovi reperti (monumenti funerari, vasi, mosaici, arredi), altre nove sale con la ricca documentazione delle produzioni tarantine e delle importazioni di età romana, dei variegati corredi della necropoli della città a partire dalla conquista di Q. Fabio Massimo del 209 a.C. fino al III secolo d.C. Nelle vetrine risaltano le bellissime oreficerie, arricchite da paste vitree e pietre colorate, le terrecotte policrome ancora di tradizione greca, ossi, avori, e soprattutto vetri colorati importati che caratterizzano le sepolture ad incinerazione di età imperiale, fino ai frammenti di eccezionale eleganza del sarcofago in marmo con scena di assalto alle navi.

La sezione dedicata alla città dal tardoantico all’età bizantina offre una vasta documentazione dei pavimenti musivi dell’edilizia pubblica e privata, con motivi geometrici e figurati policromi e materiali da scavi stratigrafici recenti (Villa Peripato, Palazzo delli Ponti, Cattedrale di S.Cataldo) che hanno fornito dati rilevanti su tali fasi di vita del centro antico.

Nell’ultima sala sono anche inserite epigrafi funerarie di Ebrei, Cristiani e Musulmani, che documentano la presenza a Taranto di genti di cultura e religione diverse fra il IV e l’XI secolo d.C.

La sezione dedicata alla storia del Museo è stata completamente rinnovata, con la ricostruzione di ambientazioni d’epoca e l’esposizione di acquisti e donazioni pervenute al Museo dalla fine dell’Ottocento ad oggi, con i vasi figurati di importazione e di produzione locale trafugati dai siti archeologici del territorio apulo e confluiti in musei stranieri, recentemente recuperati e restituiti alla fruizione pubblica nel MARTA.

Una nuove veste espositiva è stata inoltre riservata ai quadri donati da Monsignor Ricciardi al Museo agli inizi del ‘900, in uno spazio a piano ammezzato che prospetta sulla Sala IX.

ceramica_enza_fasano2

 

Grottaglie torna a essere protagonista tra le città delle Ceramiche.

Lo splendido giardino Giacomo D'Atri del Castello Episcopio ha aperto al grande pubblico la mostra della Ceramica “Esperienza Greca”, dedicata agli scambi artistici, sociali e culturali intervenuti nella storia tra Puglia e Grecia e che trova tuttora testimonianze nell’arte ceramica. Un’esposizione ricca e brillante quella che si presenta agli occhi del visitatore,con circa 70 opere che possono essere ammirate fino al 30 settembre. Una mostra che fa di Grottaglie ancora una volta il centro della cultura ceramica in Italia e nel mondo e che si arricchisce ogni anno grazie alla istituzione di concorsi che premiano l’espressione e la creatività di chi opera nell’artigianato in Italia.

 

Quest’anno il XX concorso di Ceramica Mediterranea promosso dal Comune di Grottaglie è stato vinto dallo studio  d’Arte Anti di Grottaglie. Se pur fuori concorso, le loro opere hanno rispecchiato immediatamente agli occhi della giuria, una continuità generazionale capace di coniugare la dimensione storico-stilistica della Magna Grecia con la pratica artigianale. Un’ ‘esperienza greca’ che può essere uno stimolo per le nuove generazioni di ceramisti considerati un target importante per l’artigianato grottagliese. Il premio consiste nel Quaderno d’arte: una pubblicazione di 24 pagine dedicata esclusivamente alla produzione dell’artista premiato, una parte delle quali sarà utilizzata dal vincitore mentre la restante sarà impiegata dal Comune di Grottaglie per promuovere l’arte ceramica. Una opportunità per i premiati per la divulgazione e promozione della loro arte

Al concorso hanno partecipato oltre 65 opere - contro i 40 del 2012 -  provenienti da ben 10 regioni, da nord a sud, comprese isole (Puglia, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Piemonte, Sicilia, Toscana, Veneto).  Una sezione speciale è riservata alle opere in stile greco datate tra il 1950 ed il 1960 di Pietro Anti, ancora realizzate dai figli, studio d’Arte Anti e opere di Ciro e Biagio Arces provenienti dalla collezione di Ciro e Gerardo -  Ciro Arces realizzate tra il 1950 ed il 1960.

Castello_episcopio

 

La Mostra della Ceramica, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Grottaglie con il patrocinio dell’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, è nata nel 1971 come mostra dell’arte e dell’artigianato di Grottaglie. Negli anni si è trasformata in mostra-mercato, subendo anche alcune interruzioni, prima di diventare un concorso di ceramica mediterranea come occasione per riflettere sui valori storici, di civiltà e originalità a tutela di un patrimonio che oggi rischia di perdersi nel compiacimento di esigenze consumistiche lontane anni luce da una tradizione dalle antiche radici. La mostra ha attirato nel corso degli anni turisti provenienti non solo dall’Italia ma anche dall’estero.

Vicino al Castello Episcopio vi è la via storica che accoglie le numerose botteghe, via Crispi e che fa di Grottaglie un luogo unico al mondo. Contrariamente a quanto avviene negli altri centri di antica produzione ceramica italiani, Grottaglie vanta il più vasto ed importante “Quartiere delle Ceramiche” in ambiente rupestre ancora in attività. La sua originale architettura rupestre è testimoniata dalle numerose botteghe scavate nella roccia e la caratteristica che rende unico questo Quartiere, risiede nell’insieme delle numerose botteghe artigiane nelle quali, sin dal Medioevo, si lavora e si produce la ceramica. Il Quartiere è costituito da numerose scavate nella roccia in alcune delle quali si conservano ancora antiche fornaci; in ciascuna bottega è possibile osservare le diverse fasi di lavorazione dell’oggetto ceramico e, contemporaneamente, acquistare il prodotto finito.

Grottaglie (TA) è inserita nell’AiCC (Associazione italiana Città della Ceramica).

La mostra Esperienza Greca sarà aperta al pubblico fino al 30 Settembre 2013 con i seguenti orari:

Luglio/Agosto tutti i giorni (festivi compresi) 10.00/13.00; 17.00/ 22.00,

Ogni sabato di agosto 10.00/13.00; 17.00/23.00

Ingresso gratuito.

ceramista

“Finalmente la Centrale del latte di Taranto ha un nuovo amministratore! Lunga vita al nuovo amministratore! Allevatori gioite!”. Cronaca di una pantomima annunciata.

“Si è consumato l’ultimo atto di un dramma pirandelliano che – siamo alle solite – colpirà allevatori, lavoratori e tessuto economico e sociale della provincia di Taranto. La società Archita Finance srl rappresentata dal Dott. Pomes, proprietaria della Gealat – Centrale del Latte di Taranto, dopo aver ‘indotto’ le dimissioni dell’Amministratore Delegato per “non condivisione di talune scelte aziendali e perché decaduto il rapporto di fiducia con lo stesso AD”, ha deciso, a maggioranza dei soci presenti in assemblea, di riconfermare lo stesso amministratore, ritornandogli il ‘maltolto’, ovvero l’incarico, conferendogli pieni poteri e nominandolo addirittura Amministratore Unico.” Dura la presa di posizione del Presidente della Coldiretti di Taranto, Alfonso Cavallo, circa quanto accaduto ieri nel corso dell’Assemblea dei soci della Centrale del latte di Taranto.

“Non possiamo credere che nulla sia cambiato – continua il Direttore della Coldiretti di Taranto, Francesco Carbone - e sia stato riconfermato e addirittura premiato chi, in venti mesi di gestione, ha perso numerose commesse, creando un buco di bilancio di qualche milione di euro e non pagando gli allevatori oramai da oltre sette mesi. Le ‘fantanomine’ alla Centrale del Latte aggravano in maniera irreversibile il contesto generale del comparto lattiero-.caseario. In provincia di Taranto operano molti trasportatori/commercianti pagano con grande ritardo le forniture del latte, anche a 150 giorni dalla fattura, ed alcuni di questi, dopo aver illuso gli allevatori con flussi finanziari facili – denuncia Carbone - “scappano” lasciando buchi anche di milioni di euro. Se per alcuni l’alibi della crisi può essere plausibile, per molti altri si può tranquillamente parlare di vera e propria truffa. Per questo la Coldiretti ha dato mandato ai legali di difendere gli allevatori soci contro truffe e speculazioni”.

A ciò si aggiungono i continui rincari che gli allevatori subiscono: +9,1 % la voce mangimi, +6% i concimi, +5,7% i prodotti energetici, + 8,3% l’elettricità.

Per la Coldiretti di Taranto urgono risposte tempestive ed efficaci da parte delle Istituzioni di breve e lungo periodo. Per contrastare i fenomeni speculativi, le proposte di medio periodo dovranno prevedere sia soluzioni legislative che organizzative:

•           una indifferibile riorganizzazione della filiera lattiero-casearia, in funzione della quale la Coldiretti sarà impegnata a favorirne le condizioni e la realizzazione;

•           interventi legislativi urgenti da parte della Regione Puglia a difesa degli allevatori dalle facili truffe. Coldiretti Taranto, nello specifico, chiede che i trasportatori/commercianti siano accreditati come primi acquirenti soltanto se affidabili e disponibili a contrattualizzare l’attività di commercio del latte secondo quanto previsto dall’art. 62 della legge 27/2012 inserendo qualche riferimento anche nei disciplinari del marchio Prodotti di Puglia.

 

Museo Nazionale Archeologico di Taranto

 

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in occasione della festa dei lavoratori, ha disposto l’INGRESSO GRATUITO ai Musei, i Monumenti e le aree archeologiche che aderiscono all’iniziativa.

Pertanto il 1° maggio Il Museo Nazionale Archeologico di Taranto sarà aperto al pubblico dalle ore 8.30 alle ore 19.30 (ingresso consentito fino alle ore 19.00) senza pagamento del biglietto.

Inoltre sono confermate le visite guidate gratuite al percorso museale alle ore 9.00, 10.00, 11.00, 12.00, 16.00, 17.00, 18.00, a cura di funzionari e personale tecnico della Soprintendenza (prenotazione telefonica allo 099/4532112) e le performances musicali dei giovani artisti dell’indirizzo musicale del Liceo Archita, che, guidati dai docenti, si esibiranno nella hall del museo dalle ore 16.00 alle ore 19.00.

Oggetti del Museo di Taranto

E’ arrivata anche a Taranto la “Pasta della Bontà”, l’iniziativa di raccolta fondi a sostegno delle attività della Lega del Filo d’Oro, l’Associazione che da quasi 50 anni assiste in tutta Italia i sordociechi e i pluriminorati psicosensoriali.

“A partire da ieri nel Mercato di Campagna Amica di Via Lacaita 15 – spiega il Direttore della Coldiretti di Taranto, Francesco Carbone – è possibile trovare il kit composto da tre pacchi da 500 grammi di pasta, di grano duro 100% italiano, in un pratico shopper. Insieme al kit, composto da 3 tipologie di pasta (fusilli, penne e tortiglioni), sarà distribuito un mini-ricettario con le ricette di Renzo Arbore, Marisa Laurito e Teresa Mannino”.

Nei mercati aderenti, con una donazione minima, è infatti possibile ricevere un kit di “Pasta della Bontà”, composto da tre pacchi da 500 grammi di pasta di grano duro 100% italiano e un mini ricettario con le ricette di Renzo Arbore, Marisa Laurito e Teresa Mannino, testimonial dell’iniziativa.

Una persona è considerata sordocieca quando vi è una combinazione della perdita totale o parziale della vista e dell’udito, problematiche queste del tutto particolari che necessitano di servizi di assistenza e riabilitazione a cui tutti possiamo contribuire con un semplice gesto di bontà e solidarietà.

“Da napoletana appassionata della buona cucina non potevo non aderire all’operazione Pasta della Bontà – dichiara Marisa Laurito - E poi sapere che per una volta mangiare bene fa anche del bene mi rende felice di questa mia scelta; per questo rivolgo a tutti un caloroso appello: sosteniamo la Lega del Filo d’Oro, partecipiamo numerosi alla campagna Pasta della Bontà”.

Per trovare il mercato più vicino, conoscerne i giorni e gli orari, visita il sito www.pastadellabonta.it/i-mercati/ oppure il sito www.puglia.coldiretti.it o chiama il Numero Verde 800904450.

La Lega del Filo d'Oro, fondata nel 1964, è oggi punto di riferimento per l’assistenza, la riabilitazione e il reinserimento delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali, che nel nostro Paese sono, secondo uno studio europeo, tra tremila e undicimila. Con oltre 470 dipendenti, tra operatori specializzati, medici, psicologi, assistenti sociali, e 430 volontari, la Lega del Filo d'Oro ha sedi a Osimo, Lesmo, Modena, Roma, Napoli, Molfetta e Termini Imerese.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI