Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 07 Giugno 2020

Isola Capo Rizzuto - La r…

Giu 01, 2020 Hits:208 Crotone

Zero contagi a Crotone, P…

Mag 27, 2020 Hits:326 Crotone

La Lega di Crotone unita …

Mag 25, 2020 Hits:421 Crotone

Lega Giovani: La mafia pu…

Mag 23, 2020 Hits:456 Crotone

Isola Capo Rizzuto - Gior…

Mag 23, 2020 Hits:450 Crotone

Tre anni fa il gemellaggi…

Mag 19, 2020 Hits:595 Crotone

Antica Kroton, la Lega in…

Mag 16, 2020 Hits:622 Crotone

Crotone in fiore

Mag 05, 2020 Hits:800 Crotone

LOCANDINA

E’ al nastro di partenza a Taranto il Primo Festival della Cultura Classica, organizzato dall'Associazione Tarentum Festival, con la collaborazione di sei Licei di Taranto (Aristosseno, Archita, Q. Ennio), Grottaglie, Manduria, Massafra, nonché dell'AICC (nazionale e della delegazione di Taranto) e con la sponsorizzazione di diverse associazioni culturali.

Il Festival si svolge nei giorni 20-21-22 novembre 2014, dalle ore 16.00 alle ore 19.00, presso la Sala c.d. Basilica dell'ex Convento di S. Francesco, in via Duomo, sede tarantina dell'Università degli Studi di Bari "Aldo Moro". Il Festival prevede relazioni di docenti delle Università di Bari e del Salento (prof. Onofrio Vox, prof.ssa Olimpia Imperio, prof.ssa Pasqualina Vozza) e di docenti ed ex docenti di scuole secondarie superiori di Taranto (prof.ssa José Minervini e prof. Adolfo Mele).

Gli studenti dei Licei su nominati, preparati dai loro docenti e diretti nelle performances dal regista Giancarlo Luce, si esibiranno in brani di epica, lirica, tragedia, commedia, filosofia della cultura greca e latina.

Un revival classico nell’ unica “città spartana al mondo….” come l’ha definita nella sua visita in città il ministro Franceschini.

IMG_0649

Un’esperienza all’insegna della valorizzazione del nostro territorio, ricco di materie prime, e che si avvale di una tradizione culinaria antica. Ma anche un tassello importante verso quell’idea di destagionalizzazione che occorre concretizzare, anche con iniziative di questo tipo”. – il presidente del GAL Terre del Primitivo Ernesto Soloperto commenta così il Festival della Dieta Mediterranea che si è concluso domenica 5 ottobre, una manifestazione che ha messo insieme eccellenze agroalimentari pugliesi, chef e cuochi di professione, appassionati del food e semplici visitatori.

Avetrana è diventata per tre giorni il cuore pulsante del mangiare sano, con aziende arrivate da tutta la regione nell’ambito del progetto di cooperazione internazionale LeaderMed (PSR Puglia 2007-2013 Misura 421 azione 4.2.2.). Un centro storico accogliente ha fatto da cornice alle tante attività organizzate: dalle lezioni di cucina ai laboratori per bambini, dalla scoperta dell’olio extravergine di oliva alla degustazione dei vini-risorsa preziosa di questo angolo di Puglia- passando infine per cooking show e itinerari del gusto.

Nei suggestivi vicoli, anche qualche turista straniero e curiosi arrivati dai paesi limitrofi che hanno apprezzato lo spirito della manifestazione, in linea con la mission del GAL Terre del Primitivo che è quella di trasferire la conoscenza dei prodotti tipici e la cultura dell’agroalimentare.

Nel corso dell’evento, tante le personalità istituzionali, tra tutte Fabrizio Nardoni, assessore alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, che ha espresso un plauso agli organizzatori per una iniziativa alla sua prima edizione che ha registrato numeri significativi: “Il turismo enogastronomico, in continua crescita, rappresenta il valore portante di questo territorio. Nello specifico- ha sottolineato-il tema della Dieta Mediterranea è anche al centro di Expo2015: lì porteremo innovazione e ricerca con progetti realizzati da giovani pugliesi”.

Insomma, un Festival nato come investimento sul territorio, ricco di potenzialità attorno alle qualiè necessario fare sistema.Da un lato le aziende con i loro prodotti di qualità, dall’altro i consumatori sempre più consapevoli: al centro una manifestazione che ha voluto rilanciare lo stile mediterraneo, inteso come benessere psicofisico, come filosofia di vita da perseguire, sin da bambini, in una regione per eccellenza votata all’enogastronomia.

Nardoni e Sindaco di Avetrana 

 

 

 

 

 

Proseguono i prolungamenti dell’orario di visita del Museo Nazionale Archeologico di Taranto che ha arricchito in questo periodo le sue collezioni con sculture, quadri e disegni di uno degli artisti più significativi del Novecento Giacomo Manzù, in mostra nelle sale del Museo.

Anche in questo primo weekend d’agosto sarà possibile usufruire delle aperture serali del MARTA:

Venerdì 1 agosto, il Museo sarà aperto fino alle ore 22.00 (chiusura biglietteria ore 21.30). Alle ore 20.15 verrà effettuata una visita guidata gratuita alle collezioni museali a cura di archeologi o di personale tecnico della Soprintendenza (prenotazione telefonica al numero 099/4532112).

Ingresso a pagamento, riduzioni ed esoneri come da normativa.

Sabato 2 agosto, apertura fino alle ore 23.00 (chiusura biglietteria ore 22.30), nell’ambito del programma Open Days promosso dall’Agenzia Regionale Puglia Promozione. Le visite guidate gratuite sono fissate alle ore 20.15 e 21.30 (prenotazione telefonica al numero 099/4538639).

Ingresso gratuito dalle ore 20,00.

ok ANTONELLA RICCI CEGLIE
Degustazioni, visite guidate tra gli itinerari del gusto, cooking show e ancora laboratori, un convegno, giochi tradizionali e lezioni di cucina. C’è tutto questo e molto altro nel Festival della Dieta Mediterranea che si terrà nel centro storico di Avetrana dal 3 al 5 ottobre. Una tre giorni alla scoperta delle bellezze del territorio e dei suoi sapori, che punta a raccogliere un ampio pubblico. Tutti gli eventi, infatti, saranno gratuiti. “Quando il vino brinda alla Dieta Mediterranea” lo slogan scelto per l’iniziativa. E non è un caso, dal momento che è organizzata dal GAL Terre del Primitivo nell’ambito del progetto di cooperazione internazionale LeaderMed che vede insieme ben 16 GAL pugliesi che saranno i protagonisti attraverso gli stand enogastronomici predisposti per l’occasione. Molto vario il programma di degustazione, con ticket a prezzi simbolici, differenziati per adulti e bambini. Vino, olio, ma anche food in genere, con particolare attenzione- è d’obbligo- a quei prodotti che hanno reso unica la Dieta Mediterranea. Insomma, saranno tre giorni molto intensi, per toccare con mano e gustare il Mediterraneo Rurale.
E poi ci sono loro, grandi chef che, con i loro piatti, nella serata inaugurale di venerdì 3 valorizzeranno al massimo i prodotti più genuini nell’ambito del “Cooking show dell’Innovazione”. Solo per fare qualche nome: Vinod Sookar, Stella Michelin; Palma D’Onofrio, Maestra di Cucina e gran finale con lo Chef pasticciere Tiziano Mita e i dolci all’Extravergine. Il giorno successivo, tra le tante attività, è in programma il “Cooking show della Tradizione”, con un divertente confronto tra la cucina mediterranea di casa e i professionisti delle scuole alberghiere. Coinvolti gli Istituti Alberghieri di Maruggio e Otranto, insieme- tra gli altri- allo Chef stellato Antonella Ricci, Direttore della Mediterranean Cooking School di Ceglie Messapica; Domenico Persano, Chef a domicilio; Tiziana Ingrassia, food blogger e gran finale con Valentina De Palma, chef con i tacchi a spillo. Sempre sabato sera, il cooking show avrà un preludio sul palco col noto esperto Agostino Grassi, segretario della Fondazione Dieta Mediterranea che spiegherà: “Perché è meglio friggere con l’olio di oliva”.
Inoltre, sono in programma alcuni laboratori: alla scoperta dell’extravergine di oliva, di degustazione vini con sommelier e calici, infine per i bambini che giocheranno con la Dieta Mediterranea, attraverso attività ludiche e di apprendimento con ortaggi e verdure di stagione. La domenica sarà dedicata anche alle lezioni di cucina e allo spettacolo della natura nei luoghi di produzione delle materie prime. A partire dalle 10, visite guidate gratuite (su prenotazione) con la proposta di due itinerari: le saline a tavola, alberi monumentali e vigne ad alberelli. Info: www.galterredelprimitivo.it. Il Festival della Dieta Mediterranea è un’attività finanziata nell'ambito del PSR Puglia 2007-2013 Misura 421 azione 4.2.2. Progetto LeaderMed.

L’opera di Giacomo Manzù giunge per la prima volta al MARTA | Museo Nazionale Archeologico di Taranto con una mostra dal titolo: “Giacomo Manzù e le sue donne”. Le sale del Museo Nazionale Archeologico di Taranto, celebri per la straordinaria collezione di gioielli del IV e del II secolo a. C. che vi è custodita, ospitano circa venti opere del maestro bergamasco, tutte ispirate al tema muliebre, centrale nella sua ricerca artistica fin dagli esordi.

L’inaugurazione avrà luogo sabato 5 luglio 2014 alle ore 20,00.

Il percorso espositivo prende inizio dalla grande tela Pittore e modella del 1958, e si snoda attraverso una serie di sculture, disegni ed incisioni in cui la figura femminile viene investigata con passione meticolosa, attraverso varie tecniche espressive. La donna, ricondotta all’essenza e alla forza del suo essere, denudata di ogni vanità terrena, è una fonte inesauribile d’ispirazione per l’artista, che la ritrae fin dal 1935, in opere agli antipodi dall’approccio accademico. Come ha notato Maurizio Calvesi, “Da amante […] egli non si è posto mai dei "modelli", né antichi né contemporanei; ma ha risposto in modo diretto al proprio sentimento dell’eros, della bellezza...”. E’ emblematico in tal senso il ritratto di Inge, futura moglie di Manzù, rappresentata nuda su uno scenario spoglio. La nudità della donna e dello spazio che la circonda, dove le suppellettili giacciono inerti su una sedia, simboleggiano l’essenza dell’amore, anche sensuale, che basta a se stesso. Questo stesso tema viene declinato nelle immagini di coppie di amanti, di modelle sedute e sdraiate, di danzatrici.

Alla nudità delle donne di Manzù fanno da contrappunto gli antichi gioielli esposti nelle sale del museo. Anche nell’arte, oltre che nel mondo reale, fin dai tempi più remoti, si è soliti vedere e rappresentare i gioielli come attributo e complemento della bellezza, prezioso ornamento della grazia femminile. I gioielli adornano le donne, esaltandone la bellezza, che, a sua volta, li impreziosisce. Nelle sale del museo di Taranto, la figura femminile, sublimata nella sua essenza dallo sguardo dell’artista, ed i gioielli ormai denudati della loro funzione mondana, quindi puri simboli del “bello”, si affiancano e si contrappongono in un fertile gioco di rimandi estetici.

L’evento espositivo, promosso dal MIBACT, Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici della Puglia e dalla Soprintendenza per i beni archeologici della Puglia è stato organizzato da Il Cigno GG Edizioni di Roma e Nova Apulia, in collaborazione con lo Studio Copernico di Milano.

Per l’occasione viene realizzato il catalogo della mostra, a cura de il Cigno GG.

 

Scheda Evento

Titolo “Giacomo Manzù e le sue donne”

Vernissage 5 luglio 2014 dalle 20.00

Date 6 luglio – 30 novembre 2014

Sede espositiva MARTA | Museo Nazionale Archeologico di Taranto

Via Cavour 10, 74100 Taranto

Orari di ingresso Aperto tutti i giorni: 08,30 – 19,30

Chiusura biglietteria ore 19,00

Informazioni al Pubblico Tel: (+39) 099 4532112

Fax: (+39) 0994594946

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

INFO: NOVA APULIA Tel: 099.4538639

Catalogo Il Cigno GG Edizioni

www.ilcigno.org

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI